economia

Povertà tra i pensionati. Trentini (Fnp Cisl): "Il futuro rischia di essere ancora più critico"

giovedì 7 febbraio 2019
Povertà tra i pensionati. Trentini (Fnp Cisl): "Il futuro rischia di essere ancora più critico"

I pensionati del comprensorio orvietano sono quasi il 40% della popolazione e la situazione per Raffaello Trentini, responsabile della Fnp Cisl a Orvieto, è particolarmente critica se si tiene in considerazione l'invecchiamento progressivo della popolazione, che ad Orvieto più di altre realtà regionali si fa sentire. Oltre a questo dato demografico a preoccupare il sindacato è la media delle pensioni percepite: prendendo in considerazione il comune capofila questa, nel 2018, si attesta a 749 euro al mese".

Per il sindacalista, la situazione di povertà diffusa tra i pensionati (in molti casi precedentemente impegnati in agricoltura), potrebbe persino peggiorare nel futuro. "La precarietà lavorativa diffusa - afferma - impone discontinuità contributiva, come già successo in passato per i lavoratori agricoli, anche tra i lavoratori di alto profilo che fra qualche tempo potrebbero farsi sentire anche in termini pensionistici, con importanti ricadute in un territorio già impoverito dal mancato sviluppo dei due settori cardini dell'economia: l'agricoltura e l'industria".

Di qui, l'importanza del confronto tra le parti sociali, le istituzioni e il mondo dell'associazionismo "per riuscire a incidere prima di tutto con un cambio culturale che tenda allo sviluppo produttivo, percorrendo la strada prima della progettazione e poi del sempre più necessario fare".

Commenta su Facebook