economia

Acquistare casa nella città del Duomo costa meno

venerdì 4 gennaio 2019
Acquistare casa nella città del Duomo costa meno

Statistiche alla mano, su scala regionale, si registra il calo maggiore del valore degli immobili. Raffrontando il valore medio al metro quadro delle abitazioni nel comune di Orvieto nell'ultimo anno emerge un decremento del 21,5%, anche se nell'ultimo trimestre si è avuta una leggera ripresa quantificabile nell'1%. A dicembre 2017 il valore medio al metro quadro era di 2.016 euro. A distanza di 12 mesi, questo valore è sceso a 1.583 euro. Rispetto a gran parte dei comuni umbri, ad Orvieto il valore medio al metro quadro degli immobili rimane comunque uno dei più alti.

Gli affitti vanno sicuramente meglio rispetto alle vendite, anche se in generale da tempo il mercato locale subisce la stessa tendenza che c'è su scala nazionale. Nonostante incentivi e sgravi, la crisi continua a farsi sentire e chi vorrebbe acquistare è spesso vincolato dalla possibilità di accedere ad un mutuo. I prezzi sono ovviamente più alti nel centro storico, ma si fatica anche in periferia. Molti romani che prima venivano nel weekend alla seconda casa ora preferiscono hotel, affittacamere o b&b.

Segnali per un cambiamento, tuttavia, si intravedono. Il trend negativo dovrebbe essere finito. Aumentano le compravendite e aumentano gli affitti. Da un punto di vista di attrattiva il centro storico tiene, nonostante lo spopolamento che interessa anche realtà più grandi. Il mercato è fatto soprattutto dagli stranieri, in prevalenza americani e inglesi. Ma anche da coloro che, da fuori regione, approfittano del collegamento che Orvieto ha con autostrada e ferrovia, sull'asse Roma-Firenze.

Commenta su Facebook