editoriale

Il futuro della stazione ci preoccupa

sabato 12 luglio 2003
di Nuovo Comitato Pendolari
In relazione alle notizie trapelate dalla stampa, non confermate ma neppure smentite dall’azienda R.F.I., in merito alla chiusura della stazione ferroviaria di Orvieto durante le ore notturne e i giorni di fine settimana, il Nuovo Comitato Pendolari, in rappresentanza dei molti passeggeri che ogni giorno usufruiscono della nostra struttura ferroviaria, esprime preoccupazione per il futuro della stessa, messo sempre maggiormente in ombra dal progressivo depotenziamento che da diversi anni č in atto e che sta proseguendo senza le giuste contromisure da parte delle istituzioni locali.

Il Comitato, nelle sue battaglie per il rispetto dei diritti dei pendolari, ha sempre avuto il sostegno importante ed autorevole dell’Assessorato ai Trasporti ed auspica che tale collaborazione continui, tuttavia ritiene che sia giunto il momento che tutte le forze politiche della cittŕ e del comprensorio aprano un dibattito per costruire una politica di difesa dello scalo ferroviario che sia maggiormente autoritaria nei confronti delle FS e che possa effettivamente tutelare e garantire le centinaia di pendolari-utenti che giornalmente si spostano per lavoro.

A tal riguardo, ed anche in relazione alle iniziative assunte in Consiglio Provinciale in questi giorni, il Comitato chiede alla S.V. di portare d’urgenza, in qualitŕ di ordine del giorno alle prossime riunioni del Consiglio Comunale, la questione inerente alle trasformazioni, da tempo in atto, della funzionalitŕ della stazione ferroviaria di Orvieto, al fine di rendere note alla cittadinanza, tutte quelle azioni che le varie forze politiche intendono intraprendere per la risoluzione di questa problematica.

Inoltre vorremmo sottolineare che, se queste direttive saranno poi rese operative, con ogni probabilitŕ, la conseguente perdita di importanza della stazione orvietana, causerebbe inevitabilmente una lenta, ma progressiva soppressione di fermate e magari, dopo gli Eurostar, anche l’eliminazione dei treni Intercity, attualmente vitali per la vita dei tantissimi abbonati orvietani, i quali costituiscono fonte di reddito fondamentale per la sopravvivenza di Orvieto, nonché necessari allo sviluppo del flusso turistico.

Concludiamo il nostro appello ricordando, semmai ce ne fosse bisogno, come la stazione di Orvieto sia fondamentale per l’integrazione del nostro comprensorio con le realtŕ urbane a noi vicine, nonché per l’economia della Cittŕ stessa, considerando il gran numero di pendolari e turisti che da sempre rappresentano una risorsa vitale, questi ultimi soprattutto durante fine settimana.

Questa notizia è correlata a:

Commenta su Facebook

Accadeva il 17 novembre

Tanta Umbria, ancora poco Orvietano nell'Atlante dei Cammini d'Italia

Mostrare per esserci, il progetto di cartellonistica per rifondare sulla bellezza Salci

Chiusa la fase congressuale del Pd, Scopetti confermato segretario

Pendolari sul piede di guerra: "Il futuro dei treni a Orvieto e il silenzio degli amministratori"

Tari, tariffe corrette e conformi alla normativa. Creta: "Non ci sono stati errori"

L'Orvietana punta il Castel Del Piano per riscattarsi dalla sconfitta

A Magione si corre l'Individual Race Attack, tanti orvietani al via

La Filarmonica festeggia Santa Cecilia. Concerto al Teatro Concordia

Parlare di violenza sulle donne per cambiare prospettiva. In Biblioteca, tre appuntamenti

Visita Pastorale del vescovo Benedetto Tuzia. Il decreto di indizione

Alla Rocca dei Papi, conferenza sul genio di Michelangelo

"Orvieto in Philosophia". Per la città della sapienza, Festival di Filosofia in Dialogo e Decade Kantian

Confetti rossi per Alessandra Polleggioni, prima laureata in Informatica Umanistica dell'Orvietano

Scuole, Variati (Upi): "Del totale dei fondi generali solo il 14 per cento destinato alle Superiori"

Ladri in azione in pieno giorno. Paura sull’Alfina

L'Università dell'Arizona presenta il progetto del Museo Archeologico "Poggio Gramignano"

In tanti agli Stati generali della Scuola. Bartolini: "Temi vitali per il futuro dei nostri giovani"

Anas, investimenti per quasi 200 milioni di euro per servizi di progettazione definitiva e fattibilità tecnico-economica

Monte Peglia e Provincia Autonoma di Bolzano, esperienze a confronto per il riconoscimento Mab Unesco

"La Natività ad Orvieto". Decima edizione per il concorso dei presepi, come partecipare

Al Museo di Palazzo Davanzati a Firenze, si presenta il volume di Lucio Riccetti

Giornata di studio su gestione pazienti con Bpco, integrazione Ospedale-Territorio

Al Museo Emilio Greco si presenta il volume "Cristo e il potere. Teologia, antropologia e politica"

Liberati (M5S): "Alta velocità? Poco chiare le risorse, Umbria tagliata fuori dalle opportunità"

Sostanze tossiche, rischio sismico. Consegnata la diffida ai sindaci

"100 Mete d'Italia", riconoscimenti a Monteleone d'Orvieto e Civita di Bagnoregio

"Il Tabarro" di Puccini risuona al Museo della Navigazione nelle Acque Interne

La Quercia

"Non fate come me". A Caffeina Incontri, l'esordio letterario di Massimiliano Bruno