editoriale

Il rischio cemento incombe sotto la rupe

sabato 20 luglio 2002
di gruppo di Alleanza Nazionale
Ci corre l'obbligo di evidenziare che, a seguito del cambio di classificazione del territorio in prossimità del masso tufaceo di Orvieto (da zona A con vincolo di inedificabilità a zona E con possibilità di edificazione per ampliamento) si corre il concreto rischio di nuove costruzioni sin sulle pendici della rupe.

Ci sembra inutile ricordare come la pecularietà che rende unica Orvieto è proprio la netta separazione tra il masso tufaceo e le espansioni edilizie degli ultimi anni. Tale peculiarità fu comunque mantenuta dalle passate amministrazioni anche a costo di sofferte e dolorose (ed anche discutibili) scelte urbanistiche. Ora il nuovo piano regolatore rischia di compromettere seriamente perfino le pendici della rupe e l'immagine stessa di Orvieto e delle piu' pregiate zone circostanti.

Infatti, in estrema sintesi, c'è la possibilità concreta che vengano alla luce circa duecento nuovi manufatti sulle pendici della rupe! Se a questo si aggiungono le nuove zone B che contemplano consistenti cubature dalla zona della Badia al Parco Archeologico della Selciata e alla zona della Patarina (ove alcuni cantieri sono già in fase di completamento) lo sconcertante quadro appare in tutta la sua evidenzia. Inoltre, un'incredibile previsione di piano consentirebbe nella zona fluviale in prossimità della Svolta detta degli "orti sociali" di costruire ad un ogni proprietario di orto un annesso fino a 40 metri quadrati.

Con la paradossale possibilità che sorga un vero e proprio villaggio in prossimità delle sponde fluviali ed entro la fascia dei 150 metri dal fiume Paglia! Viste queste incredibili e sconcertanti previsioni di piano, Alleanza Nazionale preannuncia un'azione politica tesa alla modifica di tali previsioni urbanistiche ed alla salvaguardia della città interessando i ministeri competenti alla tutela paesaggistica, culturale ed archeologica circa i rischi insiti nella nuova politica urbanistica di Orvieto.

Alleanza Nazionale ricorda come l'adozione di un nuovo piano regolatore rappresenti un momento importantissimo ed una grande occasione per la vita e lo sviluppo di una città. Pertanto non si esclude la richiesta di dimissioni del sindaco se si rendesse necessaria la completa revisione e modifica di un piano che è costato una cifra enorme ed è già stato sottoposto a diverse varianti subito dopo la sua adozione e, cio' nonostante, continua a presentare innumerevoli, incredibili incongruenze.

Commenta su Facebook

Accadeva il 17 novembre

Tanta Umbria, ancora poco Orvietano nell'Atlante dei Cammini d'Italia

Mostrare per esserci, il progetto di cartellonistica per rifondare sulla bellezza Salci

Chiusa la fase congressuale del Pd, Scopetti confermato segretario

Pendolari sul piede di guerra: "Il futuro dei treni a Orvieto e il silenzio degli amministratori"

Tari, tariffe corrette e conformi alla normativa. Creta: "Non ci sono stati errori"

L'Orvietana punta il Castel Del Piano per riscattarsi dalla sconfitta

A Magione si corre l'Individual Race Attack, tanti orvietani al via

La Filarmonica festeggia Santa Cecilia. Concerto al Teatro Concordia

Parlare di violenza sulle donne per cambiare prospettiva. In Biblioteca, tre appuntamenti

Visita Pastorale del vescovo Benedetto Tuzia. Il decreto di indizione

Alla Rocca dei Papi, conferenza sul genio di Michelangelo

"Orvieto in Philosophia". Per la città della sapienza, Festival di Filosofia in Dialogo e Decade Kantian

Confetti rossi per Alessandra Polleggioni, prima laureata in Informatica Umanistica dell'Orvietano

Scuole, Variati (Upi): "Del totale dei fondi generali solo il 14 per cento destinato alle Superiori"

Ladri in azione in pieno giorno. Paura sull’Alfina

L'Università dell'Arizona presenta il progetto del Museo Archeologico "Poggio Gramignano"

In tanti agli Stati generali della Scuola. Bartolini: "Temi vitali per il futuro dei nostri giovani"

Anas, investimenti per quasi 200 milioni di euro per servizi di progettazione definitiva e fattibilità tecnico-economica

Monte Peglia e Provincia Autonoma di Bolzano, esperienze a confronto per il riconoscimento Mab Unesco

"La Natività ad Orvieto". Decima edizione per il concorso dei presepi, come partecipare

Al Museo di Palazzo Davanzati a Firenze, si presenta il volume di Lucio Riccetti

Giornata di studio su gestione pazienti con Bpco, integrazione Ospedale-Territorio

Al Museo Emilio Greco si presenta il volume "Cristo e il potere. Teologia, antropologia e politica"

Liberati (M5S): "Alta velocità? Poco chiare le risorse, Umbria tagliata fuori dalle opportunità"

Sostanze tossiche, rischio sismico. Consegnata la diffida ai sindaci

"100 Mete d'Italia", riconoscimenti a Monteleone d'Orvieto e Civita di Bagnoregio

"Il Tabarro" di Puccini risuona al Museo della Navigazione nelle Acque Interne

La Quercia

"Non fate come me". A Caffeina Incontri, l'esordio letterario di Massimiliano Bruno