economia

Buon lavoro al Laboratorio per la Biennale dello Spazio Pubblico

sabato 22 aprile 2017
Buon lavoro al Laboratorio per la Biennale dello Spazio Pubblico

Giornata ricca di spunti, propedeutica al laboratorio della Biennale degli Spazi Comuni, quella che, come annunciato, si tenuta sabato 22 aprile a Parrano che ha visto la partecipazione dei cittadini, tecnici, associazioni e rappresentanti dei Comuni di Fabro, Ficulle, Monteleone d'Orvieto, Castel Viscardo ma anche Serrone e Labico. Con loro, anche gli architetti Nico Svarese, Emma Tagliacollo, Luca Calselli e Rocco Olivadese.

Dopo l'introduzione del sindaco Valentino Filippetti, ha preso la parola la dottoressa Emma Tedeschini che ha presentato il progetto "Respira Parrano", quindi è stata la volta della relazione dell'architetto Emma Tagliacollo che ha spiegato il senso della Biennale degli Spazi Pubblici, in programma a Roma giovedì 25 e venerdì 26 maggio, integrata dall’intervento dell’architetto Nico Savarese.

Si è passati quindi ai rappresentanti dei Comuni della rete laziale, a cominciare dall'avvocato Grazia Tassiello, assessore all'urbanistica del Comune di Labico e la dottoressa Antonella Sperati del Comune di Serrone. Dopo gli interventi dei rappresentanti dei Comuni ospiti, la vice sindaco di Parrano Patrzia Patri ha illustrato il progetto "Area Interna Sud Ovest Orvietano" per poi passare la parola ai sindaci della rete umbra, a cominciare dall'ingegnere Maurizio Terzino, primo cittadino di Fabro.

A seguire, il sindaco di Castel Viscardo Daniele Longaroni e il sindaco di Ficulle Gian Luigi Maravalle. Sul piano tecnico, l'architetto Luca Calselli ha illustrato il progetto di tutti i Comuni della rete laziale. E’ toccato quindi all’architetto Rocco Olivadese, dirigente dell’Ufficio Urbanistica del Comune di Orvieto, tirare le somme sottolineando il valore di questi incontri e spronando le amministratori a trovare una visione comune per lo sviluppo del territorio.

Al termine, i partecipanti hanno potuto apprezzare le prelibatezze locali cotte nel forno medievale e degustate nelle cantine del Castello di Parrano grazie alla Pro Loco e a tutti i volontari. Il prossimo appuntamento si terrà ora a Labico giovedì 27 aprile e, a metà maggio, a Serrone e Tricarico.

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 gennaio

Madame Bovary

Indagine della Procura, le puntualizzazioni di Enel

Giorno della Memoria, ricordare per prevenire. Iniziative della Cgil a Perugia e Terni

Conferenza su "Il mito di Giulia Farnese: amori, potere, storia…"

Robotica e agricoltura di precisione con il Progetto Pantheon

Orvieto FC, la prima squadre batte il GubbioBurano secondo in classifica

Per la Zambelli Orvieto è un momento magico, conquistata Montecchio Maggiore

Orvietana, sconfitta pesante contro il San Sisto

Finisce in carcere per una rapina in banca messa a segno due anni fa

Sicurezza, trecento controlli in due settimane sul territorio

Rti avanza richieste economiche al Comune, Tardani interroga il sindaco

Lia Tagliacozzo presenta il libro "La Shoah e il Giorno della Memoria"

L'Istituto per la Storia dell'Umbria Contemporanea per il Giorno della Memoria

In biblioteca lettura di "Sonderkommando Auschwitz" di Shlomo Venezia

Dal Castello Baronale alla Cappella Baglioni, fino al caffè a Villa Lais

Contro Azzurra Orvieto, Campobasso resiste ma non passa

Una brutta Vetrya Orvieto Basket lascia la vetta a Perugia

Violenza di genere, firmato il protocollo d'intesa per la realizzazione del sistema regionale di contrasto

"A spasso con ABC", giornata finale per i narratori del futuro

Sul palco del Rivellino, Anna Mazzamauro è "Nuda e Cruda"

Iniziative in tutta l'Umbria per San Francesco di Sales, patrono di giornalisti e comunicatori

"Col trattore in Complanare", in 140 a Ciconia per la benedizione dei mezzi agricoli

Il consiglio regionale FIE Umbria conferma alla presidenza Giulia Garofalo

Rumori di lavori in corso a Palazzo Monaldeschi, Olimpieri (IeT) interroga il Comune

Al Concordia, serata dedicata al teatro con "Il Canto del Gallo"

Comitato Scansano Sos Geotermia: "Il pericolo non va esportato in Maremma"