eventi

"Museo Vivo", al Palazzo Vescovile focus sugli antichi manoscritti di Matteo d'Acquasparta

martedì 25 aprile 2017
"Museo Vivo", al Palazzo Vescovile focus sugli antichi manoscritti di Matteo d'Acquasparta

Sarà la Sala del Trono del Palazzo Vescovile di Todi ad ospitare, mercoledì 26 aprile, alle ore 16.30, l'ultimo appuntamento del ciclo di incontri “Museo Vivo”, dedicato all’approfondimento di temi storici e artistici legati alla mostra “Mirabilia Tudertina”, visitabile negli spazi espositivi del Museo Civico di Todi fino al 30 giugno.

La conferenza “Anno Domini 1287. La donazione e i libri di Matteo d’Acquasparta”, a cura della dott.ssa Francesca Grauso, responsabile del Fondo manoscritti della Biblioteca comunale Augusta di Perugia, sarà l'occasione per vedere immagini dei manoscritti ancora conservati nella Biblioteca di Todi, soffermandosi sulla particolarissima scrittura di Matteo d’Acquasparta, ma anche per seguire, attraverso i suoi libri, il percorso di studi di un frate del XIII secolo.

Matteo d’Acquasparta, francescano di Todi e uno dei maggiori teologi della scolastica del XIII secolo, donò nel 1287 suoi libri ai conventi di Todi ed Assisi. Si tratta di circa 70 manoscritti, un patrimonio libraio dal valore considerevole per l’epoca, che Matteo aveva acquisito a Parigi, dove era stato studente e poi magister di teologia presso l’Università, e a Roma, dove aveva avuto l’incarico di lettore presso la Curia romana.

L’atto di donazione è conservato presso l’Archivio capitolare di Todi ed è attualmente esposto alla mostra “Mirabilia Tudertina”. È di grande interesse perché contiene l’elenco dei libri donati, molti dei quali sono ancora presenti nelle biblioteche di Assisi e Todi, oltre che in altre importanti biblioteche italiane. Tra le altre, vi sono opere di Aristotele e di una rara copia del “Timeo” di Platone, e opere di autori della patristica e della scolastica medievale, tra cui Bonaventura e Tommaso d’Aquino.

Ma Matteo dona anche gli autografi delle sue opere che, tuttora conservati, costituiscono un caso unico nella storia della cultura medievale, che ci permette non solo di meglio interpretare il suo pensiero, ma anche le modalità di studio e insegnamento presso l’Università di Parigi e la Curia romana. Alcuni di questi manoscritti sono anch’essi esposti nella mostra tuderte.

Fonte: Comune di Todi

Commenta su Facebook

Accadeva il 11 dicembre

"ValorePaese". Immobili in concessione, con la promessa di rinascita

Pronta la prima area di sgambatura per cani, già previste altre due

Cena degli Auguri di Natale ed assemblea generale per l'Unitre

Vetrya Orvieto Basket d'autorità in casa della capolista

"Questa nostra Italia". In tanti a Orvieto per l'ultimo libro di Corrado Augias

Pulcinella

Orvieto FC, la prima squadra ritorna in vetta. Momento magico per la società

Orvieto Comune Europeo dello Sport 2017, la tribuna dello Stadio ha il tetto bucato

Quella faccenda lunga della "Settimana Corta"

Comitato Pendolari Roma-Firenze: "Delusi dall'assessore Chianella"

L'Orvietana mette paura alla capolista

In Via Vecchietti torna il Mercatino di Natale della Solidarietà

Pagamento mensa e trasporti, il bollettino arriva a casa

Torna "Valner.In.A.Box", il regalo che non dimentica l'Umbria post sisma

"Campioni in Cattedra" con il Coni, Alessio Foconi alla Scuola Primaria "Barzini"

Gli studenti dell'Istituto Comprensivo a "Mezzogiorno in famiglia"

Televisori sintonizzati su Raitre, Orvieto in onda su "Geo&Geo"

Assemblea regionale di "Potere al Popolo Umbria"

XXV Convegno Internazionale di Studi su Storia e Archeologia dell'Etruria

Prestiti "ad occhi chiusi" in biblioteca per un invito alla lettura a sorpresa

Guasto meccanico all'ascensore del sottopasso ferroviario

In 350 sulla Rupe per la tre giorni di "Orvieto Tango Winter"

Consulta per il sociale e Consulta giovani al Villaggio di Natale con la mostra di pittura

Medaglia d'Oro alla Protezione Civile, sede umbra collegata per la cerimonia

Raffiche di vento e pioggia, si moltiplicano gli interventi dei Vigili del Fuoco

Giornata di studio all'Unitus, Lazio terreno fertile per il futuro