economia

Fondazione per il Csco: "I debiti calano da 4 anni e le nuove attività aumentano"

mercoledì 5 dicembre 2018
Fondazione per il Csco: "I debiti calano da 4 anni e le nuove attività aumentano"

"Stando alle cronache giornalistiche sull’approvazione del bilancio consolidato del Comune, per alcuni consiglieri comunali l’unica notizia utile sul Centro Studi sarebbe sempre la solita: ovvero la pesante situazione debitoria. Dimenticando di specificarne la natura pregressa.

La notizia, invece, è che questa istituzione cittadina, quasi ventenne, ha da qualche anno invertito la rotta producendo utili ricorrenti, riducendo sensibilmente il proprio indebitamento pregresso e, soprattutto, tornando a dare impulso positivo all’attività culturale e scientifica della Città. Tutto ciò, è bene ribadirlo, al netto del contributo che annualmente il Comune (eccezion fatta per il 2014 quando non ci fu alcun contributo comunale) ha destinato alla Fondazione stessa. L’attuale Consiglio di Amministrazione ha infatti ritenuto il pareggio e l’utile di bilancio presupposti fondamentali per richiedere adesioni ed investimenti a terzi, Comune incluso.

Dalla tabella che segue si evincono con molta chiarezza i positivi risultati economici degli ultimi quattro esercizi.Un dettaglio dei conti che però potrebbe, per i critici ad oltranza, sembrare ben poca cosa se non raffrontati al tenore delle attività ereditate e, soprattutto, alle nuove iniziative messe in atto in questi quattro anni, che stanno producendo un rinnovato rilancio in termini di ruolo e risultati del Centro Studi.

Proseguendo con la disamina dei conti è utile analizzare il dato riferito al Patrimonio Netto che risulta dai bilanci ed in particolare per il bilancio dell’esercizio 2017 che, sempre a quanto risulta dalla cronaca del Consiglio, è stato estrapolato in maniera errata. Il Patrimonio Netto è il risultato della differenza tra le attività e le passività del bilancio. Come è noto quello del Centro Studi è negativo sin dagli esercizi precedenti al 2013.

In primo luogo, il Patrimonio Netto che risulta dal bilancio dell’esercizio 2017 non ha un saldo negativo di 605.000 euro bensì di 578.000 euro. Uno scarto di 27 mila euro.

Ancora più importante è andare a vedere come si è evoluto il saldo negativo del Patrimonio Netto, partendo dal bilancio dell’esercizio 2014 fino a quello dell’esercizio 2017, vale a dire nel periodo di gestione di questo Consiglio di Amministrazione:

Bilancio 2014    Patrimonio Netto negativo          664.000 €

Bilancio 2015    Patrimonio Netto negativo          633.000 €

Bilancio 2016    Patrimonio Netto negativo          605.000 €

Bilancio 2017    patrimonio Netto negativo          578.000 €

In quattro anni l’attuale Consiglio di amministrazione ha così diminuito il saldo negativo del Patrimonio netto pregresso ereditato per complessivi 86.000 euro.

Il secondo dato importante da chiarire è l’importo del debito complessivo della Fondazione ed anche in questo caso è utile la valutazione dinamica, vale a dire in che modo si è evoluto il complessivo indebitamento del Centro Studi considerando lo stesso periodo di cui sopra.

Ai fini della precisa individuazione del debito complessivo, il bilancio va letto analiticamente in due aspetti sostanziali: il primo è che tra le passività c’è un importo di “Fondi per rischi e oneri” per 45.000 euro che non rappresenta un vero debito, ma un accantonamento prudenziale che fu stanziato contabilmente nel bilancio 2014 stante la situazione finanziaria piuttosto confusa che era maturata precedentemente al 2013. Accantonamento che si è rivelato poi molto appropriato visto che si sono successivamente manifestati debiti fuori bilancio maturati precedentemente al 2013 per circa 25.000 €.

Altro aspetto sostanziale da considerare nel calcolo dell’indebitamento sono i crediti che risultano dal bilancio, intendendo ovviamente crediti effettivamente maturati ed effettivamente incassati dopo la chiusura dell’esercizio.

Ecco quindi come si è evoluto l’indebitamento netto del Centro Studi nello stesso periodo 2014 – 2017

Conti alla mano quindi è evidente una riduzione dell’indebitamento, nel periodo 01/01/2015 – 31/12/2017,  di 60.383 euro.

In chiusura quindi è chiaro che chi affermi che “… i debiti al Centro studi dal 2102 sono aumentati” dice il falso e, volendo avere un minimo di benevolenza, gli si potrebbe obbiettare che non conosce la materia di cui parla.

Un’ulteriore annotazione, anch’essa di valore sostanziale, riguarda la composizione e la scadenza dei debiti. Nel 2013 l’intera esposizione del Centro Studi era formata da debiti scaduti per i quali i creditori reclamavano il pagamento immediato. Oggi quello stesso indebitamento è tornato sotto controllo grazie ad un piano di rientro dilazionato in un arco di tempo, a oggi, che va dai 5 ai 12 anni. Ovviamente, il valore ad oggi di passività a lungo termine, per dare conto della loro valenza finanziaria, dovrebbe essere calcolato scontandone il valore alla data corrente. A titolo meramente esemplificativo, ipotizzando un'unica scadenza media ad otto anni ed utilizzando la struttura dei tassi a scadenza dei titoli governativi italiani, il valore ad oggi delle passività risulterebbe di circa 420mila euro.

Ci corre l’obbligo, viste le critiche pressapochiste sul punto, di segnalare come sotto il profilo finanziario la condizione attuale e le prospettive future del Centro Studi siano molto diverse da quelle ereditate nel 2014.

In conclusione, per chi invece ha lamentato una scarsa trasparenza e controllo dei conti e della gestione caratteristica della Fondazione, ricordiamo che ogni anno il Consiglio di amministrazione illustra pubblicamente il  bilancio consultivo e la programmazione delle attività in una conferenza stampa. A ciò si aggiunge che detti bilanci, una volta approvati, sono depositati presso il Comune e liberamente consultabili".

Fonte: Fondazione per il Centro Studi Città di Orvieto

Commenta su Facebook

Accadeva il 25 maggio

Il tramonto della Rupe, la storia di Margherita Aldobrandeschi tra le "Donne di potere"

Da Bolsena a Orvieto per la 22esima edizione della Marcia della Fede

Sosta vietata

Festa grande per i 40 anni del gruppo sportivo "Colonnetta Calcio"

"Allerona Petit Tour". Tra i sentieri e le strade del vino in mountain bike

Piloti orvietani pronti alla sfida sulle Alpi Carniche

I Comuni del Sistema Bibliotecario "Lago di Bolsena" e il ricordo della Grande Guerra

Ciao Sergio, "Sit tibi terra levis"

Eseguiti altri interventi di pulizia della rupe. "Linea dura contro chi abbandona rifiuti"

Via ai lavori lungo la Strada della Stazione. Prorogati quelli in Via Alberici e in Via Ghibellina

Buone pratiche per la prevenzione dei fenomeni infortunistici, protocollo d'intesa tra Usl e Inail

Il Centro socio-riabilitativo "Capotorti" partecipa a "Marelibera" 2018

Giacomo Gusmano nominato presidente della Sezione di Terni dell'Ancri Umbria

Angelo D'Acquisto a Taormina. Lo chef rappresenta l'Umbria a "Cibo Nostrum"

Pino Strabioli alla giornata di chiusura del progetto scuola "A spasso con Abc"

Carenza di personale sanitario. Zeno (Pci): "La situazione è grave"

Nasce "Cantiere Orvieto". Emilio Casalini presenta "Cantieri di Narrazione Identitaria"

Gino Roncaglia presenta il libro "L'età della frammentazione. Cultura del libro e scuola digitale"

Meeting di cosplayer, arrivano i protagonisti di "Assassin's Creed" e "Il Trono di Spade"

"UmbriaMiCo - Festival del Mondo in Comune". Sei città, un intreccio di eventi

"Rilanciare la stagione della prevenzione strutturale per aumentare la sicurezza"

L'Orvietana libera Fatone, non sarà lui il tecnico per il prossimo campionato

Civita di Bagnoregio protagonista alla Biennale di Architettura di Venezia

Chi vincerà le elezioni regionali in Umbria

Premio "OrvietoSport" 2015. Tutti i premiati, le menzioni speciali

"Orvieto in Fiore", anche senza sole. Al S.Maria della Stella il Palio della Palombella

Grazia Di Michele in visita a "Oltre la finestra". Allestimento prolungato fino al 2 giugno

Falsi maiali biologici, nel mirino un allevamento orvietano

Al Palazzo dei Congressi convegno su "Cento Anni di Grande Guerra in Italia"

Servizi intensificati in occasione della Pentecoste. Denuncia e foglio di via per due nomadi

L'Asd Tennis 90 organizza l'edizione 2015 del Circuito dell'Olio

Francigena Marathon da Acquapendente a Montefiascone. Oltre 700, gli iscritti online

La tre giorni didattica inserita nel progetto "Approccio multidisciplinare al sito archeologico di Carsulae" fa centro

Carta costituzionale e bandiera italiana ai 18enni per la Festa della Repubblica

Castel di Fiori profuma per l'edizione 2015 di "Archeoflora"

Seconda edizione per il mercatino delle eccellenze

Cena elettorale a San Venanzo, al centro del dibattito il degrado della SS 317

In tanti alla "Giornata della Salute". Parola d'ordine: prevenzione

Amanda Sandrelli al Mancinelli per "Oscar e la dama in rosa"

Posti ancora disponibili per il seminario teatronaturale#01

Oggi i funerali di Beatrice Orsini

Incontro al Palazzo dei Sette su "Droga, doping e adolescenza. Che fare?"

Al Palazzo del Popolo, via al convegno "I linguaggi del corpo alla luce del contributo delle Neuroscienze e della Esperienza Ipnotica"

Sottoscritti i contratti di locazione del Belvedere e di comodato gratuito per l'ex scuola di Corbara