economia

Bari tira dritto: "integrazione urgente per ragioni incontrovertibili"

venerdì 23 giugno 2017
di Banca Popolare di Bari
Bari tira dritto: "integrazione urgente per ragioni incontrovertibili"

Il Gruppo Banca Popolare di Bari intende fornire alcune precisazioni sull’integrazione della controllata Cassa di Risparmio di Orvieto, acquisita nel marzo 2009, alla luce delle recenti notizie di stampa e delle dichiarazioni di vari esponenti delle istituzioni locali.

Il Gruppo BPB è convinto che il rafforzamento del proprio ruolo sul territorio orvietano passi per l’integrazione della Cassa nella Capogruppo, in modo da poter utilizzare nel migliore dei modi i benefici legati alle sinergie di scala e di scopo, sia sui costi che sui ricavi.

Questa convinzione, oltre ad essere già riflessa nel vigente piano industriale del Gruppo, trova piena conferma nella tendenza alla razionalizzazione degli assetti dei Gruppi bancari nazionali, frutto anche di un contesto esterno profondamente mutato. Tale tendenza, inoltre, risponde pienamente alle aspettative dei Regolatori.

Alla luce di ciò, Banca Popolare di Bari, nella sua qualità di capogruppo, ha dato impulso al processo di integrazione, ritenuto ormai urgente per incontrovertibili ragioni industriali e regolamentari. In tal senso, ha portato la tematica all’attenzione del Consiglio di Amministrazione della Cassa e del socio Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto, di cui ha incontrato il vertice.

La Banca prende atto della posizione – divergente – assunta dalla Fondazione, ma non può che confermare le proprie posizioni, frutto di valutazioni ben precise e funzionali all’unico suo obiettivo reale, che è quello di creare le migliori condizioni per offrire un servizio professionale e soddisfacente al territorio in cui operano le Filiali e le Persone della Cassa Il perseguimento di tale obiettivo non poggia sulla soluzione societaria adottata, ma sulla efficacia delle strategie e delle azioni volte a rafforzare la presenza del Gruppo secondo una logica di maggiore efficienza, nonché sulla volontà delle persone di impegnarsi in tale direzione.

La Banca confida nel poter sviluppare un confronto proficuo e costruttivo con la Fondazione, offrendo tutti gli elementi utili a chiarire la valenza strategica dell’operazione di aggregazione nell’interesse del territorio orvietano e più in generale nella regione Umbria.

Eguale confronto è pronta ad avviare con le altre istituzioni locali, sul presupposto che l’iniziativa di Banca Popolare di Bari non mira certo a sottrarre la banca alla comunità orvietana, ma, piuttosto, a restituire alle famiglie, alle imprese e alle istituzioni del territorio una presenza bancaria più forte, più stabile e più efficiente.

 

Nota della Banca Popolare di Bari

 

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 18 febbraio

Giulio Scarpati all'Unitre. Con Valeria Solarino al Mancinelli per "Una giornata particolare"

Cede una porzione di muro, tecnici della Provincia al lavoro sulla SP 31

Ultima settimana di scuola aperta all'Istituto Artistico, Classico e Professionale

Al Palazzo del Gusto, corso di qualificazione professionale per sommelier Ais

Final Four Under 18 Eccellenza, la finale sarà Ellera-Todi

Anteas e Gruppo Famiglie Parrocchia S.Anna promuovono l'incontro "Invecchiare bene"

Lancia una bottiglia contro il muro del commissariato, denunciato un 37enne

Anche il Comune di San Venanzo aderisce a "M'illumino di meno"

Visite guidate a "San Giovenale. La chiesa e il quartiere nell'Orvieto medioevale"

Provincia, la Rsu chiede certezza su servizi, personale e bilancio

Emanuele Carelli presenta la raccolta di poesie "Celeste come i cieli"

Ridistribuite le deleghe, fino a nuove determinazioni

Il Tar conferma l'aumento della litigiosità tra cittadino e pubblica amministrazione

Campo da calcio di Ciconia "in abbandono", la Uisp fornisce chiarimenti

Proposta di legge sull'ambiente, prosegue in tutta l'Umbria la raccolta firme

A "Cinema intorno al mondo", è la volta di "Lagos. Notes of a city"

Vinti: "Le dimissioni scoperchiano la pentola del conflitto interno al Pd"

Tecnici Enel al lavoro, traffico interrotto in Via Magalotti

Umbria e Orvieto protagoniste a Praga. Intensa l'attività per rafforzare relazioni e progetti

Comune spento per "M'illumino di meno". Gli interventi per razionalizzare i consumi energetici

Presentato in Regione il volume "Umbria, paesaggi in divenire 1954/2014"