economia

Sottoscritto l'accordo di rete per attività formative e di ricerca tra Fondazione per il Csco e Centro Studi Città di Foligno

mercoledì 18 gennaio 2017
Sottoscritto l'accordo di rete per attività formative e di ricerca tra Fondazione per il Csco e Centro Studi Città di Foligno

E' stato firmato mercoledì 18 gennaio a Palazzo Negroni, sede del C.S.C.O. l’Accordo di Rete tra l’Associazione Centro Studi Città di Foligno e la Fondazione per il Centro Studi “Città di Orvieto” attraverso il quale, i due centri studi che hanno in comune, oltre alla mission istituzionale, la medesima natura di enti formativi di diretta emanazione di Enti pubblici locali, daranno vita a rapporti di collaborazione.  Attraverso l’Accordo di Rete, infatti, entrambi i Centri Studi intendono:
- sviluppare un miglior interscambio di conoscenze, esperienze ed opportunità al fine di promuovere attività congiunte;
- agevolare il dialogo tra sistema formativo e mondo delle professioni, ricercando congiuntamente la partecipazione di Enti Pubblici nazionali e locali, delle Regioni, degli Ordini Professionali e delle Associazioni di categoria rappresentative dei settori sociali, economici e produttivi per il raggiungimento di comuni obiettivi;
- dare vita a forme permanenti di cooperazione finalizzata a realizzare attività culturali, di studio, ricerca, documentazione, sperimentazione, innovazione, progettazione su bandi pubblici, formazione continua ed aggiornamento professionale nelle aree di comune interesse.

Più precisamente, l’accordo regola i rapporti tra il CSCF ed il CSCO che s’impegnano a promuovere iniziative comuni in ambiti multidisciplinari nei settori dello studio, della ricerca, della documentazione, della sperimentazione, dell’innovazione, della progettazione su bandi pubblici, della promozione ed organizzazione di attività culturali e della formazione.
In particolare, s’impegnano a cooperare tra loro per:
• elaborare e gestire progetti ad alto contenuto formativo e di orientamento per lo sviluppo di competenze professionali specifiche nei settori di comune interesse;
• monitorare sulle diverse opportunità di finanziamento, prevedendo la partecipazione, anche congiunta, a bandi di finanziamento europei, nazionali e regionali in settori di particolare interesse strategico per le Parti;
• realizzare i progetti comuni nel rispetto degli obiettivi, dei contenuti, dei tempi, dei vincoli, dell’articolazione e dei costi specificati nei documenti di progetto che verranno di volta in volta prodotti e condivisi tra le Parti.

All’Accordo di Rete potranno aderire successivamente organizzazioni che perseguano finalità statutarie analoghe a quelle della Fondazione C.S.C.O. e dell’Associazione C.S.C.F..

La firma dell’atto (nella foto) è avvenuta alla presenza del Direttore del Centro Studi Città di Foligno Prof. Mario Margasini, dell’Assessore allo Sviluppo Economico, Innovazione e Turismo del Comune di Foligno, Giovanni Patriarchi, del Presidente del CSCO, Matteo Tonelli e dell’Assessore alla Cultura del Comune di Orvieto, Alessandra Cannistrà, i quali successivamente hanno illustrato le prospettive di collaborazione tra i due Centri Studi nel corso di una Conferenza Stampa.

Infatti, la Fondazione C.S.C.O. è un istituto culturale non profit che ha per fine la promozione e realizzazione di attività di ricerca e di formazione di elevata qualificazione scientifica, consone alla tradizione storica e civile di Orvieto ed utili allo sviluppo sociale ed economico della Città e del territorio circostante; anche l’Associazione C.S.C.F. non ha scopi di lucro e persegue l’obiettivo di promuovere, sostenere, accogliere, gestire e coordinare attività di formazione di elevato livello nelle varie discipline sociali, scientifiche, amministrative. Entrambe sono agenzie accreditate presso la Regione Umbria per la formazione superiore, continua e permanente.

L’evidente affinità di alcuni degli scopi individuati dai rispettivi Statuti ha motivato l’utilità dell’accordo di collaborazione per integrare ed ottimizzare le specifiche competenze, i metodi e le procedure di lavoro e stabilire le opportune sinergie, al fine di migliorare le attività e le offerte formative di entrambe. Lo strumento dell’Accordo di Rete è concepito per implementare reti di organizzazioni pubbliche e/o private che condividono un programma e degli obiettivi comuni, pur mantenendo ciascuna la propria autonomia, ovvero esercitare in comune una o più attività rientranti nei rispettivi oggetti sociali.

Giovanni Patriarchi, Assessore allo Sviluppo Economico, Innovazione e Turismo del Comune di Foligno ha sottolineato “l’importanza dell’Accordo di Rete siglato ad Orvieto che mette a valore una collaborazione per interventi di ricerca e formativi sulla base di progetti regionali ed europei. Si stabilirà una struttura di progettazione della quale si potranno avvalere sia le due città sia l’intera regione Umbria”.

Nel portare i saluti dell’Amministrazione Comunale di Orvieto, l’Assessore alla Cultura Alessandra Cannistrà ha affermato: “l’Accordo di Rete si colloca nella prospettiva di integrare le diversi volontà nell’amministrazione del territorio. Una partnership allargata che si avvantaggia di altre realtà parallele nello stesso settore. In questo caso si costruisce un asse interessante con Foligno che può essere foriero di un processo di rinnovamento nelle collaborazioni in maniera proficua. Orvieto mette in rete tante qualità particolari, tra tutte quelle di essere in una  posizione favorevole e quindi mettere in campo una vicinanza con i grandi centri . Dal punto di vista della logistica, altre competenze però possono concorre ad una progettazione ad ampio raggio. Vedo dei laboratori di cultura che possono svilupparsi a fianco dell’amministrazione per portare avanti linee d’intervento interessanti negli asset produttivi, una relazione questa perfettamente integrabile verso una programmazione nuova che consentirà di potenziare e valorizzare vocazioni e competenze peculiari di due realtà che si presentano tra loro complementari”.

“Oggi abbiamo firmato l’accordo di rete tra il CSCO ed il CSCF, un accordo di partenariato con il quale gli enti che noi rappresentiamo intendono condividere esperienze, attività e progetti” – ha affermato Matteo Tonelli, Presidente del CSCO che ha aggiunto: “Abbiamo voluto usare una terminologia ben precisa per definire questo nostro accordo, e lo abbiamo voluto chiamare ‘accordo di rete’ con il preciso intento di richiamare e fare concretamente proprie quelle caratteristiche della ‘rete’ che sono molto più complete e complesse di una semplice collaborazione.
Essere una rete significa stabilire una connessione fra i diversi soggetti e le loro specifiche competenze, pur mantenendo inalterata la loro autonomia e individualità gestionale, ma creando le condizioni per far nascere sinergie e occasioni di cooperazione:
- Sviluppare nuove competenze in forma collaborativa;
- Perseguire processi condivisi di specializzazione e diversificazione;
- Condividere maggiore varietà di risorse, competenze e informazioni.
Tutto questo nasce dalla consapevolezza, condivisa, che la attuale condizione di risorse sempre più scarse e la necessità di costante adeguamento ai sempre nuovi fabbisogni formativi impongono, così come in ogni altro campo ed in ogni altro contesto, di superare gli individualismi e la cura del solo proprio particolare, e di fare insieme sistema, di fare rete”.

“Con questo spirito e questa consapevolezza l’accordo siglato – ha concluso - si propone, nelle intenzioni nostre e dei colleghi del CSCF, di essere il primo passo di un progetto più ampio, quello di creare e dare vita alla ‘rete dei Centri Studi a partecipazione pubblica dell’Umbria’. Questo consentirebbe di mettere a sistema le specifiche peculiarità e caratterizzazioni dei 4 Centri della Regione, oltre ai due qui presenti il Centro Studi Villa Montesca di Città di Castello ed il Consorzio Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica ‘Villa Umbra’, per fare in modo che l’offerta di alta formazione sia non più episodica e individuale ma diventi un sistema strutturato in un disegno complessivo coordinato a livello regionale”.

Il Centro Studi Città di Foligno nasce nel 1999 per iniziativa del Comune di Foligno, dell’Università degli Studi di Perugia, della Regione Umbria e della Provincia di Perugia con la finalità di gestire l’amministrazione e la logistica del Polo Universitario decentrato a Foligno che vedeva la nascita del Corso di Laurea in Coordinamento delle Attività di Protezione Civile. In seguito l’Associazione ha esteso il suo ruolo di Agenzia Formativa verso gli ambiti della formazione professionale, della progettazione e gestione di risorse derivanti dalla Comunità Europea, della riqualificazione professionale,dell’organizzazione di workshop, seminari, stage formativi e master. Le attività oggi presenti all’interno del Centro Studi Città di Foligno ne fanno una struttura formativa in grado di captare e soddisfare le esigenze ed i bisogni del Territorio in maniera agile e competente.

La Fondazione per il Centro Studi “Città di Orvieto” è stata istituita per iniziativa del Comune di Orvieto, con atto notarile dell’8 agosto 2000. La Fondazione è un istituto culturale che ha per scopo statutario la promozione e la realizzazione di attività di ricerca e di formazione di elevata qualificazione scientifica, consone alla tradizione storica e civile di Orvieto, di livello universitario e post-universitario, in collaborazione con università ed istituzioni culturali e scientifiche, pubbliche e private, in ambito nazionale ed internazionale. Essa risponde ai principi ed allo schema giuridico propri delle “fondazioni di partecipazione”, non ha scopo di lucro e non può distribuire utili. Dal 18 ottobre 2006 è provvista di Personalità Giuridica ed è iscritta al n. 30 / 2006 del Registro Prefettizio delle persone giuridiche – Prefettura di Terni, Ufficio Territoriale del Governo. Dalla sua costituzione ad oggi, ha svolto un’attività intensa e variegata, finalizzata al perseguimento delle finalità statutarie, nei seguenti settori: alta formazione in collaborazione con università ed istituzioni scientifiche italiane e straniere; ricerca scientifica; attività culturali e convegnistiche connesse con le attività formative e di ricerca. Dallo scorso ottobre è tornata ad essere un’agenzia accreditata presso la Regione Umbria per la formazione superiore, continua e permanente.

Fonte: Comune di Orvieto

Commenta su Facebook

Accadeva il 18 novembre

A piedi sul "Sentiero dei Vigneti", camminando nella storia con l'Asds Majorana

La Fondazione e la sua partecipazione in Cassa di Risparmio di Orvieto Spa

"Cultura per il No Profit". Un bando per la gestione di tredici gioielli demaniali

Pressing della minoranza, "Sia Orvieto la sede della stazione MedioEtruria"

Nebbia di me

Zambelli Orvieto con grande concentrazione al derby di San Giustino

Ode per la ragazza del Discount

Dentro questo mio accanito desiderio

Caterina Costantini e Lucia Ricalzone al Boni con "Il Club delle Vedove"

Finisce nel fiume Paglia, in buone condizioni l'operaio salvato dai vigili del fuoco

"La rivoluzione giovanile del '68" apre l'anno del Centro di Studio "Bonaventura da Bagnoregio"

Azzurra, Ipc Srl è match sponsor del prossimo turno di campionato

Nuove prospettive turistiche dalla valorizzazione della Via Romea Germanica

Piano di tutela delle acque, la giunta regionale preadotta l'aggiornamento

"Van Gogh Shadow", la cultura multimediale in mostra a Palazzo dei Priori

Sisma, riunione fra Regione, Protezione Civile e Anas per ripristino viabilità

Il Comune incontra i cittadini. Il quarto appuntamento è a Torre San Severo

Glicine dunque

Il Comitato Risparmiatori risponde alla Fondazione Cro

Si presenta il "Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile"

Insieme per dire basta alla violenza sulle donne. Iniziative a Orvieto, in Umbria e a Roma

"La Via della Misericordia nel Lazio. Immagini e riflessioni nell'anno del Giubileo e dei Cammini"

Ferraldeschi (Storia e futuro): "Un'amministrazione comunale che non c'è"

All'Unitre si presenta il libro "Sopportare pazientemente le persone moleste"

Unioni civili. Scontro al calor bianco tra M5S e Sel in consiglio

Sosta gratuita per quattro ore dal 14 dicembre. "Identità e Territorio" contraria

La Regione in campo con 12milioni di euro per il bacino del Paglia, ora la speranza è che partano i lavori

Elezioni Regionali: il Pd ha deciso di concedere il bis a Catiuscia Marini

Caso licenza ex Coop, il Comune batte i pugni: "Non siamo intenzionati a concedere proroghe"

Prima seduta del Cda del Centro Studi: Carlo Mari eletto presidente

Percorso di formazione “Fede Bene Comune - Nuova Civitas”, un momento di approfondimento e riflessione

Dalla chiusura del Giubileo un progetto di speranza e sostegno per l’Oratorio parrocchiale grazie al Rotary di Orvieto

Battipaglia – Azzurra Orvieto: 79 – 59. Rimbalzi difensivi, palle perse e altro fanno la differenza

"La Chiesa dei poveri. Dal Concilio a papa Francesco". Si presenta a Orvieto il libro di monsignor Bettazzi

Completati i lavori di adeguamento del depuratore. Venerdì l'inaugurazione

La tv tedesca racconta in un documentario come Orvieto si salvò dai bombardamenti

Omphalos: "In una città che sostiene tutte le famiglie si vive meglio"

La Compagnia del Limoncello porta in scena "Cercasi Scalandrino"

La figlia di Aldo Moro al convegno della Polstrada: "Lo Stato siamo tutti noi"

Enel effettua taglio piante e deramificazione nei pressi delle linee elettriche