economia

La Carta Unica di Boston, ovvero il Boston City Pass. Ma a vincere è la carta di casa nostra

lunedì 14 gennaio 2013
di Claudio Bizzarri
La Carta Unica di Boston, ovvero il Boston City Pass. Ma a vincere è la carta di casa nostra

Come presidente della Carta Unica mi correva l'obbligo di vedere cosa ci fosse anche dall'altra parte dell'Oceano di simile alla nostra Carta e di confrontare le offerte: c'è sempre la possibilità di imparare ed un pizzico di modestia non guasta mai, anzi... sarebbe bene che diventasse una moda diffusa e che il confronto pubblico ne fosse parte integrante.

Comunque, s'è detto Boston, una delle città culturalmente più attive degli States, con una concentrazione di università e college da far paura, fra questi basterà citare Harvard, il MIT (Massachusetts Institute of Technology), la Boston University, ecc. Nella stessa area insiste anche il Gordon College, che ad Orvieto ha un suo programma di studi all'estero.

Nel 1635 venne istituita la Boston Latin School, la prima scuola secondaria pubblica che ancora opera in città, nel 1780 la prima costituzione dello Stato, nel 1876, prudentemente, i Bostoniani ci dicono che Graham Bell presentò il primo apparecchio telefonico (non si cita Meucci), e questo solo per citare alcuni elementi utili alla comprensione della vitalità di Boston anche nel passato; si tratta quindi di una città estremamente attiva, nella quale si respira un bel mix globalizzante, nella sua migliore accezione.

Boston ha voluto facilitare i visitatori che anche nei freddi mesi invernali non mancano ed offre una Carta Unica che include 5 delle più importanti attrazioni: uno dei maggiori musei d'arte del Paese, il Museum of Fine Arts, del quale riparleremo a breve per la mole di materiali archeologici che provengono da Orvieto, il New England Aquarium, la piattaforma spettacolare della Sky Tower Observatory, il Museum of Science, palestra inimmaginabile per le menti dei giovani, il Natural History Museum di Harvard.

Va detto che, anche se il confronto è difficile tipologicamente, il bilancio è ampiamente a favore della carta di casa nostra, che, come sapete, annovera quasi per intero le proposte culturali di Orvieto, e ciò soprattutto per i costi: la Boston City Pass viene 49 $, circa 36 euro, contro i 18 del prezzo pieno della C.U., che prevede anche sconti per studenti ed over 65. E' infatti con estrema soddisfazione che la C.U. può vantare un incremento di vendite sotto Umbria Jazz Winter, rispetto agli anni passati, risultato davvero eccezionale tenendo presente la situazione da araba fenice, essendo risorta con le proprie forze dopo la devastazione subita dalla biglietteria dello Scalo. In quell'evento sono andati perduti tutti i materiali pubblicitari e le attrezzature per l'emissione dei biglietti: approfitto dell'occasione per ringraziare ancora i volontari che si sono adoperati per la ripulitura dei locali e chi ha consentito, col proprio impegno (coop. Luigi Carli, Speleotecnica s.r.l., volontari veri e propri), di non lasciar morire questa importante realtà cittadina, sempre più apprezzata da chi visita Orvieto.

Commenta su Facebook

Accadeva il 23 ottobre

Poker dell'Orvietana sul campo del Lama

Blocco Studentesco, sit-in contro "l'ostruzionismo della dirigenza al liceo Gualterio"

Unitus, via al Master "Crisis" su investigazioni e sicurezza

Gitana

Orvieto FC: vincono le ragazze del calcio a 5, sconfitta la prima squadra

Gnagnarini: "Auspico che Palazzo dei Sette torni ad ospitare i sette saggi"

Parcheggi in Piazza Duomo negati alle famiglie dei cresimandi di Fabro. Olimpieri (IeT): "Perchè?"

Un'autoambulanza per i cittadini. "La Locomotiva" chiede il supporto delle associazioni

Donato un servizio di ceramiche all'istituto alberghiero di Amatrice

"Metti via quel cellulare", a casa Cazzullo un confronto tra generazioni

Tornano "I Giorni dell'Olio Nuovo". Anteprima, "I segreti dell'ulivo. Dalla coltivazione alla raccolta"

"Rifiuti tossici, le dichiarazioni del sindaco Germani non bastano"

Vetrya Orvieto Basket di autorità sull'Atomika

Tutti in piazza a San Vito per festeggiare le cento primavere di Cesarina

Rafael Varela realizza un quadro per i trenta anni dell'Associazione "Piero Taruffi"

Interregionale Gpg di Scherma ad Ariccia. Vince Rocchigiani, terze Tognarini e Urbani

Fine settimana a tutto rugby per l'Orvietana

A Foligno i pensionati della Cisl puntano sul territorio e sulla formazione

"Chi legge naviga meglio". Anche un omaggio ad Anna Marchesini per "Libriamoci"

"Occhi allo Specchio". Descrizioni dal vero Orvieto-Montecchio - 17

Premio Vetrya per la migliore tesi di laurea sulle applicazioni di intelligenza artificiale nell'industria 4.0

Confagricoltura rinnova le cariche, Giuseppe Malvetani confermato presidente

Progetto EVA+, attivo il distributore di elettricità per la ricarica veloce dei veicoli

Le akebie di Bianca

Juniores regionale di calcio a 5, reso noto il calendario

Regione Toscana e 13 Comuni firmano il protocollo d'intesa per il rilancio dell'Amiata