economia

In Via della Costituente torna il mercatino dell'antiquariato, usato, collezionismo e hobby

lunedì 18 novembre 2019
In Via della Costituente torna il mercatino dell'antiquariato, usato, collezionismo e hobby

Viene nuovamente istituito, dopo un periodo di interruzione, il Mercatino dell’Artigianato in Via della Costituente, con cadenza mensile, la quarta domenica di ogni mese a partire dal mese di novembre 2019 e durante le festività. Più precisamente, il mercatino si svolgerà domenica 24 novembre, sabato 7 e domenica 8, sabato 14 e domenica 15, da venerdì 20 a domenica 22 dicembre e comunque ogni quarto fine settimana del mese, ad eccezione del periodo di svolgimento di Umbria Jazz Winter. Lo ha stabilito la Giunta Comunale di Orvieto, nell’intento di promuovere iniziative che favoriscano la rivitalizzazione del territorio.
 
“Vogliamo accogliere la richiesta degli operatori dell’artigianato e hobbysti – spiega il Vice Sindaco e Assessore al Commercio, Angelo Ranchino - con l’intento di ripristinare il mercatino, valutando in via sperimentale anche quale sia la sede più consona, che costituisce un momento di attrattiva culturale per la presenza di oggetti del passato e della tradizione locale. Il mercatino rispetterà i criteri imposti dalla Regione Umbria che il Comune di Orvieto ha recepito nel nuovo Regolamento per l’esercizio del commercio su aree pubbliche, approvato lo scorso anno dal Consiglio Comunale e che prevede, appunto, la possibilità di istituire in via sperimentale i mercatini.
 
Tale tipologia di attività commerciale – prosegue - rientra nelle previsioni della Legge Regionale n. 10/2014 ‘Testo unico in materia di commercio’ che definisce sia il mercato dell’antiquariato, dell’usato e del collezionismo non avente valore storico artistico, quello cioè che si svolge anche nei giorni domenicali o festivi sul suolo pubblico o privato in convenzione con il Comune, e che ha specializzazioni merceologiche esclusive o prevalenti, quali: l’antiquariato, l’oggettistica antica, le cose vecchie anche usate, i fumetti, i libri, le stampe, gli oggetti da collezione e simili; sia i mercatini degli hobbisti ovvero: i mercati, le fiere sulle aree pubbliche o sulle aree private delle quali il Comune abbia la disponibilità o, eventualmente, su aree private che il Comune stesso autorizza a tale scopo. Ciò in linea con l’intento dell’Amministrazione di voler favorire ogni iniziativa che possa accrescere l’offerta commerciale e l’appeal turistico della città, e di incentivare ogni attività in grado di condurre a produzione di redditi, anche di carattere integrativo”.

Fonte: Ufficio Stampa Comune di Orvieto

Commenta su Facebook