economia

Comitato risparmiatori a BpB: "Illegittimo modificare lo statuto"

martedì 2 gennaio 2018
Comitato risparmiatori a BpB: "Illegittimo modificare lo statuto"

Il nuovo anno Orvietano si apre con la concreta preoccupazione del Comitato risparmiatori sul futuro della Cassa di Risparmio di Orvieto. La possibilità che Banca Popolare di Bari possa continuare l’azione di incorporazione dell’Istituto cittadino potrebbe passare dal tentativo di intervenire sullo Statuto bancario.

Una prospettiva che ha messo subito in allarme il Comitato risparmiatori Praesidium che in una lettera aperta alla Fondazione Cassa di Risparmio chiede a chiare lettere di “Portare alle estreme conseguenze la sfiducia dichiarata verso i consiglieri di amministrazione della Banca”. E che “Debba in tutti i modi tentare di avere un accesso agli atti contabili procedendo alla loro verifica. Avendo così conoscenza della reale situazione della CRO in particolare dei costi di trasferimento verso la capogruppo”.

“Andrebbe ricordato alla BPB - scrive Praesidium - che qualunque suggestivo atto unilaterale teso a modificare lo Statuto sarebbe illegittimo, le successive decisioni sarebbero nulle ed in danno per la parte che intendesse prendere tale strada.

Di seguito il testo completo della lettera aperta indirizzata alla Fondazione CRO.

 

Sig.ri presidente, membri  del consiglio di amministrazione, del consiglio di indirizzo, del collegio dei revisori, come associazione Praesidium con la presente lettera aperta vorremmo sottoporVi  Le sottoelencate  considerazioni, che  peraltro riteniamo a voi note.

Il 20 marzo la Corte Costituzionale si esprimerà su richiesta del consiglio di Stato sulla modalità di interpretare il diritto di recesso nella trasformazione delle banche popolari da Soc cooperative a SPA. 

La BPB per sua stessa affermazione (pag. 16 della semestrale) sostiene che in assenza della possibilità di rinviare  sine die il pagamento di detto diritto e senza un aumento di capitale non avrà la possibilità di attuare il suo piano. 

La CRO ha effettuato, in conflitto di interesse, in tempi recenti un massiccio collocamento presso i propri clienti di azioni della BPB che ad oggi vengono poste in vendita svalutate di circa il 37% e comunque sono totalmente illiquide a testimonianza di come il mercato percepisce il valore e le prospettive della BPB. 

Si è così prodotta una sottrazione di ricchezza all'economia del territorio di alcune decine di milioni di Euro. 

La CRO potrebbe subire le pesanti conseguenze di una possibile evoluzione negativa della situazione e con essa il suo socio di minoranza che vedrebbe messo in crisi il suo importante asset patrimoniale.

La BPB ha tentato la fusione per incorporazione pagando la Banca cittadina con azioni il cui valore è tutto da scoprire, ma di sicuro fortemente inferiore al dichiarato.

Tenuto conto che:

  • la Fondazione è unico socio di minoranza qualificato di una SPA ad azionariato ristretto,

  • la Fondazione ha sfiduciato i rappresentanti da lei indicati nel consiglio di amministrazione di CRO,

  • i rappresentanti sfiduciati hanno ignorato tale atto dichiarando nei fatti l'irrilevanza dei poteri della Fondazione, 

noi riteniamo i prossimi mesi particolarmente importanti per il futuro economico della città e riteniamo che molto potrà dipendere dalle azioni che la Fondazione attuerà. Le sue politiche in un periodo eccezionale non possono certamente essere improntate a ordinaria amministrazione.

Riteniamo che la Fondazione debba irrobustire la sua posizione utilizzando a pieno i poteri che lo statuto ed il fatto di essere socio di minoranza qualificata le consentono.

Andrebbe ricordato alla BPB che qualunque suggestivo atto unilaterale teso a modificare lo Statuto sarebbe illegittimo, le successive decisioni sarebbero nulle ed in danno per la parte che intendesse prendere tale strada. Questo anche se fosse ottenuto con l'avallo del CDA della Banca, anche nella componente a suo tempo indicata dalla Fondazione, oggi sfiduciata, ma particolarmente gradita dal socio di maggioranza, che potrebbe cercare per questa strada una possibilità di riconferma.

Riteniamo che debba portare alle estreme conseguenze la sfiducia dichiarata verso i consiglieri di amministrazione della Banca. Debba in tutti i modi tentare di avere un accesso agli atti contabili procedendo alla loro verifica.  Avendo così conoscenza della reale situazione della CRO in particolare dei costi di trasferimento verso la capogruppo. Da alcuni anni, infatti, CRO consuntiva risultati negativi che non permettendo distribuzione di utili non consentono alla Fondazione di attuare le Sua politica di aiuto allo sviluppo socioeconomico del territorio. Potrà inoltre verificare la necessità della CRO di dover affrontare una ristrutturazione che la renda più pronta ad affrontare le sfide che il futuro imporrà.

Di tutto questo per vostra scelta portate la responsabilità nei confronti della città.

 

Praesidium - Associazione di risparmiatori CRO-BPB

Commenta su Facebook

Accadeva il 18 ottobre

"Come difendersi da truffe e raggiri". Incontro all'Unitre con il maggiore Rovaldi

Un progetto di formazione per operatori del sociale porta "attimi di resilienza" a Parrano

"Sulle Tracce del Mistero. Una settimana dedicata a ignoto, mistero e paranormale"

Terminati i lavori sulla SR 205 Amerina, sistemate barriere di sicurezza e paramassi

Fissate al 26 ottobre le elezioni del Consiglio Comunale dei Ragazzi

Carta Tutto Treno Umbria sospesa, Sacripanti (GM): "Il sindaco si attivi"

Karate, la Scuola Keikenkai in partenza per i Mondiali Iku a Kilkenny

Venticinque candeline per Umbria jazz Winter, nel segno di Thelonious Monk

Cambio al vertice di Ance Umbria. Stefano Pallotta succede a Massimo Calzoni

Orvieto per Tutti: "Varco di Via Malabranca, nuovo provvedimento disomogeneo"

Infoteam della Scuola Sottufficiali dell'Esercito per la Giornata Tricolore

#UjW25, ricco programma di star per celebrare un grande anniversario

Umbria Jazz Winter, storia di passioni e successi

Quattro passi tra le meraviglie di Viterbo. Visita guidata nel centro storico

Turismo, Anci e CAI rilanciano quello sostenibile dei 110 mila chilometri di sentieri italiani

Cammini ed escursioni, intesa tra Pro Loco e CAI per la valorizzazione

Modifiche allo statuto dell'Associazione "Lea Pacini", prima la Commissione costituente

Umbria Jazz Winter # 25, un connubio indissolubile con la Città del Duomo

Quattro giorni nel Villaggio del Teatro con Isola di Confine

"Campioni in Cattedra". I più piccoli intervistano il campione di pallavolo Jack Sintini

Accanto al Duomo, Ippolito Scalza "perde" la testa

Mogol si racconta ad Alessandra Carnevali: "Il mio mestiere è vivere la vita"

Ripartono le attività del Lions Club Orvieto. Anno lionistico 2016/17 dedicato ai giovani

All'Unitre torna "Solo solo canzonette?". La quarta puntata del format è dedicata agli anni '80

Incontro sul Soccorso Alpino e Speleologico Umbria "Sasu" promosso dal CAI

I ladri colpiscono ancora. Nel mirino bar e tabaccherie ai piedi della Rupe

Il Comitato per il No di Parrano diventa sempre più grande

Il patto scellerato

Viabilità, lavori per 250mila euro sulle strade regionali 79 e 61

L'associazione Ippocampo presenta i corsi di teatro per bambini, ragazzi e adulti

Editoria, preadottata la nuova legge regionale. Via alla partecipazione

Nuova seduta per il consiglio provinciale. L'ordine del giorno dei lavori

Tutto pronto per "Zafferiamo". Colori, aromi e sapori invadono Città della Pieve

Umbria Jazz Winter #24, dal 20 ottobre via alle prevendite. Tutto il Programma

Nuove attività all'Unitre. Il plauso del sindaco Gianluca Filiberti

Stella al Merito Sociale al giornalista orvietano Stefano Corradino

Informazione locale, Asu: "Bene la preadozione del Ddl regionale"

"Orvieto sotto le stelle", quaranta auto storiche per la terza edizione

Nuovo incontro ISAO: Agostino Paravicini Bagliani e "Il Bestiario del Papa"

Testate giornalistiche digitali locali, Anso protagonista a Dig.it

Sciopero FS, Trenitalia regionale: "Frecce e servizi locali regolari"

Teatro Null, si riparte. Laboratorio di Teatro al Palazzo della Cultura

Legambiente fa le pulci alla differenziata dell'Umbria. "E i Comuni che fanno?"

Il volo nascosto

Il Grand Tour di Dodecapoli arriva a Vigevano. Ambra Laurenzi e Laura Ricci alla Cavallerizza del Castello Ducale per la rassegna letteraria “Italia Italiae”

Continua la raccolta tappi. I risultati dei primi due anni della benefica iniziativa

Bagni, frazione dimenticata. Grido d'allarme dei Comunisti Italiani: "non c'è più nemmeno il cartello di località!"

Lei lo lascia, lui la insegue, lei chiama il 112. In manette trentottenne di Ficulle per stalking

Approvato il progetto preliminare per i lavori di completamento della Biblioteca "Luigi Fumi"

Energia da fonti rinnovabili, la Giunta individua alcune aree giudicate non idonee alla installazione di impianti

Linux Day #6. Approfondimenti su didattica e sicurezza informatica al Centro Studi

Il Gal Trasimeno-Orvietano finanzia 14 progetti "Cultura che nutre" nelle direzioni didattiche del territorio

Più potere alle donne. A Orvieto forum nazionale delle amministratrici del Partito Democratico

1° Forum nazionale delle Amministratrici democratiche - Programma

Turreni in merito alla falsa lettera attribuita al presidente Frizza: "Sfido il PD a denunciare la mia presunta incompatibilità"

Le produzioni di ArTè. Gli appuntamenti di Ottobre nei vari teatri

Confermare la cassa integrazione alle lavoratrici della Grinta. La CGIL torna sulla vicenda del tessile orvietano

I parlamentari umbri del PD chiedono un rapido intervento del Ministro della Giustizia: "fatti non parole per le carceri umbre"

"Sogni di Autori Vari". Parte il progetto finanziato dalla Fondazione CRO dedicato a ragazzi e ragazze con diversa abilità

"Sogni di autori vari" - Il progetto e le modalità di accesso ai corsi

Una diffusa esigenza di cambiamento

Presentato ad Allerona il progetto Parchi Attivi

Bilancio: Il riequilibrio del poco o niente

Ma secondo il PdL siamo a un passo dal risanamento