eventi

Per "Lezioni di Storia" al Teatro Mancinelli arriva Alberto Mario Banti

mercoledì 19 ottobre 2016
Per "Lezioni di Storia" al Teatro Mancinelli arriva Alberto Mario Banti

Secondo appuntamento al Teatro Mancinelli per le tre "Lezioni di Storia Speciale" fortemente volute dal cda dell'Associazione TeMa, promosse in collaborazione con Editori Laterza e patrocinate da Comune di Orvieto e Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Dopo "Il capo e la folla" che domenica 9 ottobre ha portato sul palco Emilio Gentile, si prosegue domenica 23 ottobre alle 17 con un altro prestigioso nome della storiografia italiana: Alberto Mario Baronti e la sua lezione "Il balcone di Manet. Costumi e morale borghese". "Tre persone affacciate a un balcone ci stanno davanti assorte, distanti, del tutto perse nei loro pensieri. Guardano verso l’esterno, intanto che un velo di tristezza si posa sui loro visi… Guardando i quadri dell’Ottocento francese con l’occhio dello storico, Alberto Mario Banti svela il modo in cui le élite sociali e culturali concepiscono i rapporti di genere, l’amore, la sessualità".

 

Considerato tra i più originali e autorevoli interpreti della storiografia sul Risorgimento, Alberto Mario Banti si laurea in lettere presso l'Università di Pisa nel 1980. Dal 1981 al 1984 segue un corso di perfezionamento in Storia presso la prestigiosa Scuola normale superiore di Pisa, e, successivamente, nel triennio 1985-88, un ulteriore corso di dottorato in Storia e civiltà presso l'Istituto universitario europeo di Firenze, dove nel 1988 consegue il dottorato di Ricerca in Storia e Civiltà con menzione speciale della commissione. Dal 1995 ha ricoperto diversi prestigiosi ruoli accademici internazionali, tra cui: nel 1995 è stato professore ospite presso l'Università di Girona, in Spagna; nel 1999 è stato Professeur invité presso l'École normale supérieure di Parigi, e dal 2001 è professore ordinario di storia dell'età contemporanea presso l'Università di Pisa, dove svolge una intensa opera di ricerca storica, collaborando con diversi dipartimenti della facoltà di lettere e filosofia, in particolare con il dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere.

Tra le sue collaborazioni fisse con riviste storiche, sono da annoverare quelle con la European History Quarterly, essendo egli membro dell'Advisory board dal 2004; mentre dal 2009 è direttore, insieme ad Arnold Davidson, Vinzia Fiorino e Carlotta Sorba, della collana «Studi culturali» pubblicata dalla casa editrice ETS, la principale casa editrice pisana. Per quanto riguarda le sue pubblicazioni in materia di storia del Risorgimento - del quale egli è stato dal 1992 al 2001 professore all'Università di Pisa -, nel settembre del 2006 al suo libro L'onore della nazione. Identità sessuali e violenza nel nazionalismo europeo dal XVIII secolo alla Grande Guerra (Einaudi, Torino 2005) è stato attribuito l'ambito Premio SISSCO (Società Italiana per lo Studio della Storia Contemporanea) per il miglior libro di argomento storico contemporaneistico pubblicato nel 2005.

Le "Lezioni di Storia" è un ciclo di incontri che racconta i grandi avvenimenti contemporanei dell’Italia e del mondo, gli eventi che hanno impresso svolte radicali, i personaggi che sono stati protagonisti della grande storia. Partito da Roma, ha fatto tappa a Milano, Torino, Genova, Firenze, Trento, Rovereto, Trieste e anche Londra e Dublino. Incantato da un linguaggio chiaro e avvincente, in luoghi sempre speciali, il pubblico ha avuto la possibilità di conoscere in presa diretta le vicende delle nostre città, i grandi avvenimenti contemporanei dell’Italia e del mondo, gli eventi che hanno impresso svolte radicali, i personaggi che sono stati protagonisti della grande storia. Il tutto con l’idea costante che recuperare il nostro passato aiuti a dare senso al nostro presente. Domenica 13 novembre alle 17 sarà la volta di Antonio Forcellino e della lezione sul tema "Leonardo. Il genio senza pace".

 

L'ingresso è di 15 euro (prezzo unico), gratuito per soci TeMa e studenti. All'iniziativa parteciperanno anche le scuole secondarie di secondo grado di Orvieto.

Per ulteriori informazioni: www.teatromancinelli.com promozione@teatromancinelli.it - 0763.531496
Per prenotazioni: biglietteria@teatromancinelli.it - 0763.340493

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 18 dicembre

Anatomia di un addio

Fine settimana da incorniciare per l'Orvieto FC. Palmerini: "Stiamo crescendo"

"Tanto per dire", seconda edizione. Al Liceo Classico "Tacito" torna il corso di dizione

Jazz e strumenti antichi al Museo Archeologico Nazionale in occasione di Ujw

Celebrata la Giornata Garibaldina, in memoria della battaglia di Mentana

Inaugurata la prima area di sgambatura per cani, previste altre due

Denunciata dalla Polizia una giovane pluripregiudicata

Partita la procedura di rilascio del passaporto elettronico

Rischio ghiaccio per i contatori, i consigli per proteggerli ed evitare spese

Umbria.GO raddoppia e si presenta nella versione dedicata ai pendolari regionali

Campagna Ocm Vino 2017/2018, incrementate le risorse a sostegno delle imprese

"Intrecci", inaugurata la scuola di alta formazione della famiglia Cotarella

"Concerto di Natale" nella Sala Unità d'Italia del Palazzo Comunale

"Geotermia a bassa e media entalpia, rischi e conseguenze"

"È nato un Re povero". Rappresentazione nei Giardini di Villa Faina

Presentata l'edizione 2018 della "Guida ai sapori e ai piaceri della regione Umbria" di Repubblica

Vetrya riceve il Premio Imprese per l'Innovazione di Confindustria e il Premio dei Premi dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri

Eletto il nuovo Coordinamento delle Cittaslow Italiane. Barbara Paron al vertice

Il tenente Giuseppe Viviano è il nuovo comandante della Compagnia Carabinieri

"Madonna con Bambino appare a San Filippo Neri", il dipinto su tela torna a splendere

Storia e segreti di Palazzo Franciosoni nel volume "Anatomia di un palazzo"

E dico ancora di Bianca

"La Tregua di Natale. Lettere dal Fronte". Lettura ad alta voce in Biblioteca

Nuovo video di Francesco Barberini in Campania con la LIPU

Infiltrazione d'acqua a scuola, le precisazioni del Comune