economia

Guido Scorza: "L’idea è inaccettabile e giuridicamente illegittima. Nel Paese dei dinosauri paga sempre l'innovazione"

venerdì 23 aprile 2010
di Guido Scorza

Da www.guidoscorza.it

Il nostro Paese è sistematicamente sul fondo di ogni classifica che misuri il livello di diffusione della banda larga ma il governo dopo un assai poco onorevole "scaricabarile di Palazzo" e qualche piccola-grande bugia di Stato ha definitivamente annunciato, per bocca del Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Gianni Letta, che gli 800 milioni di euro originariamente destinati alla realizzazione delle infrastrutture di banda verranno resi disponibili solo dopo che saremo usciti dalla crisi.
Una scelta in totale controtendenza rispetto a quella della più parte dei Governi dei Paesi stranieri che, al contrario, stanno investendo nella diffusione delle risorse di banda larga proprio per uscire dalla crisi.
Si tratta, comunque, di una decisione politica che può non piacere - ed a molti, per fortuna, non piace - ma che sarà difficile modificare nel Paese del tele-comando.
Allo stesso modo, sfortunatamente, non resta che rassegnarsi ad un'altra scelta politica difficilmente condivisibile: quella con la quale il governo con il recente piano incentivi varato con la legge 40/2010 ha deciso di incentivare molto di più l'acquisto di cucine e lavatrici piuttosto che di risorse di banda larga.

Una cosa, tuttavia, è navigare contro la storia e scegliere deliberatamente di non promuovere l'innovazione del sistema Paese ed un'altra è rischiare addirittura di affossarla e frenarla, pretendendo che l'industria ITC italiana ed i suoi utenti si facciano carico di supportare l'industria dei contenuti audiovisivi ed editoriali sin qui incapace - o almeno in forte ritardo e colpevole difficoltà - nel cogliere il senso della rivoluzione in atto e modificare i propri modelli di business.
Tale pretesa è anacronistica, pericolosa e da combattere con ogni mezzo.
E' proprio da tale pretesa, tuttavia, che muove la proposta del Presidente della Federazione Nazionale degli editori di giornali di introdurre una "mini tassa...di entità modesta, dal costo di un caffè al mese o giù di lì" per chi dispone di risorse di connettività ad Internet.

Tale nuovo balzello, secondo il Presidente della Fieg, dovrebbe servire a "realizzare una dote di risorse che possa essere d'aiuto in questo frangente...per dare ossigeno al settore, che ancora attende una soluzione al problema dei contenuti editoriali utilizzati in rete dai motori di ricerca a partire da Google".
Sarebbe bello pensare che si tratti solo di una battuta per strappare qualche sorriso ma, sfortunatamente, la sensazione è che il Presidente della FIEG dica sul serio e che qualcuno, a Palazzo Chigi, possa anche prenderlo sul serio come ha mostrato di fare il Sottosegretario all'editoria Paolo Bonaiuti che ha subito confermato la volontà di indire gli stati generali dell'editoria per valutare il da farsi.
Dinanzi a tale eventualità sembra opportuno dire subito con assoluta chiarezza che l'idea è inaccettabile e giuridicamente illegittima.

Cominciamo, innanzitutto, con il dire che sarebbe la seconda volta in una manciata di mesi che si deciderebbe di tassare l'industria tecnologica ed innovativa nonché gli utenti e consumatori di riferimento per supportare l'incapacità dell'industria dei contenuti di stare al passo con i tempi.
La proposta della FIEG, infatti, ricorda molto da vicino - almeno nella sua struttura portante - la tassa sulla copia privata con la quale a dicembre dello scorso anno il Ministro Bondi ha imposto ai produttori, importatori e, quindi, consumatori di apparecchi e supporti astrattamente idonei alla riproduzione di contenuti audiovisivi di pagare oltre 100 milioni di euro l'anno ai titolari dei diritti d'autore.
In un caso come nell'altro si muove dalla presunzione - indimostrata ed indimostrabile - che l'innovazione sia responsabile della scarsa fortuna - o semplicemente della minor fortuna rispetto al passato - dell'industria dei contenuti e, dunque, le si chiede di farsi carico di sostenerla.
L'introduzione di una tassa su internet a supporto dell'editoria cartacea, tuttavia, sarebbe se possibile ancor più grave e illegittima di quanto non sia la tassa sulla copia privata.
Nel caso della copia privata, infatti, si muove dal presupposto - tendenzialmente sbagliato ma considerato giusto nel Palazzo - secondo il quale gli apparecchi e supporti di registrazione sarebbero utilizzati dagli utenti per riprodurvi una copia di contenuti audiovisivi a fronte della cui esecuzione non versano alcun corrispettivo ai titolari dei diritti d'autore.
Per questa via si arriva, dunque, a concludere che sarebbe equo che quanti si avvantaggiano della produzione e commercializzazione degli apparecchi e dispositivi di registrazione indennizzino i titolari dei diritti delle pretese perdite subite.

Nel caso dell'editoria, invece, è la stessa FIEG a riconoscere che, ammesso anche che vi sia - fuori dalle imprese editoriali - un responsabile dell'attuale situazione, tale responsabile andrebbe ricercato nei motori di ricerca "a partire da Google" e, più in generale, nelle nuove dinamiche di circolazione delle informazioni online.
Contro tali pretesi responsabili della propria crisi, peraltro, i giornali, negli ultimi mesi, hanno fatto sentire forte la loro voce e chiesto persino l'intervento dell'Autorità Garante della concorrenza e del mercato perché accerti, eventualmente, l'illegittimità della condotta di Google.
Su quale presupposto, dunque, gli utenti di risorse di connettività dovrebbero farsi carico di indennizzare gli editori di giornali di un danno provocato dall'incapacità delle imprese editoriali di individuare nuovi modelli di business e/o, eventualmente - ma la circostanza è ancora tutta da accertare - dalla condotta asseritamente illecita di altri imprenditori?

Attraverso quale condotta gli utenti arrecherebbero un pregiudizio agli editori di giornali?
Sarebbe un po' come se la Pepsicola, ritenendo di essere vittima di pratiche anticoncorrenziali da parte della Coca Cola, in attesa del verdetto dei giudici e dell'eventuale condanna di quest'ultima al risarcimento, chiedesse al governo di introdurre una tassa sul consumo di Coca Cola a sostegno del proprio momento di difficoltà, momento che potrebbe, peraltro, poi scoprirsi essere da imputare esclusivamente al fatto che la Pepsi non è riuscita a cogliere il mutamento delle abitudini di consumo di una certa fascia della propria clientela.
Credo tanto basti per bollare come inaccettabile ed illegittima tanto sotto il profilo costituzionale che sotto quello del diritto europeo antitrust la proposta della FIEG.

Non si può, d'altro canto, fingere di dimenticare che il nostro Paese, ogni anno, già regala oltre 200 milioni di euro di c.d. "provvidenze all'editoria" alle imprese editoriali e che, queste ultime, beneficiano, inoltre, di tutto un insieme di arcaiche e primitive leggi e leggine in forza delle quali, ancora oggi, tutta una serie di atti ed avvisi devono necessariamente essere pubblicati, a caro prezzo, su giornali e periodici perché producano i relativi effetti giuridici.
Centinaia di milioni di euro e non basta...
Ma c'è di più.
Secondo il Presidente della FIEG la tassa sarebbe necessaria a garanzia della sopravvivenza dei giornali e, dunque, del pluralismo.
Il pluralismo dell'informazione è un bene prezioso in ogni democrazia e che, peraltro, in Italia scarseggia, ma, francamente, credo che l'informazione online sia per definizione più pluralista di quella sui giornali e, dunque, anche sotto tale profilo si fa fatica a comprendere per quale ragione bisognerebbe far pagare più caro l'accesso alla Rete per garantire il pluralismo.
Forse, anzi, occorrerebbe agevolare l'utilizzo della Rete per garantire davvero la libertà ed il pluralismo dell'informazione.
Fino a quando l'innovazione in Italia dovrà pagare i fallimenti dell'industria dei contenuti e la sua incapacità di adattarsi ai cambiamenti?
Sono tasse da dinosauri e non vogliamo pagarne più.


Questa notizia è correlata a:

L'Italia che non finisce di stupire. Assurda la proposta Fieg sulla tassa Internet per finanziare l'editoria

Commenta su Facebook

Accadeva il 16 ottobre

Bazar

La Zambelli Orvieto combatte ma si piega al forte Cuneo

Tecnici dell'Orvieto FC alla Parma Academy per un weekend di aggiornamento

Ecco i Comuni umbri da dove fuggono i giovani tra 25 e 40 anni

Sulla fecondità morale di una non più rinviabile rivoluzione culturale

Vendemmia vita

I violini barocchi vanno in mostra all'Antiquarium di Tenaglie

Nuovo parroco ad Allerona Scalo, alla guida della parrocchia don Eugenio Campini

Chiusa per lavori la Chiesa di San Pancrazio Martire. Riaprirà a dicembre

"Via Signorelli chiusa h24. Perché?". Olimpieri (IeT): "Danni e disagi per i cittadini"

La Narnese rovina la festa all'Orvietana, 4 - 2: biancorossi ko

Tra mistero e racconto, l'universo femminile di Pietro Archis

Via ai lavori sulla strada regionale 205 Amerina. Interventi per quasi 70.000 euro

Noto professionista stroncato da un malore, inutili i soccorsi

Buona la prima per la Vetrya Orvieto Basket

Di nuovo "On Air". Radio Orvieto Web riprende le trasmissioni

Il Castello di Torre Alfina diventa fiaba per "The Hunting. Il Gioco dell'Amore" dei Cherries

Scuola, concluse le conferenze d'ambito. A giorni, il Piano complessivo da trasmettere in Regione

Chianella al convegno di Alta Scuola: "Maggiore attenzione al dissesto idrogeologico"

Fondazione Giovanni Paolo II e Centro Peres per la Pace, si firma l'accordo

"Cannabis, il farmaco e la droga". Uil presenta il corso di formazione

Inaugurato il nuovo campo in erba dello Stadio "Luigi Muzi"

"Omaggio a Stefano Rodotà". Doppio appuntamento in Sala Consiliare e al Palazzo dei Sette

Festival Nazionale del Gioco e delle Tradizioni, "un'esperienza da ripetere"

Asl 2, i sindacati dei pensionati chiedono il rispetto degli impegni presi

La Azzurra Ceprini torna da Bologna a mani vuote

Simon Picone, mediano di mischia della Nazionale, incontra i rugbysti al De Martino

Giornate della Castagna, primo weekend da incorniciare

Al via pulizia e taglio della vegetazione presso il Belvedere del Moai

Mostra fotografica e brindisi a "La Casella" per festeggiare trent'anni di attività

Dall'Otto per Mille, oltre 480.000 euro al Parco di Vulci

Con "CamminainTuscia", la Via Francigena è sulla buona strada

Arriva "Box 18". Il Comune regala la Costituzione ai neo-maggiorenni

"Alternanza Day" alla Camera di Commercio, tra scuola e lavoro

Sul timpano spunta "Il gruccione". L'arte di strada per migliorare il decoro urbano

Inaugurato il giardino inclusivo della Scuola dell'Infanzia di Ammeto

Ricci (RP): "La Regione si attivi per valorizzare Parco e Museo Vulcanologico"

Nuovo libro per Claudio Lattanzi, "Orvieto nel Medioevo. Ascesa e declino"

"Occhi allo Specchio". Descrizioni dal vero Orvieto-Montecchio - 16

Il clero della Diocesi elegge il nuovo consiglio presbiteriale

Nucci (San Venanzo Viva): "Il sindaco se ne infischia dell'opposizione"

Il Comune dichiara guerra alle biciclette: "Via dal parcheggio di Via Roma"

Tordi (M5S) replica a Bizzarri: "Segnaletica inesistente e monumenti bistrattati"

Incontro partecipativo per costruire insieme la "mappa di comunità"

Foto, storie e ricordi di Orvieto fuori dai cassetti. Il primo ad aprirli è Reno Montanucci

Si presenta il restauro artistico e architettonico di San Giovenale

Il Centro Antiviolenza di Orvieto apre le porte

Alert System, cosa è e come funziona. Rischio denuncia per chi procura falsi allarmi

Al Mancinelli Pino Strabioli e Alice Spisa portano in scena "L'abito della sposa"

Vergaglia (M5S): "Portiamo Orvieto a Bruxelles. Nota stonata la bocciatura dell'Ufficio Europa"

Vertenza Ast, Orvieto aderisce allo sciopero. Germani: "Sostegno ai lavoratori"

In arrivo la prima edizione del festival del dialogo "CuriosaMente"

Prima giornata per il festival del dialogo CuriosaMente

Seconda giornata per il festival del dialogo "CuriosaMente"

Terza giornata per il festival del dialogo "CuriosaMente"

Al via la 24esima edizione della Mostra Micologica

Le cooperative di Orvieto: "Lo sciopero sortisca effetti"

La Libertas Pallavolo Orvieto se la vede con il Clitunno Volley

Cgil, Cisl e Uil: "Dalla mobilitazione una proposta alternativa per il futuro della nostra comunità"

Un convegno per riflettere su "Alzheimer. Una lotta contro la disabilità"

Al Giubileo del Malato le testimonianze di Giosy Cento

Gioventù nazionale insieme all'associazione "Non c'è fango che tenga"

A Morre la castagna è regina dell'autunno

Ars Wetana, una tradizione ritrovata. Alla ricerca delle artigiane artiste del prezioso merletto orvietano

Breve storia dell'Ars Wetana

Trasferimento dei rifiuti campani. Nettamente contraria Altra Città: 'Le ecoballe dirigetele altrove'

Yunus, un esempio per tutti: i veri grandi non hanno presunzione

Il comunicato del Comune di Orvieto sull'assegnazione del Premio per i Diritti umani 2004 a Muhammad Yunus

Prime giornate cardiologiche orvietane: il progetto Orvieto Cittàcardioprotetta si presenta a livello nazionale

Si mobilita l'UDC. Enrico Melasecche: occorre difendere Orvieto dalla falsa solidarietà ambientale della sinistra

27-29 ottobre. Convegno a Collevalenza sulla prima Enciclica di Benedetto XVI DEUS CARITAS EST

La Romeo Menti a Collescipoli viene raggiunta nei minuti finali

Prova maiuscola della Romeo Menti che in juniores regionale batte la capolista Nestor

Debutto in scioltezza per i maschi del volley orvietano: la Libertas Pallavolo Orvieto schiaccia il Gualdo Tadino per 3-0

Abile excursus pianistico nella forma Fantasia. Pieno successo del Concerto del maestro Cambri al Festival Valentiniano

Diffondere la cultura d'impresa tra i giovani. L'impegno congiunto dell'amministrazione orvietana e Novaumbria

Insediamento della Coop centro Italia sull'Amerina: la Conferenza dei Servizi ha detto sì. Al via la megadistribuzione

Il piano integrato del sistema commerciale del Comune di Orvieto: le linee

La lavorazione del merletto orvietano

Velia Pollegioni

Renata Cardarelli

Maria Piacentini

Antonietta Burattino Ubaldini

Manuela Ciotti

Scrosci di applausi per Luca De Filippo al Mancinelli. Il lavoro della Te.Ma comincia a dare buoni frutti