eventi

Due giorni di festa con la FederCaccia nel segno della tutela ambientale

venerdì 18 agosto 2017
Due giorni di festa con la FederCaccia nel segno della tutela ambientale

La sezione Federcaccia Castel Viscardo, in particolare i soci che praticano l’attività venatoria alla specie cinghiale con il metodo della braccata, hanno organizzato, d’intesa con la locale proloco e con il patrocinio dell’Ammnistrazione comunale, due giornate di festa e musica “proseguendo” la 52esima Sagra della Cannelletta dal 22 al 23 agosto 2017.
In piazza a Castel Viscardo il 22 e 23 agosto 2017 si potranno degustare piatti tipici locali, rinnovando la tradizione castellese che vede un agosto pieno e ricco di eventi culturali, sociali e ricreativi molto partecipati.

Il gruppo cinghialari intende portare avanti un progetto di gestione integrata del territorio, in stretta collaborazione con gli agricoltori, con le associazioni e tutti i soggetti interessati, d’intesa con gli organi di governo venatorio del territorio (Regione, Comune, Ambito territoriale di caccia n. 3 ternano-orvietano, ecc….).

Laddove sarà necessario si provvederà a collaborare all’installazione delle recinzioni elettrificate e dissuasori, all’acquisto e fornitura delle stesse, di repellenti, ad operazioni di “scaccio” semina a “perdere” ecc. per prevenire i danni della specie cinghiale, capriolo ecc..

la Federcaccia di Castel Viscardo intende aprirsi alla società con programmi ed azioni a tutela e rispetto dell’ambiente in continuità anche con altre iniziate intraprese in passato, come l’organizzazione delle giornate ecologiche concretizzatesi con la ripulitura e raccolta dei rifiuti incivilmente abbandonati. Attraverso l’opera volontaria dei nostri iscritti vorremmo realizzare “una voliera a cielo aperto” nel comune di Castel Viscardo.

Il progetto si pone l’obiettivo di assicurare sul nostro territorio una costante presenza di fagiani e starne, ripristinando un ambiente il più possibile naturale, tipico degli anni passati, dove si contavano buone presenze di questi animali selvatici.

Il cacciatore deve rappresentare un presidio del territorio rispetto alle problematiche ambientali, tradizionali e storiche tipiche delle nostre zone. Al fine di raggiungere gli obiettivi del nostro progetto, intendiamo impegnare sia le nostre risorse umane ma anche assumere precisi impegni finanziari, che avranno comunque positive ricadute sul nostro comune.

il presidente della Federcaccia di Castel Viscardo, Massimo Tiracorrendo, conclude ringraziando il Comune, la locale Pro loco e tutti coloro che vorranno sostenere la nostra programmazione.

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 febbraio

In cammino con il CAI, costeggiando Allerona e i suoi verdi dintorni

Visite pastorali alle Vicarie della Diocesi di Orvieto-Todi. Si inizia da quella di San Giuseppe

La filosofia come scienza di vita al "Caffè Letterario" di Viterbo

Unitus, la ricerca di Agraria e Ingegneria ai vertici in Italia

Affarismi

Zambelli Orvieto dispiaciuta ma pronta a reagire, lo dice Giulia Kotlar

Lavori a Duesanti su strade ed aree pubbliche, in corso la bitumatura nel centro storico

Verso la riqualificazione dell'ospedale. I lavori inizieranno a marzo

Castello di Alviano aperto alle gite scolastiche da tutta Italia

Fiori, i candidi fiori

Unitus, Fondazione Carivit e Accademia dei Lincei insieme per una nuova didattica nella scuola

Beni culturali e sisma, la Regione promuove una mostra alla Rocca di Spoleto di opere recuperate e restaurate

Prorogata fino al 5 marzo la mostra delle Fiaccole Olimpiche

Seconda edizione per "Corri...Amo Orvieto", tappa del 13° Criterium Uisp Gare su Strada

Gori (Anci) replica alla CNA: "La fusione a freddo non funziona"

Per "Amateatro" al Cinema Teatro Amiata "Arriva l'ispettore"

Al Mancinelli "Caruso e altre storie italiane". Nel foyer incontro con il coreografo Mvula Sungani

Via il palo, dentro un milione di visitatori a Civita. Bigiotti: "Al lavoro per potenziare l'offerta turistica"

Convegno su "Aree Interne. Quali prospettive per lo sviluppo del territorio?"

Reduce dal palco di Sanremo, Elodie incontra il pubblico dell'Umbria

Anna Mazzamauro è "Divina". Doppio appuntamento e risate a non finire