CINEMA E PAROLE
eventi

Proiezione di 'Girlfriend in a Coma' e incontro con gli autori

mercoledì 25 settembre 2013
Proiezione di 'Girlfriend in a Coma' e incontro con gli autori

Sarà proiettato lunedì 7 ottobre presso la Multisala Corso di Orvieto, "Girlfriend in a Coma", il film di Bill Emmott e Annalisa Piras girato a Orvieto.

Trama. Una fidanzata che versa in uno stato comatoso: è l'Italia. Così nel 2012 Bill Emmott (ex direttore della rivista britannica The Economist) e Annalisa Piras fotografano il nostro Paese in un documentario in cui ci si interroga sulla situazione politica italiana, sul processo di declino economico e sociale del Paese nel precedente ventennio e sul collasso morale che ha colpito l'Italia e che non trova riscontro in nessun'altra nazione del mondo occidentale. Emmott, protagonista del lungometraggio in prima persona, discende con quieta lentezza le scale del Pozzo di San Patrizio di Orvieto, cantando la Divina Commedia e riflettendo le sorti di una nazione che da decenni declina inesorabilmente verso il fondo del pozzo. Ed è proprio Orvieto, dal Pozzo al Duomo la scenografia principale del suo film diviso in tre parti: "La mala Italia", "La buona Italia" e "Gli ignavi", una tripartizione che corrisponde a quell'Inferno-Paradiso-Purgatorio della Divina Commedia dantesca.

Per aiutarci a spiegare la contrapposizione tra "mala" e "buona" Italia l'autore si serve di interviste illuminanti a varie personalità del mondo della politica, dell'economia e della cultura tra cui Roberto Saviano, Nicola Gratteri, Marco Travaglio, Giuliano Amato, Mario Monti, Sergio Marchionne, Nanni Moretti, Bruno Manfellotto, Matteo Renzi, Umberto Eco, Mario Calabresi, Elsa Fornero, Toni Servillo, Lorella Zanardo, Emma Bonino, Emma Marcegaglia, Susanna Camusso, Don Giacomo Panizza, Cristina Comencini, John Elkann, Carlo Petrini, Beppe Grillo.

Un film che non è un documentario "anti-Berlusconi" ma un atto d'amore verso il Bel Paese, una "chiamata alle armi" degli italiani onesti e un invito rivolto in particolare ai giovani, a impegnarsi per far uscire dalla crisi l'Italia e determinarne un cambiamento in meglio. "Film bellissimo e crudele documentario" lo ha giudicato Philippe Ridet, corrispondente da Roma di Le Monde. E così tanti altri critici cinematografici internazionali.

L'evento è reso possibile grazie all'interessamento e alla promozione di Residenza Dinamica in collaborazione con Multisala Corso.

Di seguito il programma:

Alle ore 19:30 l'aperitivo di benvenuto, con il contributo di aziende a chilometro zero quali Il Palazzone casa vitivinicola, Sale e Pepe RistoBar, Mocetti macelleria di Orvieto.

Alle ore 20:00, la proiezione del film

Subito dopo il dibattito aperto, alla presenza degli autori Annalisa Piras e Bill Emmott, moderato dal direttore di Articolo21 Stefano Corradino.

Commenta su Facebook