eventi

"Allerona Petit Tour", escursione sul crinale "umbro e tosco" verso l'Anello di Poggio Spino

mercoledì 4 luglio 2018
"Allerona Petit Tour", escursione sul crinale "umbro e tosco" verso l'Anello di Poggio Spino

Sabato 7 luglio “Allerona Petit Tour”, il ciclo di visite guidate e gratuite organizzato dalla Cooperativa di Comunità O.A.S.I di Allerona con il patrocinio del Comune di Allerona, torna tra i boschi e i borghi carichi di storia della Selva di Meana.  Si parte alle 8.30 dall’Hosteria di Villalba, riferimento felice di esploratori di boschi profondi e di gastronauti folk e pop. Dall’Hosteria si attraversa un primo tratto boscato e, dopo aver percorso una comoda sterrata, si conquisteranno gli 810 metri slm di Poggio Spino, il punto più alto del Comune di Allerona da cui lanciare lo sguardo verso i verdi saliscendi della Toscana,

Dal vertice geografico alleronese ci si muove per un’altra sterrata per giungere su un crinale “umbro e tosco”: dapprima macchia, poi stupore e silenzio con lo sguardo che insegue panorami degni delle tele d’Arcadia di Claude Lorrain. Si prosegue battendo sentieri vetusti, un tempo attraversati dai monaci in cerca di solitudine e di erbe medicamentose. Si arriva così a San Pietro Acquaeortus, antico convento di benedettini oggi lussuoso borgo turistico, già dimora di religiosi nel XI secolo e, in precedenza, luogo sacro destinato a culti pagani.

Il luogo è arcano per via del silenzio e perché l’antico monastero sembra collocarsi in una faglia che segna il contatto e, assieme, l’impossibile compromesso, tra “ager” e “saltus”, natura domata e natura indomabile, regola e anomia. Questi boschi, un tempo minacciosi per via di bestie pericolose e altrettanto pericolosi briganti, riservavano ai frati doni preziosi, sotto forma di erbe e piante medicinali, concessi con parossistica parsimonia. La natura, del resto, “ama nascondersi” e concede i suoi segreti a chi coltiva tempo, tenacia, umiltà.

Virtù monacali che il moderno viandante dovrebbe dar prova, seppur in modica quantità, di possedere. Deposta la meditazione, si riprende il cammino per l’Hosteria chiudendo in tal modo l’anello di questo affascinante percorso tra Umbria, Terra di Mezzo e Toscana. Come da format, al termine del “Petit Tour sarà possibile esaudire eventuali desideri di piacevole relax approfittando dell’aperitivo preparato dall’Hosteria di Villalba (costo € 5) oppure del gustoso “menu delle tre regioni”.

Inoltre, a disposizione, per gli escursionisti appassionati dei gusti genuini delle filiere corte dell’Orvietano,altre tre postazioni enogastronomiche alleronesi tutte da sperimentare: La Panatella (tel. 0763 628253) e ‘L Povecchio (tel. 0763 628138).

Difficoltà : Adatto a bambini maggiori di 12 anni
Lunghezza : circa 10 km
Dislivello: 200 metri
Durata: circa 4 ore
Appuntamento: ore 8.30 all 'Hosteria di Villalba
Cosa portare: Almeno 1, 5 litri d’acqua, colazione, snack vari per le pause, scarpe da trekking. È consigliato un abbigliamento a strati, bastoncini da trekking, K-way.

Per info e prenotazioni: Federica 347 0101628anche tramite SMS

La guida si riserva la facoltà di modificare il percorso qualora le condizioni lo richiedano.

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità