editoriale

L'articolo 18 ed il suicidio della sinistra ufficiale.

mercoledì 18 giugno 2003
di Fausto Cerulli
Referendum. Un'altra sconfitta così e conquistiamo il Palazzo d' Inverno. Una consultazione cosiddetta democratica, nascosta dai mezzi di informazione, travisata da una sinistra già pronta all'inciucio, che è arrivata al punto di dire che tutto si sarebbe risolto in via legislativa, facendo finta di non sapere che le leggi le fa la maggioranza, e che l'attuale maggioranza ha già pronto un progetto di legge per affossare definitivamente l'intero art. 18.

Una consultazione premeditatamente fissata in una data impossibile ed impraticabile, con tanto di Gazzetta Ufficiale che portava scritto, per dire il contenuto del referendum, " abolizione dell'art. 18". Una consultazione disertata dalla Margherita per non scontentare i padroni, e dalla incredibile direzione dei ds per non scontentare la Margherita. Con un Cofferati che era per il referendum e poi ne ha detto tutto il male possibile, coprendo la sua vergogna con la candidatura a sindaco di Bologna, tanto per fare rima. Con un movimento per il no che, non sapendo spiegare il motivo del no, ha scelto di non movimentarsi e di predicare l'astensione: sapendo che se si fosse raggiunto il quorum, i voti per il sì avrebbero seppellito i no. Questo il quadro, agghiacciante.

Eppure in questo quadro si è mosso il 25% degli italiani, ed ha detto sì con una maggioranza schiacciante, seppure schiacciata dalle legge oscena del quorum. In base alla quale chi esercita il diritto civile di voto, vede questo diritto azzerato da chi preferisce a craxiana memoria andare al mare.

Chiediamoci chi è andato a votare. Secondo me è andato a votare il cosiddetto zoccolo duro della sinistra, quella sinistra che si è rotta le palle di Fassino Cicogna e di Prodi Mortadella. E' andata a votare la sinistra antagonista. Quella che crede ancora alla bandiera rossa, ad un mondo diverso, ai padroni di tutte le stazze strangolati con le budella dei preti di tutte le razze. E' andato a votare il comunismo sopravvissuto, e il futuro del comunismo.

Un italiano su quattro, compagni: un 25% che neppure ai tempi di Berlinguer. E diciamolo francamente: chi è andato a votare ed a votare sì, sapeva che il quorum era una chimera, ma è andato a votare lo stesso per dare uno schiaffo in faccia a Berlusconi, ed ai suoi compagni di merenda ufficiali. Per prendere le distanze da una sinistra ufficiale ed ufficiosa incapace di organizzare un minimo di opposizione decente.

Un italiano su quattro per dire che la sinistra antagonista esiste, e che è l'unica di cui il regime Berlusconian- Prodiano ha ancora una residuale paura. Perché, da sempre, il capitalismo ha paura dei suoi nemici reali, mentre apparecchia la tavola per l'opposizione di Sua Maestà.

E spiace che Bertinotti, divenuto il contabile della sinistra, abbia gridato alla sconfitta. Negandosi con ciò la possibilità di essere un dirigente affidabile di quella sinistra antagonista che forse gli fa paura.

Questa notizia è correlata a:

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità