economia

A Foligno i pensionati della Cisl puntano sul territorio e sulla formazione

lunedì 23 ottobre 2017
A Foligno i pensionati della Cisl puntano sul territorio e sulla formazione

“Il processo non è stato di facile definizione, ma il nostro intento è quello di ritornare vicini ai nostri iscritti, pensionati e cittadini. Al territorio”. Mario Propersi, coordinatore del territorio di Foligno, Bastia Umbra e Spoleto per i pensionati, nel corso dell’assemblea di venerdì 20 ottobre, ha ripercorso tutte le tappe che sono state poste in essere dalla categoria e sostenute dal segretario generale regionale Fnp Cisl Umbria Giorgio Menghini per avviare un processo che prima di tutto ha trovato avvio nel congresso regionale della categoria: la centralità dei territori. Tra i temi trattati da Propersi, quelli della formazione e della sanità.

"Da una parte è in fase di approvazione un percorso formativo che vorremmo realizzare a Foligno, in modo da potenziare la qualità dell’accoglienza delle nostre strutture – ha spiegato il coordinatore-.” Propersi ha poi puntato l’attenzione sull’importanza di intervenire per riuscire ad abbattere le liste di attesa, “che in molti casi, proprio come la povertà crescente, rappresenta un reale ostacolo per la cura delle persone anziane e non solo”.

Il segretario generale regionale Fnp Cisl Umbria Giorgio Menghini ha manifestato soddisfazione per l’esito di questa seconda assemblea (la prima dei giorni scorsi a Terni e la prossima su Perugia), che arriva dopo il consiglio generale della Fnp Cisl Umbria di Todi: “Questo processo di riorganizzazione e di riavvicinamento alle persone - ha detto - serve a ricominciare a parlare da vicino a tutti”. Menghini ha quindi rappresentato l’importanza anche nel territorio di Foligno, Bastia Umbra e Spoleto di rivedere l’organizzazione dei servizi e di proseguire nell’attività del coordinamento delle donne e in quella dell’associazione di volontariato Anteas.

All’incontro, presieduto dal responsabile Rls di Bastia Umbra Giovanni Marini, hanno partecipato il segretario regionale Cisl Umbria Pierpaola Pietrantozzi, il presidente dell’Anteas regionale Gustavo Sciamanna, il responsabile Rls di Foligno Dante Terradura e il responsabile Rls di Spoleto Mariano Mariani.

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 gennaio

Madame Bovary

Indagine della Procura, le puntualizzazioni di Enel

Giorno della Memoria, ricordare per prevenire. Iniziative della Cgil a Perugia e Terni

Conferenza su "Il mito di Giulia Farnese: amori, potere, storia…"

Robotica e agricoltura di precisione con il Progetto Pantheon

Orvieto FC, la prima squadre batte il GubbioBurano secondo in classifica

Per la Zambelli Orvieto è un momento magico, conquistata Montecchio Maggiore

Orvietana, sconfitta pesante contro il San Sisto

Finisce in carcere per una rapina in banca messa a segno due anni fa

Sicurezza, trecento controlli in due settimane sul territorio

Rti avanza richieste economiche al Comune, Tardani interroga il sindaco

Lia Tagliacozzo presenta il libro "La Shoah e il Giorno della Memoria"

L'Istituto per la Storia dell'Umbria Contemporanea per il Giorno della Memoria

In biblioteca lettura di "Sonderkommando Auschwitz" di Shlomo Venezia

Dal Castello Baronale alla Cappella Baglioni, fino al caffè a Villa Lais

Contro Azzurra Orvieto, Campobasso resiste ma non passa

Una brutta Vetrya Orvieto Basket lascia la vetta a Perugia

Violenza di genere, firmato il protocollo d'intesa per la realizzazione del sistema regionale di contrasto

"A spasso con ABC", giornata finale per i narratori del futuro

Sul palco del Rivellino, Anna Mazzamauro è "Nuda e Cruda"

Iniziative in tutta l'Umbria per San Francesco di Sales, patrono di giornalisti e comunicatori

"Col trattore in Complanare", in 140 a Ciconia per la benedizione dei mezzi agricoli

Il consiglio regionale FIE Umbria conferma alla presidenza Giulia Garofalo

Rumori di lavori in corso a Palazzo Monaldeschi, Olimpieri (IeT) interroga il Comune

Al Concordia, serata dedicata al teatro con "Il Canto del Gallo"

Comitato Scansano Sos Geotermia: "Il pericolo non va esportato in Maremma"