editoriale

Mi sono vergognato di essere orvietano

giovedì 11 dicembre 2003
di Claudio Lattanzi

Un voto scellerato, una dimostrazione di bassissimo livello politico, ma anche di latitanza completa del minimo senso civico e dello Stato. Il voto che i consiglieri comunali dei Ds e di Rifondazione hanno manifestato in Consiglio comunale bocciando la proposta di intitolare ai diciannove caduti di Nassiriya un albero, costituisce uno dei punti più bassi mai raggiunto dalla politica orvietana.

In totale contrapposizione rispetto al voto parlamentare espresso dagli stessi Ds sulla missione di pace in Iraq e contraddicendo platealmente il forte richiamo del Presidente Ciampi ai valori dell'unità e della solidarietà da dimostrare nei confronti dei militari italiani ancora presenti in Iraq, gli esponenti della sinistra orvietana sono rimasti intrappolati nella logica della più becera contrapposizione politica. Quella che impone di dire di no a qualunque richiesta degli avversari. Come è avvenuto  anche in questo caso quando c'era in ballo la possibilità di esprimere un gesto simbolico all'insegna dell'umanità ancor prima che del sostegno a chi rischia la vita sotto la bandiera italiana per pacificare un paese che solo adesso esce dall'incubo della dittatura.

I consiglieri comunali dei Ds e di Rifondazione hanno scelto un'altra strada. Sarebbe interessante che qualcuno di loro raccontasse ai nostri lettori le motivazioni di questo gesto. Forse avranno pensato che a morire in quell'esplosione siano stati diciannove soldati di Berlusconi e non diciannove italiani come noi, come me, come loro. E' evidente la loro convinzione che la guerra in Iraq sia una guerra sbagliata e che non si tratti di un'iniziativa militare per restituire la libertà a quel paese. Ognuno ha le sue idee, ma qui si sta parlando di una cosa grave e del tutto diversa. Quel voto in Consiglio comunale esprime un altro concetto: dice che per la comunità di Orvieto ci sono i morti di serie A a cui intitolare le steli ai giardini pubblici come Carlo Giuliani - ucciso mentre stava cercando di colpire un carabiniere  - e poi ci sono i morti di serie B.

Quelli massacrati da un'autobomba mentre facevano il loro dovere che è esattamente quello di difendere e proteggere la popolazione civile. Di loro noi ce ne freghiamo e  li mettiamo su un piano umano inferiore a quello di Carlo Giuliani. Questo, cari consiglieri di Rifondazione e dei Democratici di sinistra, è il segnale che avete dato ed è stato tanto brutto da far vergognare qualcuno (me compreso) di appartenere a questa comunità.
Come farete da oggi in avanti a ribadire il concetto, a voi caro, di Orvieto città del dialogo internazionale? Di quale dialogo può farsi promotrice una classe politica (seppur locale) che non dimostra il necessario rispetto di fronte alle vittime di Nassiriya?

P.S. Le opinioni espresse sono strettamente personali e non impegnano in alcun modo la redazione o la società editoriale.

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 24 gennaio

"Più o meno alle tre" con i Lettori Portatili. Andrej Longo presenta "L'altra madre"

Sabato 28 gennaio casting per il nuovo film di Alice Rohrwacher

Nello scavo della piramide di via Ripa Medici ritrovato il cibo degli Etruschi

Corso di Sociocrazia con Pierre Houben all'Auditorium

Orvieto, Via del Corso

L'Orvietana Rugby vince ancora al De Martino

Olimpieri (IeT): "Con Germani il Comune torna a privatizzare"

Prima seduta del nuovo Consiglio Provinciale, convalida degli eletti e giuramento del presidente

Ad aprile torna la Coppa degli Etruschi

Fabrizio Bentivoglio porta "L'ora di ricevimento" al Teatro Comunale di Todi

Imprese Creative, a disposizione 2,8 milioni di euro. Illustrati i criteri del primo bando regionale

Oltre 400 richieste in due mesi nei punti informativi di Sii, Ati e Assoconsumatori

Promozione turistica, l'Umbria presente per la prima volta all'Holiday World di Dublino

Atletica Libertas Orvieto, tanti gli eventi e le manifestazioni in arrivo nel 2017

Seduta plenaria della Pro Loco per l'approvazione dei bilanci

Prima seduta del consiglio comunale. In quindici punti l'ordine del giorno

Al Teatro Santa Cristina, il recital "...ed ora sono nel vento..."

Sisma, si riunisce comitato istituzionale. Marini: "Massimo supporto a sindaci dall'ufficio speciale ricostruzione"

Studenti in Comune per presentare "Testimoni della Memoria. Il nostro viaggio in Polonia"

Linea ferroviaria Orte-Foligno-Perugia, ripristinate due fermate

Cena a base di solidarietà. Serata speciale organizzata dai ragazzi dell'Oratorio San Filippo Neri e dagli studenti dell'Alberghiero

Donne vittime di violenza, in Regione firmato il protocollo per l'inserimento lavorativo e sociale

Sottoscritto il protocollo d'intesa tra Perugia e Orvieto per l'iscrizione delle Città Etrusche al Patrimonio Unesco

Al Teatro Boni va in scena "L'istruttoria" di Peter Weiss

"Viaggio nell'Operetta". Seconda tappa con Katia Ricciarelli e Andrea Binetti

Iaia Forte al Teatro Boni con "Tony Pagoda. Ritorno in Italia"

Benedizione dei Trattori a Ciconia. Gli agricoltori offrono il frutto del loro lavoro

"Comunicare speranza e fiducia nel nostro tempo". Il vescovo incontra i giornalisti per S.Francesco di Sales

Incontro su "La persecuzione in Europa e i suoi effetti anche a San Venanzo"

Uisp, la squadra Umbria Nuoto master cresce

Meteo

mercoledì 24 gennaio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento

--

--

--

--

--

--

15:00 11.8ºC 70% buona direzione vento
21:00 4.5ºC 93% buona direzione vento
giovedì 25 gennaio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 5.8ºC 90% buona direzione vento
15:00 10.5ºC 72% buona direzione vento
21:00 3.7ºC 97% buona direzione vento
venerdì 26 gennaio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 6.4ºC 93% buona direzione vento
15:00 9.3ºC 86% buona direzione vento
21:00 7.3ºC 93% buona direzione vento
sabato 27 gennaio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.3ºC 85% buona direzione vento
15:00 11.0ºC 76% buona direzione vento
21:00 8.4ºC 89% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni