economia

Allarme per l'Orvieto doc: "L'ampliamento della discarica mette in discussione il valore del vino"

martedì 22 marzo 2016
Allarme per l'Orvieto doc: "L'ampliamento della discarica mette in discussione il valore del vino"

Non c’è da stare tranquilli per niente di fronte all’intransigenza della Regione Umbria sull’ampliamento della discarica di Orvieto. Non è solo una questione di carte bollate e necessità perugine, in serio pericolo c’è il nome, il futuro e il valore del bene più prezioso di Orvieto, IL VINO.

A preoccuparsi è il presidente del Consorzio per la Tutela del Vino di Orvieto, Enzo Barbi, che chiede alla Regione di evitare l’ennesimo ampliamento di una discarica all’interno del cuore della zona di Denominazione dell’Orvieto Doc.

“I viticoltori, le cantine e tutte le aziende del settore vitivinicolo, rappresentati dal Consorzio Tutela Vini Orvieto, sono seriamente preoccupati per il futuro del nostro territorio - scrive iL Consorzio - Per decenni, abbiamo dovuto convivere con la presenza ingombrante della discarica “Le Crete”, nel cuore della Doc Orvieto. L’ampliamento e il suo continuo utilizzo fino al 2035, facendone una delle più grandi discariche del Centro Italia, costituiscono una seria minaccia al futuro del nostro territorio e alla considerazione del prodotto che più di altri lo identifica e lo rende celebre nel mondo”.

Chiaramente non farebbe bene all’Orvieto Doc passare per il vino che si produce a confine di una delle discariche più grandi dell’Umbria. Cosa succederebbe in termini commerciali se il nome del vino di Orvieto si associasse a quello della discarica? Meglio non pensarci per sul bene di Orvieto e dell’economia orvietana.

“La decisione di ampliare tale discarica impoverirebbe - continua Barbi -, economicamente e culturalmente, l'Orvietano e l'intero comparto della viticoltura nazionale. Per il vino di Orvieto è un pericolo troppo grande, sia in termini di immagine che economici. Un pericolo che mette seriamente a rischio la sopravvivenza della denominazione e al tempo stesso il sano e florido futuro delle attività presenti, gli investimenti fatti negli anni per ottenere vini di qualità, i posti di lavoro creati, il valore delle nostre terre e dei nostri vigneti e il futuro di tanti nuovi giovani imprenditori che si sono riavvicinati con passione identitaria alla viticoltura”.

“L’Orvieto è uno dei vini italiani più venduti all’estero - concludono dal Consorzio - e un importante ambasciatore del settore agroalimentare italiano. Il vino di Orvieto è famoso da centinaia di anni e rappresenta un'eccellenza non solo del territorio regionale umbro, ma di tutta Italia. È impensabile che questa storia venga messa a rischio da scelte poco lungimiranti e contro la volontà dei cittadini del comprensorio.”

Commenta su Facebook

Accadeva il 26 aprile

"Donne di potere tra il Medioevo e l'Età Moderna". Cresce l'attesa per il convegno

"Colore, Suono, Fiaba", un laboratorio per dipingere con l'emozione

"Un luogo in un secolo. Storia, immagini, identità. Bolsena e il suo Lago nel Novecento"

La Zambelli Orvieto combatte ma è superata dalla forte San Giovanni in Marignano

"Mosaico Verde", un progetto per l'ambiente

Il Tredici Gradi Slow Bar ospita "Il Signore dei Sussuri"

Studenti a lezione dal campione di ciclismo Luca Panichi

La Chiesa Cattolica Ortodossa Ecumenica denuncia il vescovo

"Chocomoments" addolcisce il lungo Ponte del Primo Maggio

L'Ecomuseo del Paesaggio degli Etruschi aderisce alla Festa dei Boschi

Il parroco condanna i volantini affissi con il silicone sulla Chiesa di Sferracavallo

Primo Maggio, il programma della giornata

"Oltre le avversità, la volontà e la forza delle produttrici umbre del vino e dell'olio per il rinnovamento nel solco della tradizione"

La Zambelli Orvieto è pronta a rifarsi, il ds Iannuzzi chiama a raccolta i tifosi

Folta partecipazione a "La scuola ricorda… il 25 aprile e il 1° maggio"

Geotermia, lettera aperta di Nogesi alla presidente Marini e all'assessore Cecchini

"NarrAzioni", tre serate di musica e spettacoli per la terza edizione

Villa Rosa a "San Pellegrino in Fiore". "Non tutto ciò che è rotto è in realtà da buttare"

Vaccini, inadempienze nelle scuole. Barberini: "Rappresenteremo il problema al Governo, ma convinti dell'obbligatorietà"

Anche una rappresentana orvietana alla quinta edizione di "Maremma d'aMare"

Sicurezza sul lavoro. Inas, Patronato della Cisl, punta i riflettori sulle morti bianche

Piccole e medie imprese, pubblicato il bando regionale per contributi sugli investimenti

Ex Ospedale. De Vincenzi (Misto-Umbria Next): "Rischio di speculazione edilizia. La giunta regionale conferma il via libera"

"Modificare l'accordo per realizzare il Palazzo della Salute"

Contratto di Fiume interregionale per il Paglia. Vertice ad Orvieto di Umbria, Lazio e Toscana

L'Amministrazione presenta alla Conferenza Capigruppo il Progetto Culturale e Piano Eventi 2018

Riapre la pizzeria all'aperto del Ristorante "Al San Francesco"

Quella porta

Gli ebook sbarcano nel Sistema bibliotecario Lago di Bolsena

Furto sacrilego alla reliquia di San Teodoro Martire, comprotettore di Monteleone

Verso la fine dei vari campionati. Azzurra ancora in semifinale, verdetti in arrivo per le squadre orvietane

Tassare Internet sarebbe demenziale, piuttosto si riduca l’Iva al 10%

“Cantico delle creature”. Dall’1 al 10 maggio personale di pittura di Don Ruggero Iorio

Acquapendente. Cava di basalto delle Greppe. Precisazioni del C.I.S.A.

Alcune considerazioni di Roberto Antonini, fotografo naturalista

Ottimi cervelli dell'Orvietano. Da Montegabbione Fabio Roncella insegue il sole per la Pirelli

1° Memorial nazionale di atletica leggera "Luca Coscioni". Orvieto ricorda il suo "maratoneta"

Per Luca, con Luca. Il messaggio di Maria Antonietta Farina Coscioni

Ddl Lavoro, Cgil mobilitata anche in Umbria. Lavoratori in piazza a Perugia e Terni

Brignano raddoppia al Mancinelli. Recita straordinaria anche domenica 30 maggio

Azione Giovani Orvieto e Giovani della Sinistra Orvietana scendono in campo... un goal per Orvieto contro il Cancro

Dimissioni e manomissioni

Ancora sulla Musica. Il diritto al riposo e il diritto di esprimersi

Tessile. Nasce il polo produttivo IF Fashon. Ma la Grinta resta fuori

Auto impatta sul guard-rail lungo la Strada della Stazione. Illeso il conducente

Catiuscia Marini presenta la nuova Giunta Regionale

Controlli straordinari del Commissariato sul territorio. Decine di persone identificate e un fermato per guida in stato di ebbrezza

Il neo assessore Rossi: giusto assicurare adeguata rappresentanza a Terni nella Gointa regionale

L'amministrazione di Porano sul Bilancio. A breve l'approvazione del Consuntivo 2009