editoriale

Caro Franco, ti ricordi quando il Pci ti offrì la candidatura?

lunedì 18 marzo 2002
di Fausto Cerulli
Caro Franco Raimondo Barbabella, se mi consenti, come direbbe il nostro Primo ed Unico Ministro, vorrei chiamarti solo Franco; e ritornare con la memoria a quando vestivamo, come dire, alla rivoluzionara e frequentavamo un circolo politico di sinistra che si riuniva nella sede di una radio orvietana altrettanto di sinistra. Erano gli anni ’70 del secolo scorso e sembrano passati gli anni luce che poi non sono proprio di luce. Eravamo in tanti, ricordi, a fare le ore piccole discutendo di politica, appassionandoci senza tornaconto, dividendoci in correnti soltanto per le idee. In qualche sera arrivavamo ad essere un centinaio; roba da matti, per Orvieto, tenuto conto che non si ballava e non si presentavano libri di cassetta. Eravamo di estrazione politica diversa, ma stavamo tutti a sinistra della sinistra. Poi, una sera, mentre discutevamo dei massimi sistemi, arrivaste tu e Adriano Casasole: portavate una notizia strana e sconcertante. Il PCI, che si era accorto di quel formicolio di giovani speranze e infantili illusioni, aveva offerto a te e ad Adriano le candidature a Sindaco ed a vice del Sindaco. Voi avevate detto che avreste consultato il movimento, e vi sareste rimessi alla sua decisione. Quella sera la discussione fu animata, il nostro movimento si incontrava con la politica politicante: e ci spaccammo in due opposte posizioni. Da una parte chi sosteneva che dovevate accettare, ed entrare nella mischia elettorale; dall’altra chi sosteneva che il “sistema “ vi avrebbe sistemato per le feste e che la lusinga del PCI andava respinta. Sembra difficile crederci, ma la discussione fu seria ed impegnata; e con coraggiosa lealtà tu ed Adriano non interveniste:la scelta spettava al Movimento. Alla fine, le due mozioni ( anche se non si chiamavano così) furono messe ai voti. Vinse la mozione giacobina; il Movimento decise che il PCI doveva cercare altrove i candidati. Ricordo che tu ed Adriano non batteste ciglio, prendeste atto della decisione, e vi impegnaste a riferirla ai mittenti. Fu una sera e una notte di democrazia diretta; peccato che poi, non si sa come, vi presentaste in lista e foste eletti. Mi è ritornato in mente questo episodio leggendo il tuo intervento contro il morettismo e il borrellismo, in nome del riformismo. A smuovere i ricordi è stato il tuo appello accorato al riformismo; e soprattutto una frase, che trascrivo: “ Diciamolo proprio chiaro: il tempo dei dibattiti generici è finito ed è giunto quello delle scelte.” Spero che tu non me ne voglia se in questa frase ricordo il tuo atteggiamento di quella antica sera; basta con le chiacchiere, passiamo ai fatti. Anche se quella sera le chiacchiere ci furono, e noi non sapevamo che erano solo chiacchiere. Forse avevate ragione voi, tu ed Adriano: anche perché, per dirla con il senno di poi, foste tra i migliori amministratori di questa difficile città. Ma rovinaste un sogno; dopo la vostra amichevole defezione di carattere “entristra”, il Movimento poco a poco si sciolse. Tu ed Adriano avevate gettato un secchio d’acqua sui nostri bollori antisistema, forse fu una doccia benedetta, forse no. Ma vengo ad oggi, vengo alla tua politica come arte del possibile: e mi torna alla mente quando dicevamo che occorreva chiedere l’impossibile per ottenere la rivoluzione. Altri tempi, altre parole d’ordine. Ma vorrei darti un consiglio. Quei giovani e meno giovani che si riunivano nella sede di Radio Orvieto erano una ipotesi sana, un progetto pulito, I militanti di una politica come arte del crescere insieme e del progettarsi in un progetto nuovo. Quei militanti furono e forse saranno sempre sconfitti; ma, senza lo spirito di quelle sere, i giovani seguiteranno ad andare in discoteca, e la politica resterà onere ed onore degli addetti ai lavori. A questo punto, caro il mio Franco, , non esiste differenza alcuna tra morettisti borrellisti e riformisti. Con gli “ismi” si può anche governare; ma scordandosi per sempre la Politica della polis. Tu m’intendi, nevvero, professore?

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 settembre

Dopo due anni riapre la Torre di Chia. "L'Anno dell'India" omaggia Pier Paolo Pasolini

Università della Tuscia, ecco i primi laureati in Ingegneria Meccanica

Genetliaco ai tempi dei social per Pietro Bilancini. La memoria virtuale della sua comunità

Vladimir Luxuria presenta il libro "Il coraggio di essere una farfalla"

Vetrya Orvieto Basket in campo per la prima di Coppa

Alla scoperta di Viterbo Medievale, tra antichi palazzi e famiglie influenti

Incidente stradale tra auto e moto, muore una coppia di cinquantenni

Il Sap attacca: "I tagli alle risorse per la sicurezza si abbattono sui cittadini"

Spettacolo pirotecnico allo Stadio Comunale per San Marco Papa patrono

"Rimboschiamoci le maniche per… Puliamo il Mondo". Due appuntamenti per grandi e piccini

Personale della Provincia in assemblea. Il 6 ottobre, sciopero nazionale

Lugnano in Teverina ospita la Maratona dell'Olio 2017, svelate le date

Giornata dell'Alzheimer, inaugurato il laboratorio di stimolazione cognitiva della Media Valle del Tevere

Mobilità notturna e agevolazioni per gli studenti universitari con "Gimo"

Libri di testo scolastici, entro il 20 ottobre la presentazione delle domande per i contributi

Presentazione di "Una poesia" e proiezione de "Il fiume ha sempre ragione"

L'esperienza del Contratto di Fiume del Paglia al convegno nazionale "I Paessaggi delle Acque" di Venezia

"Dalla passione alla professione". Intervento di Gianluca Foresi al "Festival del Medioevo"

Match rosa per l'Orvieto FC. Roberta Dieci presenta il romanzo "I sogni non fanno rumore"

Psr Umbria 2014-2020, svolta nei rapporti con l'organismo pagatore per accelerare i pagamenti

Disco verde al rifacimento del campo sportivo di Sferracavallo

Fs Italiane, rafforzato il Piano anti-aggressioni per salvaguardare personale treni e stazioni

Orvieto FC, le ragazze di mister Seghetta a Norcia. Al PalaPapini big match contro il Foligno

Progetto "Facciamo Musica", aperte le iscrizioni ai corsi musicali

La casa di Kafka

"Festa delle Mille Culture", nel segno dell'aggregazione e della condivisione

Blastofago alla marina, il Comune interviene a tutela della pineta

Bon Ton protagonista a "I Primi d'Italia", il festival nazionale dei primi piatti

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni