eventi

Teatro Null apparecchia "Osteria da Shakespeare & Co"

mercoledì 17 maggio 2017
Teatro Null apparecchia "Osteria da Shakespeare & Co"

Dopo il successo della prima serata ritorna a grande richiesta “Osteria da Shakespeare & co.” domenica 28 maggio ore 20,15 presso il Podere Porcino sede del Teatro Null. “Shakespeare parla di cibo in ognuna delle sue opere.” – dice il suo ideatore Gianni Abbate – “Il dramma in cui cibo e bevande sembrano fare la parte del leone, è il Macbeth. L'apoteosi "culinaria" si raggiunge con il calderone delle streghe, una vera ricetta infernale, fatta di rospi, serpenti, ramarri, lingua di cane, zampe e ali di ramarri e civette, fegato di ebreo e chi più ne ha più ne metta! Il cibo è anche un modo per descrivere quanto i valori umani possano venire alterati: il latte della madre può diventare fiele e animali erbivori come i cavalli possono impazzire divorandosi tra loro, forse Shakespeare aveva previsto le ‘mucche pazze’ del futuro.

Nella nostra Osteria si avrà a che fare con personaggi scarnificati, ridotti all’essenziale, come intrappolati in un mondo in disfacimento, privo di valori e di conseguenza anche privo del senso del tragico, divenendo così comici e grotteschi. Ed ecco come si svolge lo spettacolo/banchetto: una lunga tavolata, dove gli spettatori/commensali, identificati anche loro come personaggi shakespeariani, vengono serviti di tutto punto, si fa per dire, da altrettanti personaggi tratti dalle opere del Bardo. I responsabili dell’osteria che si avvicendano intorno alla tavola sono Lady Macbeth, re Lear e due sicari prezzolati che per arrotondare fanno anche i camerieri. I personaggi oltre a recitare fra di loro, dialogano anche con gli spettatori/personaggi.

Il Teatro Null ha sempre perseguito l'idea che rappresentare spettacoli voglia dire incontrare altri e che fare teatro debba essere anche una forma moderna del convivio. In sala, oltre a Gianni Abbate nei panni di re Lear, Ennio Cuccuini e Simone Precoma sono i sicari/camerieri e Giovanna Vassallo la terribile Lady Macbeth, ai fornelli Maria Malleier. La prenotazione è obbligatoria. Costo cena e spettacolo, compresa la tessera dell’associazione, 25 euro.

Per info e prenotazioni: 347.1103270 – www.iportidellateverina.it

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 gennaio

Madame Bovary

Indagine della Procura, le puntualizzazioni di Enel

Giorno della Memoria, ricordare per prevenire. Iniziative della Cgil a Perugia e Terni

Conferenza su "Il mito di Giulia Farnese: amori, potere, storia…"

Robotica e agricoltura di precisione con il Progetto Pantheon

Orvieto FC, la prima squadre batte il GubbioBurano secondo in classifica

Per la Zambelli Orvieto è un momento magico, conquistata Montecchio Maggiore

Orvietana, sconfitta pesante contro il San Sisto

Finisce in carcere per una rapina in banca messa a segno due anni fa

Sicurezza, trecento controlli in due settimane sul territorio

Rti avanza richieste economiche al Comune, Tardani interroga il sindaco

Lia Tagliacozzo presenta il libro "La Shoah e il Giorno della Memoria"

L'Istituto per la Storia dell'Umbria Contemporanea per il Giorno della Memoria

In biblioteca lettura di "Sonderkommando Auschwitz" di Shlomo Venezia

Dal Castello Baronale alla Cappella Baglioni, fino al caffè a Villa Lais

Contro Azzurra Orvieto, Campobasso resiste ma non passa

Una brutta Vetrya Orvieto Basket lascia la vetta a Perugia

Violenza di genere, firmato il protocollo d'intesa per la realizzazione del sistema regionale di contrasto

"A spasso con ABC", giornata finale per i narratori del futuro

Sul palco del Rivellino, Anna Mazzamauro è "Nuda e Cruda"

Iniziative in tutta l'Umbria per San Francesco di Sales, patrono di giornalisti e comunicatori

"Col trattore in Complanare", in 140 a Ciconia per la benedizione dei mezzi agricoli

Il consiglio regionale FIE Umbria conferma alla presidenza Giulia Garofalo

Rumori di lavori in corso a Palazzo Monaldeschi, Olimpieri (IeT) interroga il Comune

Al Concordia, serata dedicata al teatro con "Il Canto del Gallo"

Comitato Scansano Sos Geotermia: "Il pericolo non va esportato in Maremma"