economia

"Ripartire dal capitale umano del nostro territorio". Una CGIL in forte preoccupazione fa il punto della situazione occupazionale orvietana

martedì 24 gennaio 2012
di Monica Riccio
"Ripartire dal capitale umano del nostro territorio". Una CGIL in forte preoccupazione fa il punto della situazione occupazionale orvietana

"L'anno che è appena iniziato si preannuncia carico di grande preoccupazione". Non va per il sottile Maria Rita Paggio, responsabile della Camera del Lavoro CGIL di Orvieto, che in una conferenza stampa indetta questo pomeriggio presso la sede del sindacato ha stilato, punto per punto, le criticità ancora in essere nell'Orvietano, le priorità da non perdere di vista per tornare a riveder la luce, le proposte per un futuro se non migliore, almeno possibile.

Con Paggio, Andrea Farinelli responsabile del ramo FILLEA (Federazione Italiana Lavoratori Costruzioni legno Edili e Affini), Renato Formiconi per CGIL-SPI (Sindacato Pensionati Italiani) e Michele Racanella del comparto FLAI (Federazione Lavoratori AgroIndustria).
"La situazione occupazionale dell'Orvietano, in grave crisi, non fa che sommarsi - dice Paggio - allo stato di grande indebolimento delle disponibilità finanziarie delle famiglie che hanno retto fin qui l'impatto della crisi globale ma che stanno ormai vacillando sotto il peso dell'aumento significativo dei costi per i beni primari che ha comportato una sostanziale, e inevitabile, contrazione della spesa per i consumi. Le piccole e medie imprese del nostro territorio, artigianali, commerciali e dei servizi - spiega ancora la segretaria CGIL - nonostante il ricorso alla cassa integrazione in deroga hanno avviato una fase di riduzione del personale dipendente o hanno purtroppo scelto di cessare del tutto l'attività. Le difficoltà delle imprese sono determinate, a nostro avviso - spiega ancora Paggio - non solo da una drastica riduzione dei consumi e/o delle commesse, ma anche e soprattutto da una crisi di liquidità. Un sempre più "complicato" accesso al credito, aggiunto alla preoccupante situazione dei crediti da riscuotere, apre così un circolo vizioso che trascina nel vortice una azienda dopo l'altra. La situazione dei crediti da esigere poi, - apre una parentesi Paggio - preoccupa ancora di più quando è la Pubblica Amministrazione ad essere in ritardo con i pagamenti, situazione questa che mette spesso in ginocchio le aziende creditrici nelle quali sono impiegate centinaia di persone."

La mappa della crisi nell'Orvietano

Tessile

Nate dalle ceneri della Mabro, né Grinta, né Sphera sono riuscite a risollevare le proprie sorti. Sphera ha messo in mobilità 65 lavoratrici delle quali 25 hanno trovato impiego nella Mmanifatture che attualmente lavora, ha commesse in portafoglio, ma è oggetto di una importante ristrutturazione societaria. Grinta, dopo il fallimento e l'utilizzo di tutti gli ammortizzatori ordinari, delle 85 lavoratrici sono rimaste 61 in cassa in deroga fino a marzo 2012, quando tutte saranno passate in mobilità. "La preoccupazione - afferma Paggio - è che nessun progetto concretamente attuabile sembra profilarsi all'orizzonte per queste aziende". Si parla però di lavoratrici altamente qualificate, "una forza lavoro altamente competitiva - dice ancora Paggio - che il nostro territorio non può permettersi di disperdere, non senza aver tentato il tutto per tutto."

Meccanica e Telecomunicazioni

Electrosys. Nonostante le difficoltà del gruppo l'azienda vive una fase relativamente tranquilla anche se a breve scadrà la commessa RAI a cui quasi tutte le sue risorse sono dedicate. "Tuttavia - dice Paggio - ci risultano in sofferenza finanziaria diverse aziende dell'indotto che occupano decine di addetti".
Eurotrafo. Dopo l'apertura alla mobilità per 30 dipendenti su 90, ad oggi la riduzione di personale ha riguardato 5 sole unità uscite volontariamente. Fino al 30 giugno prossimo tutto il personale è in mobilità deroga a rotazione. "Le preoccupazioni che manifestiamo - spiega Paggio - riguardano il futuro del sito considerando che il gruppo Trafomec, di cui Eurotrafo fa parte, ha aperto alla mobilità il sito di Tavernelle per oltre 90 persone."

Ma anche le altre realtà metalmeccaniche del territorio segnalano difficoltà crescenti tanto da dover ricorrere alla cassa in deroga o alla cassa ordinaria.

Agricoltura

"Con circa 2500 iscritti agli elenchi anagrafici della Provincia - spiega Michele Racanella della FLAI - il comparto agricoltura resta uno dei settori più importanti sia in termini di produzione sia in termini di collocamento a lavoro. Rispetto ad altri settori - continua - l'agricoltura ha retto meglio l'impatto con la crisi aumentando l'export e reggendo il calo dei consumi. Resta tuttavia ferma la prospettiva da noi sempre auspicata di una crescita della filiera agroalimentare di qualità che faccia restare sul territorio parte della ricchezza offrendo occupazione."
I dati
In provincia di Terni sono 2548 gli iscritti negli elenchi anagrafici (per essere iscritti occorre aver lavorato in un anno almeno 1 giorno in agricoltura); di questi 1244 (902 uomini e 324 donne) quelli che hanno diritto alla indennità di disoccupazione (occorre aver lavorato in un anno almeno 51 giorni). Di 1244 addetti, 577 sono stranieri (487 uomini e 90 donne).
A Orvieto gli iscritti sono 597 di cui 305 quelli con diritto alla disoccupazione (234 uomini e 71 donne). Di questi 144 sono stranieri. "Si tratta di dati abbastanza stabili - afferma Racanella - che riguardano un settore comunque importante che può far da traino al resto dell'economia."

Commercio e Servizi

Fatta eccezione per la grande distribuzione, che pur soffrendo il calo dei consumi riesce a tenere, il commercio al dettaglio e il comparto servizi alle imprese si trova in grande difficoltà. "Su questo terreno - dice Paggio - non ci sono piani del traffico che tengano, né potrà aiutare la liberalizzazione degli orari."

Edilizia

"Il comparto edilizia - afferma Andrea Farinelli di FILLEA - è tra i più in sofferenza in Provincia e nel territorio orvietano. Nel 2011 si è verificato un calo sostanziale degli iscritti alla cassa edile e una richiesta sempre più importante di cassa integrazione ordinaria. Il calo dei finanziamenti centrali, poi, che ha ridotto se non azzerato gli investimenti in opere pubbliche ha contribuito l'aggravarsi della crisi. A Orvieto, ad esempio, il solo poter vedere finalmente cantierizzare la complanare sarebbe un grosso risultato che porterebbe evidenti benefici a tutto il settore.
Gruppo Biagioli. Il valore del gruppo è dato dalla attività di escavazione e dalla PrefSystem la quale però è preda del blocco dei lavori alla metropolitana di Roma, blocco che condiziona il gruppo e la normale ripresa lavorativa. "L'attività di costruzioni è bloccata - dice Farinelli - ma nonostante i problemi il gruppo sta lentamente riafforando dal punto di vista economico. La preoccupazione è che mancando i cantieri sia difficile per il gruppo produrre inerti e quindi lavorare a pieno regime."

Sociale

"Il nostro territorio vede una percentuale del 28% di anziani ultra 70enni - dice Renato Formiconi dello SPI - i problemi più importanti da risolvere sono la mancanza di aiuti per la non autosufficienza. In questo scenario i ridotti aiuti dallo stato centrale e la sempre più crescente domanda delle famiglie portano la situazione al collasso. Se a questo aggiungiamo che spesso sono proprio gli anziani, i pensionati, a farsi carico della famiglia, dei genitori ancora più anziani, e dei nipoti che non trovano lavoro, la situazione è grave, anzi gravissima."

Possibili scenari

"Non abbiamo soluzioni da tirar fuori dal cilindro - dice Paggio - ma siamo convinti che tutto debba ripartire dal capitale umano di cui il nostro territorio è ricco. Non possiamo attendere finanziamenti pubblici che non arriveranno. Proponiamo dunque un progetto Lavoro e Sviluppo per Orvieto che punti sul capitale umano, sulla conoscenza e sulla competenza. Vogliamo quindi creare un confronto con le altre organizzazioni sindacali, con quelle datoriali, con le istituzioni e chiamiamo al tavolo le banche perché riteniamo il loro un ruolo fondamentale possibile nella ripresa. Inoltre - dice Paggio - crediamo che debba essere presente anche la Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto come attore protagonista dello sviluppo sociale ed economico del territorio. I tre assi strategici su cui occorre focalizzare la visione d'insieme che proponiamo sono il manifatturiero di qualità, il comparto meccanica e telecomunicazioni, l'agroalimentare e il turismo. Crediamo che però se ognuno continuerà a parlare solo a se stesso non si andrà da nessuna parte."

Per fare questo però - conclude Paggio - è necessario conoscere alla perfezione di cosa si sta parlando; dopo la scomparsa del Bollettino economico del Comune, infatti, non esistono più dati certi sull'andamento dell'occupazione, sui reali scenari in cui tutti siamo calati. Traiamo le nostre stime dai dati provinciali e poco altro. Creare un osservatorio permanente, presente e competente, oltre che dare la dimensione esatta del problema da affrontare, potrebbe costituire un importante, nonché qualificato, punto di partenza."

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 ottobre

"Gli Scalzi di Orvieto: storia di una Confraternita". Presentazione del libro di Luca Giuliani e visita alla chiesa

Riparte "Train...to be cool". La Polizia Ferroviaria di nuovo nelle scuole

"Etruria e Roma". All'Unitre, le lezioni di storia antica a cura di Giuseppe M. Della Fina

Autovelox sulla Cimina. Moneta rassicura: "Serve per controllare revisione e assicurazione"

"Autumn in Todi, suoni e sapori d'autore" nella Città di Jacopone

Pietro

"Giulia Farnese, la Bella". Visita guidata teatralizzata al Castello Orsini

"Dirty Dancing" al Mancinelli. Atteso ritorno per la Compagnia Mastro Titta

"A spasso con ABC" per le meraviglie del Lazio. Narratori del futuro in cerca di un altro sguardo

Nuova seduta per il Consiglio Provinciale. All'ordine del giorno, scuole e strade

"Progettare in Europa". Trenta associazioni al corso di formazione del Cesvol

Nuovi orari di apertura al pubblico degli Uffici Demografici

Un libro per ricordare l'ex sindaco Palozzi, a quindici anni dalla scomparsa

Aperto un conto corrente per sostenere il restauro della Chiesa di Titignano

Al Csco inaugurato il corso per "Tecnico specializzato in accoglienza". In mostra l'arte di Fasasi

Grossi all'Unitus per "Gli usi civici nella Tuscia: la storia, il regime giuridico e l'utilizzazione economica"

E45-E55 Orte-Mestre, via all'ammodernamento delle barriere di sicurezza per oltre 78 milioni di euro

"Un pomeriggio dal dottor Cechov". Appuntamento in Biblioteca per "Libriamoci"

Verso la tariffa puntuale dei rifiuti. L'esecutivo approva il progetto di implementazione del sistema

La lotta all'ictus per tutta l'Umbria riparte da Orvieto

Il Teatro Comunale "Accademia degli Avvaloranti" alza il sipario sulla nuova stagione

Dalla Tuscia all'Amiata, fino in Val d'Orcia. Dove l'autunno si lascia gustare

Olio protagonista con "Frantoi Aperti". Fiumi di oro verde irrigano l'Umbria

La valutazione dell'annata olearia 2016, la vicinanza della Regione al comparto

Dei fiori e di ricordi

Orvieto Fc, vittoria in rosa contro Agello

"Scantinate nel borgo". Tre giorni da bere, tra cantine aperte e sapori tipici

L'Umbria da Papa Francesco. Anche San Venanzo partecipa al pellegrinaggio giubilare

La "Fiera della Castagna e dei Prodotti Tipici della Montagna" compie trent'anni

Ad Ospedaletto gli "Amici del Monte Peglia" organizzano la Fiera della Castagna

Umbria Jazz Winter, aperte le prevendite. Ecco chi arriva a fine anno

Via libera all'accordo di programma per nuovi servizi sanitari. Investimenti per oltre 33 milioni di euro

Ad Orvieto Scalo apre "Rosso Vivo". Nuova pizzeria nei locali dell'ex Coop

A cena con Paci e Ceccherini, a Porta d'Orvieto arriva "La Iena del Don Matteo"

"Tutti per uno". Pranzi e cene di solidarietà nel Lazio per ricostruire l'Alberghiero di Amatrice

Vetrya Orvieto Basket all'esordio casalingo in campionato

Manutenzione in arrivo sulle strade comunali, ecco i centri abitati e zone esterne interessate

"La salute è servita. Come è cambiata la mensa scolastica". In distribuzione l'opuscolo informativo

Gnagnarini fa chiarezza sulla situazione finanziaria del Comune

Di Girolamo ufficializza le dimissioni in Consiglio provinciale

A Caprarola via al ciclo "Esodi". Per parlare di migrazioni, accoglienza e integrazione

In basilica concerto dalla Banda Musicale della Polizia di Stato

"Lago nostro, futuro nostro". Proiezione al Museo della Navigazione delle Acque Interne

"AironeLab: adotta un laboratorio. C'è bisogno di te!"

Manutenzione stradale, presto i lavori. Approvato l'odg presentato da Luciani

Polemiche sui conguagli in bolletta, la Sii chiarisce i contorni della vicenda

Al Museo del Fiore, per imparare a costruire una mangiatoia per gli uccellini

Vendemmia amorosa

In 500 tra volontari e disabili Unitalsi per la Giornata del Malato

Due solitudini e un abito. La sartoria di Pino Strabioli e Alice Spisa convince il Mancinelli

Alzheimer: una lotta contro la disabilità. Un convegno per comprenderlo

Gli allievi dei corsi estivi ospiti a Milano della stagione concertistica di Casa Verdi

Vergaglia (M5S) interroga l'assessore su sviluppo e marketing territoriale per Bardano

Assegnato a Robert Triozzi il premio internazionale "The heart before all"

Linux Day 2014. Il 25 ottobre la giornata dedicata al software libero ed open source.

Di odio si muore tutti

Orvieto Felice e le idee nuove (nuove?) per la cultura.

Pregiudicato denunciato. In macchina aveva un coltello da 25 centimetri

Microchip gratuito per cani, l'iniziativa del Comune a favore degli amici a quattro zampe

A caccia di fantasmi nel Castello di Alviano

Il Centro di documentazione contribuisce al festival di scambio e formazione

Motori caldi per la 27esima Mostra mercato nazionale del tartufo e dei prodotti agroalimentari di qualità

Truffa dei salumi biologici, i suini macellati a Orvieto fino al 2010

L'Orvietana non regge il passo della capolista, all'Amerina i tre punti

Domenica di amarezze: il Ciconia ritrova la via della sconfitta

Riesce l'iniziativa "Puliamo la Piave", ma è polemica su un mandorlo tagliato

Grande domenica di festa per l'Orvieto Basket

Vittorio Franchetti Pardo presenta il volume "La cattedrale di Orvieto: origine e divenire. Scritti editi e inediti"

Dal Prusst 625 mila euro da destinare alla realizzazione del Parco Urbano del Paglia

Gli studenti puliscono e riscoprono un tratto della "Selciata dei Cappuccini"

In barba al commissario

Tagliare, sanare o lasciare: è il giorno dell'improrogabile Consiglio del riequilibrio. Mercoledì 20 ottobre Orvietonews.it seguirà la seduta con frequenti flash in diretta

Sul concerto anche un'interrogazione della consigliera Belcapo

Orvieto e il suo Bilancio

20 ottobre 2010 - Flash dal Consiglio Comunale. La relazione del Sindaco Concina - Disavanzo 2010 a 9 milioni e mezzo di euro da sanarsi con alienazioni. Iter ex Piave da definirsi entro il 2011. Derivati.

L'intervento del Presidente del Consiglio Comunale. Frizza annuncia il suo voto favorevole al bilancio e al documento di Concina

Gli assenti

Alcuni interventi e la replica del sindaco

Dichiarazioni di voto. Tonelli vota a favore e strappa il documento del centro sinistra. Passano le linee programmatiche 11 a 6

Flash dal Consiglio Comunale. Il Bilancio dell'assessore Romiti. Passa il Bilancio e l'anatra zoppa non c'è più

LINUX DAY 2010 - sabato 23 ottobre al Centro Studi. Linux e Scuola per un "cantiere di libera cultura"

"La serva padrona" di Giovanni Battista Pergolesi al Santa Cristina di Porano sabato 23 ottobre

"Il PDCI e il centro sinistra espellano i consiglieri favorevoli alla Giunta Concina": duro dissenso della segreteria provinciale di PRC

Ambiente. 150 studenti di Narni in visita all'Oasi di Alviano

Le linee di indirizzo per il risanamento del Comune di Orvieto

Il PD Orvieto si prepara all'espulsione di Frizza e Meffi: "Finalmente il Partito Democratico può ripartire da una base di maggiore chiarezza"

Un Assessore in mezzo ai giovani

De Sio: "La maggioranza conseguita è il frutto di un'assunzione piena di responsabilità"