economia

L'Associazione Bed&Breakfast e Affittacamere presenta marchio e progettualità

martedì 9 luglio 2019
L'Associazione Bed&Breakfast e Affittacamere presenta marchio e progettualità

E' stato presentato martedì 9 luglio a Palazzo dei Sette, nella sede di Cittaslow International, come anticipato, il marchio di ABBA (Associazione Bed&Breakfast e Affittacamere). Ad illustrare le motivazioni e il significato per gli operatori del settore extralberghiero e, soprattutto, per i suoi clienti, il presidente Giuseppe Ricci e il consigliere Daniele Morroni.

"Un marchio - è stato sottolineato - che rappresenta la nostra associazione e il settore. Era necessario avere un tratto distintivo e dare un segno di appartenenza. Il logo contiene i simboli della città, la Rupe e il Duomo, e sarà utilizzato nel circuito dei siti di prenotazione. Primo target, il cliente. Le oltre 50 strutture che già aderiscono all'associazione godono di un marchio di garanzia e corrispondenza alle informazioni fotografiche e didascaliche.

Agiscono, inoltre, in conformità con la legge, in regola con l'assicurazione, pagano la tassa di soggiorno, comunicano regolarmente alle forze dell'ordine e adempiono alle varie richieste previste dalla normative. Si tratta, insomma, di strutture che operano nel pieno rispetto della legalità e si adoperano per evitare l'abusivismo. Il terzo elemento di appartenenza che ci caratterizza è essere al fianco delle assicurazioni preposte.

A tutti coloro che operano nella legalità diciamo di farsene promotori. Ultimo target, l'extra-alberghiero. Rinnoviamo l'appello a chi non si è ancora associato a farlo. Insieme si hanno una serie di vantaggi, stiamo stringendo contatti con un'assicurazione. I marchi saranno presenti all'interno delle strutture, come adesivi e nei siti usati dal cliente.

Un'altra importante iniziativa a cui stiamo lavorando è un portale delle strutture extra-alberghiere. Ci stiamo confrontando se questa è la soluzione migliore. Vogliamo avere uno strumento che aiuti a sviluppare il turismo e ad aumentare la permanenza media dei turisti". In questi giorni, intanto, si sono svolti una serie di incontri con altre realtà cittadine interessate a collaborare.

E con i rappresentanti della nuova Amministrazione Comunale che nel 2020 intende organizzare un ufficio di marketing territoriale con  competenza esterna. Contestualmente, sono state illustrate le iniziative dell'associazione fra cui una in particolare riguardante la promo-commercializzazione del settore.

La legge per il contrasto all'abusivismo è solo del 2017. Gli strumenti, in ogni caso ci sono. Il Comune aveva iniziato a fare dei controlli, poi l'attenzione si è un po' allentata. Ad oggi, il prezzo di una camera doppia si aggira intorno a 60 euro. Il prezzo medio ad Orvieto in estate, su Booking è di 87 euro. Almeno 150, secondo le stime, le strutture "irregolari".

Per ulteriori informazioni:
info@abbaorvieto.it

Commenta su Facebook