editoriale

Sui rifiuti di Napoli basta col terrorismo politico

venerdì 22 novembre 2002
di Bruno Materazzo
Ho sempre affermato che non affrontare i problemi, cercare di nasconderli, o farli risolvere da altri, č il modo peggiore di governare. Sindaco, Giunta, Consiglieri Comunali di Orvieto, al di la delle differenze politiche, hanno sempre affrontato serenamente, ma con fermezza e competenza tutte le questioni orvietane.

Anche l’argomento di ieri sera - proroga dell’accordo di programma fra Regione Campania e Regione Umbria per lo smaltimento presso la discarica delle “Crete” di Orvieto di rifiuti provenienti da Napoli e comuni limitrofi - va verso questa linea. Merito dei consiglieri di opposizione che hanno richiesto la convocazione del consiglio, merito dei consiglieri di maggioranza e dell’Ufficio di Presidenza che hanno accolto l’invito e anzi, hanno aperto il dibattito invitando le istituzioni pubbliche a livello di sindaci del comprensorio, la Provincia di Terni, la Regione Umbria, con la presenza qualificata degli Assessori all’ambiente.

Superando il piccolo incidente procedurale, che mi ha impedito di parlare come capogruppo (dovuto anche ad accordi non chiariti prima con la Presidenza) ritengo che sia mio dovere intervenire sull’argomento, anche perché ho sentito frasi ed argomentazioni che nulla hanno a che fare con il confronto politico sulle idee e sui programmi, anzi hanno rasentato un livello che io chiamo “terrorismo politico”.

Il rifiuto č un prodotto di questa nostra civiltŕ dei consumi e che parimenti ad altre forme di inquinamento e degrado ambientale va gestito e governato per impedire che altri (malavita ecc.) ne facciano un affare legato al solo profitto economico. Sono convinto che ben altra discussione avremmo fatto in C.C. se, anzichč avere un impianto all’avanguardia nel trattamento dei rifiuti, avremmo dovuto parlare di discariche abusive, di fiumi e fossi coperti di immondizie.

La presenza in Consiglio dell’ assessore regionale Monelli e dell’assessore provinciale Pelini ha dimostrato l’interesse che le istituzioni a livello piů alto hanno nei confronti del tema rifiuti Le prospettive di tariffe uniche di smaltimento piů alte di quelle attualmente praticate a seguito dell’entrata in vigore degli A.T.O. regionali preoccupa tutti i sindaci del comprensorio orvietano che smaltiscono a prezzi agevolati rispetto a tariffe normali.

Io mi unisco alla loro preoccupazione perché questo porterŕ alla lievitazione dei costi di smaltimento e i bilanci comunali, giŕ tartassati da una finanziaria che si preannuncia di lacrime e sangue per gli Enti Locali, salteranno, con tutta una serie di conseguenze sui servizi resi al cittadino utente. Perché dobbiamo nascondere il fatto, che grazie alla lungimiranza di amministratori che ci hanno preceduto, dallo smaltimento e dalla discarica c’č anche un ritorno economico?

Il comune di Orvieto ci guadagna per l’impatto ambientale, i comuni del comprensorio ci guadagnano grazie a tariffe agevolate e il sistema tutto aveva trovato un equilibrio economico-gestionale che permetteva di guardare con relativa tranquillitŕ al problema della gestione dei rifiuti. Poi tutto č saltato per logiche, alcune giuste, ma che altre nulla hanno a che vedere con una sana gestione dei problemi ambientali.

L’impianto e il sistema delle “Crete” č costato miliardi, con costi sostenuti anche dal comune di Orvieto e trovarsi quasi all’improvviso fuori dal mercato dei rifiuti ha creato preoccupazione e ingenerato una sorta di “legittima difesa” per difendere i livelli economici ed occupazionali di questa industria, perché di attivitŕ industriale si tratta. Parlavo prima di “terrorismo politico” e ieri sera ha sentito qualche frase che aveva questa valenza.

Colleghi consiglieri, penso e credo che non si fa opposizione generando paure inesistenti e giocando sulla gente con notizie e informazioni false. Perché ci riempiamo tutti la bocca dei presunti pericoli che possono venire dalla discarica e per esempio non parliamo dell’inquinamento da smog, che provoca migliaia di morti all’anno? Perché non parliamo dei prodotti nocivi che vengono usati in agricoltura anche qui con conseguenze disastrose per la nostra salute?

Perché non parliamo di fumo passivo, perché non parliamo di prodotti geneticamente modificati? Come ha detto il Sindaco Cimicchi, una cittŕ che vuole essere all’avanguardia nella qualitŕ della vita deve saper gestire al meglio tutto il sistema dei propri servizi. Orvieto ci sta riuscendo con attivitŕ e servizi individuali e collettivi di prim’ordine. Nel sociale, nell’istruzione, nel tempo libero, nelle attivitŕ economiche, nella cultura, nell’ambiente, nella tutela e nella salvaguardia del territorio, nella valorizzazione delle nostre risorse storiche, artistiche, dei prodotti agroalimentari, della politica dei grandi eventi siamo ormai ad un livello di eccellenza e tutti dobbiamo contribuire a valorizzare queste cose.

Purtroppo per qualche consigliere di opposizione e qualche presunto “libero pensatore” fare politica non č confrontarsi su come migliorare il nostro sistema di vita, fare politica č sfasciare, denigrare, giocare sulle paure della gente, giocare sulla falsa informazione. Altre occasioni di confronto ci saranno su tante questioni importanti per Orvieto, perché questa Amministrazione non vuole assolutamente chiudersi, anzi ha fatto della trasparenza amministrativa e politica uno dei punti di forza. Spero che con altrettanta trasparenza politica e amministrativa Regione dell’Umbria, Provincia di Terni, Istituzioni locali, guardino alla cittŕ di Orvieto come un territorio che ha dignitŕ, che chiede rispetto per le sue scelte politiche e che ha un ruolo importantissimo nel panorama nazionale e mondiale.

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 novembre

Guida Michelin 2018, brillano le stelle di "Casa Vissani", "La Parolina" e "Castello di Fighine"

Lo specchio etrusco con i Dioscuri esposto all'Antiquarium Comunale

"Un mondo di fiabe", letture ad alta voce nelle Scuole Primarie

"Alta Velocità e miglioramento del trasporto ferroviario locale. Serve un impegno concreto"

Karate, al via stagione agonistica Fik 2017-2018 con la quarta Golden Cup

Vicenda parcheggi: insinuazioni inaccettabili

Dalla storia medievale, idee e spunti per la Orvieto del futuro

Assemblea regionale sulla sicurezza sul lavoro di Cgil, Cisl e Uil

Al castello di Bartolomeo la storia di Invernizzi, 40mila chilometri e cinque continenti in sella alla sua bici

Gli allievi dell'Istituto Alberghiero coinvolti nel progetto "Identità e territorio"

Firmato l'accordo di programma per il nuovo svincolo in uscita dal raccordo Perugia - Bettolle

Nuova auto per la Polizia Locale. Impegno su sicurezza e controllo del territorio

Fondo utenze deboli, prorogato al 31 dicembre il termine ultimo per presentare domanda di ammissione

Proposta della candidatura di Fausto Cerulli al prossimo Premio Nobel per la Letteratura del 2018

La Vetrya Orvieto Basket ritrova la vittoria tra le mura amiche

Roberto Burioni presenta il libro "La congiura dei somari"

"Orvieto StreetArt" presenta l'opera dedicata ad Aldo Netti

Weekend ricco di soddisfazioni per l'Orvieto FC

"Nessun impianto di Css a Orvieto", Nevi chiede dimissioni a Germani

Ancora un successo per Francesco Barberini con il suo nuovo video in Piemonte

Don Eugenio Campini è ufficialmente il nuovo parroco di Allerona Scalo

L'Albero dei Diritti mette radici nel giardino dell'Asilo Nido "Il Grillo Parlante"

Orvieto celebra la Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne

Sì al progetto per la gestione associata delle funzioni, Porano Comune capofila

Germani scrive al CorSera: "Servizi al cittadino e aree interne, apriamo un dibattito"

Lavori sugli immobili, traffico temporaneamente interrotto in Via Alberici e Via Filippeschi

Orvieto commemora la figura di Padre Chiti, generale dei Granatieri e soldato di Dio

Baschi verdi, cerimonia conclusiva del corso. Modifiche alla viabilità in Piazza XXIX Marzo

"Umbria, il tuo regalo di Natale". Presentata la nuova campagna di promozione turistica

Acea in commissione, verso il superamento di inceneritore e discarica

"Visti da vicino". Mostra nella Collegiata dei Santi Giovanni e Andrea Apostoli

Riqualificazione della stazione, presto il via libera delle FS all'inizio dei lavori

Parrano riflette su "La tutela delle donne nel mondo del lavoro"

Mister Fatone carica l'Orvietana in vista del Subasio

La parete della Scuola dell'Infanzia ospita il murale "L'albero che suona" di Salvatore Ravo

Si presenta "Presenze ebraiche in Umbria meridionale dal medioevo all'età moderna"

Un Lucca inarrestabile piega Azzurra Iemmeci 63 a 47

20 novembre, Giornata mondiale dell'Infanzia: in Italia non tutto è da festeggiare

Pendolari: il nuovo orario non tiene fede agli impegni. Gli amministratori si mobilitino per salvare il salvabile

Altra CittĂ  presenta un'interpellanza sui disagi del nuovo orario e sollecita il Consiglio Comunale aperto richiesto dai pendolari

Le biblioteche come servizio per gli amministratori locali: seminario di formazione/informazione. Mercoledì 21 novembre a Palazzo dei Sette

I problemi dei pendolari orvietani in un ordine del giorno del gruppo misto provinciale di Sinistra Democratica

Emma Dante a Orvieto per 'Migrazioni' con 'Il festino': storia di un'esistenza difficile

Basket. Colpo di scena in Azzurra Iemmeci: Angelo Bondi subentra in panchina a Massimo Verdi

Nuovo orario ferroviario, niente passi in avanti. Ora basta: i pendolari umbri in stato di agitazione

Concluse le semifinali di Sanremolab: ecco i quaranta ammessi in finale

Butto, aggiornato o riciclo integrato?

Gemellaggio in onore di sua maestĂ  il Tartufo

Forza Italia Orvieto rilancia la battaglia contro la tassa del Consorzio di bonifica Val di Chiana

A fine novembre le 'Seconde giornate cardiologiche Orvietane' : un evento scientifico sempre piĂą qualificato

'Sacro sono': musica ed enogastronomia di qualitĂ  per il Natale nell'Amerino. Presentata in Provincia la prima edizione

Servizio idrico: accelerare i tempi sulla nuova proposta di legge. Un odg del Consiglio provinciale

Eclatante vittoria della Coar femminile sullo Scheggia 10 a 4