editoriale

Il rischio cemento incombe sotto la rupe

sabato 20 luglio 2002
di gruppo di Alleanza Nazionale
Ci corre l'obbligo di evidenziare che, a seguito del cambio di classificazione del territorio in prossimità del masso tufaceo di Orvieto (da zona A con vincolo di inedificabilità a zona E con possibilità di edificazione per ampliamento) si corre il concreto rischio di nuove costruzioni sin sulle pendici della rupe.

Ci sembra inutile ricordare come la pecularietà che rende unica Orvieto è proprio la netta separazione tra il masso tufaceo e le espansioni edilizie degli ultimi anni. Tale peculiarità fu comunque mantenuta dalle passate amministrazioni anche a costo di sofferte e dolorose (ed anche discutibili) scelte urbanistiche. Ora il nuovo piano regolatore rischia di compromettere seriamente perfino le pendici della rupe e l'immagine stessa di Orvieto e delle piu' pregiate zone circostanti.

Infatti, in estrema sintesi, c'è la possibilità concreta che vengano alla luce circa duecento nuovi manufatti sulle pendici della rupe! Se a questo si aggiungono le nuove zone B che contemplano consistenti cubature dalla zona della Badia al Parco Archeologico della Selciata e alla zona della Patarina (ove alcuni cantieri sono già in fase di completamento) lo sconcertante quadro appare in tutta la sua evidenzia. Inoltre, un'incredibile previsione di piano consentirebbe nella zona fluviale in prossimità della Svolta detta degli "orti sociali" di costruire ad un ogni proprietario di orto un annesso fino a 40 metri quadrati.

Con la paradossale possibilità che sorga un vero e proprio villaggio in prossimità delle sponde fluviali ed entro la fascia dei 150 metri dal fiume Paglia! Viste queste incredibili e sconcertanti previsioni di piano, Alleanza Nazionale preannuncia un'azione politica tesa alla modifica di tali previsioni urbanistiche ed alla salvaguardia della città interessando i ministeri competenti alla tutela paesaggistica, culturale ed archeologica circa i rischi insiti nella nuova politica urbanistica di Orvieto.

Alleanza Nazionale ricorda come l'adozione di un nuovo piano regolatore rappresenti un momento importantissimo ed una grande occasione per la vita e lo sviluppo di una città. Pertanto non si esclude la richiesta di dimissioni del sindaco se si rendesse necessaria la completa revisione e modifica di un piano che è costato una cifra enorme ed è già stato sottoposto a diverse varianti subito dopo la sua adozione e, cio' nonostante, continua a presentare innumerevoli, incredibili incongruenze.

Commenta su Facebook

Accadeva il 23 febbraio

Il Treno Verde di Legambiente e FS fa tappa in Umbria. A bordo, l'economia circolare

GamberoRosso - Il vino, di generazione in generazione. L'Orvieto

TouringClub - Le più belle città sotterranee in Italia - regioni del Centro

L'esordio in campionato di Simone Mari (Orvieto Fc) regala subito due goal

Lei espone quadri astratti di anima

"M'illumino di meno". Ecco dove la condivisione accende il risparmio energetico

La Zambelli Orvieto disputa un'amichevole contro Sant'Elia Fiumerapido

Per Orvieto città sicura, Spagnoli (Consap): “Telecamere, giustizia più severa e risorse a forze dell’ordine”

“Orvieto Sicura” che fine ha fatto il progetto?

CNA: "Dalla fusione dei Comuni tante risorse all'Umbria"

Le sculture esterne della Collegiata in un video promozionale a scopo turistico

Comune all'opera per lo "Street Music Festival 2017". A giugno, la settima edizione

Una barba bianca, da grigia che era

Conclusi i lavori al cimitero di Asproli-Porchiano, in partenza a Torregentile

Verdecoprente, il bando scade l'8 marzo. Spettacoli di residenza artistica in sei Comuni

Potatura in corso, senso unico alternato a Canale

Tecnici al lavoro, interruzione di energia elettrica per un'ora nel centro storico

Parterre di mute internazionali per il 31esimo campionato Sips su cinghiale

Sisma e agricoltura, erogati da Agea oltre 28 milioni di euro

Meningite: 23enne ricoverata a Terni, attivata la profilassi

Effetti post sisma sul turismo: minoranze chiedono sgravio su Imu, Tasi e Tari

Nel Cremonese, l'ultimo saluto a monsignor Carlo Necchi

La pineta

Casa di Riposo "San Giuseppe", a giorni il bando europeo per la gestione

Rifiuti, Camillo: "Il sindaco eviti strumentalizzazioni politiche"

Province, azzerati dalla Conferenza Unificata i tagli 2017

Carta Tutto Treno, raggiunto l'accordo con Comitati pendolari e Federconsumatori

Accordo riparto Fondo sanitario nazionale, all'Umbria oltre 1,6 miliardi di euro

Quaresima Eucaristica, il calendario delle celebrazioni

Sì del Consiglio dei Ministri al decreto legge, previste forme di cooperazione rafforzata

Anci: "Ai sindaci più poteri per garantire ordine pubblico e qualità della vita ai cittadini"

Verso "Orvieto in Fiore 2017". Terremoto e rinascita il tema delle infiorate