eventi

Andrea Macinanti in concerto alla Chiesa della Collegiata

martedì 15 maggio 2018
Andrea Macinanti in concerto alla Chiesa della Collegiata

Sarà Andrea Macinanti il protagonista del concerto di Lugnano del Maggio Organistico Amerino. L’artista suonerà sabato 19 maggio alle 21 alla Chiesa della Collegiata esibendosi con l'antico organo Werlè costruito nel 1756 dall’organaro austriaco Johanes Conradus Werlè e restituito alla comunità lugnanese grazie all'interessamento dell'associazione Ameria Umbra e al maestro Wijnand van de Pol, al quale l'amministrazione comunale lugnanese dedica il concerto.

Andrea Macinanti è uno dei più importanti artisti del panorama nazionale e di oltre confine. Diplomatosi in Organo, Clavicembalo e Canto ai conservatori di Bologna e di Parma, si è perfezionato con Klemens Schnorr a Monaco di Baviera, conseguendo la laurea cum laude alla Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Bologna. È docente di Organo al Conservatorio «G.B. Martini» di Bologna ed ha curato numerose revisioni critiche, tra le quali i Fiori Musicali di G. Frescobaldi, l'opera integrale per tastiera di A. Scarlatti e di G.B. Martini (UT ORPHEUS), un'antologia in nove volumi di musica italiana per organo, l'Opera Omnia Organistica di M.E. Bossi e uno studio sull'analisi e l'interpretazione dei Trois Chorals di César Franck (Carrara).Membro dell'Accademia Filarmonica di Bologna, dal 1988 è direttore artistico della rassegna concertistica internazionale «Organi antichi, un patrimonio da ascoltare». Ha suonato in varie parti del mondo e costruisce a diffondere la culturan musicale dquella dell’organo.

L'organo Werle' della Collegiata Fu costruito nel 1756 dall’organaro nato a Vils (Austria) Johannes Conradus Werler che, trasferitosi a Roma era detto, e spesso si firmava lui stesso, Verlè. Dopo un periodo di abbandono, è stato restaurato nel 2003-2005 da Marco Laurenti grazie al contributo della Fondazione Carit. Lo strumento si trova a sinistra dell’altare maggiore, davanti alla sagrestia e presenta il prospetto in un’unica campata di canne tutte ornate da uno scudo rovesciato sopra il labbro superiore che rappresenta un tipico “marchio di fabbrica” di questo costruttore. Da notare anche l’altro tratto caratteristico di Werle consistente nella presenza di un registro di Flauto di otto piedi con canne di castagno. (ptn 311/18 12.06)

Commenta su Facebook

Accadeva il 11 dicembre

"ValorePaese". Immobili in concessione, con la promessa di rinascita

Pronta la prima area di sgambatura per cani, già previste altre due

Cena degli Auguri di Natale ed assemblea generale per l'Unitre

Vetrya Orvieto Basket d'autorità in casa della capolista

"Questa nostra Italia". In tanti a Orvieto per l'ultimo libro di Corrado Augias

Pulcinella

Orvieto FC, la prima squadra ritorna in vetta. Momento magico per la società

Orvieto Comune Europeo dello Sport 2017, la tribuna dello Stadio ha il tetto bucato

Quella faccenda lunga della "Settimana Corta"

Comitato Pendolari Roma-Firenze: "Delusi dall'assessore Chianella"

L'Orvietana mette paura alla capolista

In Via Vecchietti torna il Mercatino di Natale della Solidarietà

Pagamento mensa e trasporti, il bollettino arriva a casa

Torna "Valner.In.A.Box", il regalo che non dimentica l'Umbria post sisma

"Campioni in Cattedra" con il Coni, Alessio Foconi alla Scuola Primaria "Barzini"

Gli studenti dell'Istituto Comprensivo a "Mezzogiorno in famiglia"

Televisori sintonizzati su Raitre, Orvieto in onda su "Geo&Geo"

Assemblea regionale di "Potere al Popolo Umbria"

XXV Convegno Internazionale di Studi su Storia e Archeologia dell'Etruria

Prestiti "ad occhi chiusi" in biblioteca per un invito alla lettura a sorpresa

Guasto meccanico all'ascensore del sottopasso ferroviario

In 350 sulla Rupe per la tre giorni di "Orvieto Tango Winter"

Consulta per il sociale e Consulta giovani al Villaggio di Natale con la mostra di pittura

Medaglia d'Oro alla Protezione Civile, sede umbra collegata per la cerimonia

Raffiche di vento e pioggia, si moltiplicano gli interventi dei Vigili del Fuoco

Giornata di studio all'Unitus, Lazio terreno fertile per il futuro