economia

Nessun rimpianto per il perduto sogno universitario. Il Centro Studi Città di Orvieto fa il bilancio di due anni di rigore e progressi

sabato 25 aprile 2009
di laura
Nessun rimpianto per il perduto sogno universitario. Il Centro Studi Città di Orvieto fa il bilancio di due anni di rigore e  progressi

Non è mai stato un'Università, il Centro Studi Città di Orvieto, e non è mai stata questa la sua principale mission, anche se con le Università ha spesso lavorato e ancora lavora in decentramento o in convenzione. E' questo, molto in sintesi, il messaggio che la Presidente Pirkko Peltonen ha voluto passare una volta per tutte, tramite una conferenza stampa, a chi si ostina a chiamare "Università" il CSCO e, ancor più, a chi piange inutili lacrime sul sogno dell'Università perduta. Con lei, ad incontrare i giornalisti, il Vice Presidente Alessandro Li Donni e il Direttore Stefano Talamoni; ma anche lo staff del Centro Studi, a sottolineare che la Scuola di Alta Formazione gode di vitalità e salute. Due anni di intenso lavoro, quelli dell'era Peltonen, per consolidare e soprattutto innovare la mission del Centro Studi. "Il primo passo - ha detto la Presidente - è stato quello di tagliare le spese e razionalizzare la gestione. Nonostante le molte difficoltà, il Centro Studi ha continuato a lavorare, qualificandosi come agenzia regionale di alta formazione con indirizzi di studio sempre più radicati nella realtà del territorio".

L'alta formazione, come la Peltonen ha sottolineato ancora una volta, e la collaborazione in questo senso con Scuole e Università italiane e straniere, è sempre stata la principale mission del CSCO, anche se in passato, come del resto è accaduto in molti altri piccoli centri d'Italia, è stata incoraggiata la tendenza al decentramento universitario, prima con il Corso di laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni, poi con dei tentativi non andati in porto per eventuali Corsi di laurea in Infermieristica e in Architettura. A tarpare le ali ad ogni sogno universitario, non solo di Orvieto ma di altri piccoli centri, è stata, con il precedente governo Berlusconi, la riforma Moratti, portata poi a termine, per quanto riguarda le Università, con i cosiddetti decreti Mussi che, come è noto, impongono un organico ben definito di professori associati alle Facoltà decentrate e, ai Comuni, di impegnarsi a sostenerne le spese per 20 anni. Un impegno esorbitante che, giustamente secondo la Peltonen, è stato ritenuto impossibile dalla Giunta comunale, così che ormai il ruolo universitario di Orvieto si esaurirà con il termine in loco dei Corsi di Ingegneria informatica e delle Telecomunicazioni. "Un'attività importante condotta in convenzione con l'Università di Perugia - ha sottolineato la Presidente - che ha laureato in 10 anni 125 ingegneri, ma che è in fondo una parte minima di tutti i corsi e i progetti di alta formazione che il CSCO porta avanti.

Nessun pianto, dunque, e nessun rimpianto; tanto più che nel frattempo, per supplire a quanto perduto, il Centro Studi si è attrezzato ottenendo l'accreditamento quale agenzia formativa riconosciuta dalla Regione Umbria per la formazione superiore, continua e permanente, requisito che gli consente di partecipare ai bandi che permettono l'accesso ai fondi europei. E tanto più che per i master di specializzazione post lauream continua comunque la collaborazione con atenei qualificati quali l'Università degli Studi di Perugia, La Sapienza di Roma, la Cattolica del Sacro Cuore di Milano, la Ca' Foscari di Venezia, oltre che con Università statunitensi come University of Arizona, Kansas State University, Clemson University (South Carolina), che hanno scelto Orvieto per i loro programmi di studio in Italia.

Tra i fiori all'occhiello consolidati del CSCO la collaborazione con il Ce.R.S.Al. (Centro studi per la Ricerca biostatistica ed epidemiologica in Sicurezza Alimentare), che porta in città più di 800 operatori sanitari l'anno e che si appresta a costituire a Orvieto la Scuola nazionale di Epidemiologia e Sanità Pubblica che vedrà coinvolti, oltre alla Fondazione CSCO, l'Istituto Superiore di Sanità e la Società Italiana di Medicina Veterinaria Preventiva; e ancora la Scuola Librai Italiani, che ha appena iniziato il suo terzo corso di alta formazione in Gestione della Libreria e si è ormai consolidata come centro pressoché unico, in Italia, nel settore. Tra gli altri Corsi tradizionalmente attivi presso il Centro Studi sono ancora da segnalare la Scuola di Etruscologia e Archeologia dell'Italia Antica, che quest'anno applicherà sul campo nuove tecnologie di scavo e di ricerca, la Scuola di Specializzazione in Psicologia della Salute, i corsi di Linguistica in terminologie specialistiche dell'Università Cattolica, il Master de "La Sapienza" in Valorizzazione dei centri storici minori. Nei vecchi corsi come nei nuovi, in ogni caso, la parola chiave vincente è "innovazione": l'unica, hanno sottolineato Peltonen, Li Donni e Talamoni, che può permettere di vincere le sfide del futuro, non solo per il CSCO, ma per l'economia in generale.

Tra le ultimissime novità, invece, la Scuola per lo sviluppo territoriale integrato, che vuole rispondere ai reali bisogni di rilancio e innovazione delle aziende, il cui primo progetto ha come scopo quello di accrescere le competenze nella gestione, nella comunicazione e nel marketing del sistema vino. E ancora i programmati corsi sull' Open Source, con il Master "FLOSS", che insieme alla Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell'Università degli Studi di Perugia, il Centro Studi sta promuovendo per la specializzazione nel software libero. Su questo fronte, come è noto, Orvieto ospiterà nel novembre prossimo la Conferenza mondiale di "Open Office", che per quattro giorni circa richiamerà 500 tra i massimi esperti del mondo dell'informatica. Il Centro Studi sta inoltre elaborando un protocollo d'intesa con IWA (International Webmasters Association) per lo sviluppo di attività formative in campo nazionale a cura dell'importante e qualificata associazione, che si occupa principalmente dello sviluppo del web accessibile e professionale, da tenersi periodicamente presso il CSCO. E' iniziata inoltre una nuova collaborazione tra la Facoltà di Ingegneria dell'Università di Perugia, l'Associazione Industriali e le aziende dell'Orvietano per studiare, in un gruppo di lavoro congiunto, percorsi formativi e di ricerca più corrispondenti alle esigenze delle imprese.

Nel "festeggiare", come ha sottolineato la Presidente Peltonen, i suoi due ultimi anni di azione e rinnovamento, il Centro Studi ha voluto conteggiare - al ribasso, è stato detto - anche la ricaduta economica delle attività del Centro Studi sulla città di Orvieto. Gli allievi dei corsi, i partecipanti ai numerosi seminari, i convegni e le attività di ricerca portano in città un flusso costante di "turismo di studio" che genera annualmente un giro d'affari di circa 2 milioni e mezzo di euro, in genere riversati su alberghi, affitti di appartamenti, ristoranti, locali ricreativi e altre attività commerciali.

E' stato anche chiarito che la Fondazione per il Centro Studi "Città di Orvieto" non ha mai aderito al Consorzio per lo sviluppo del Polo Universitario della Provincia di Terni e le sue attività non dipendono in alcun modo dal Consorzio né vi sono collegate, mentre è il Comune di Orvieto ad aver aderito al Consorzio nell'autunno 2006, sottoscrivendo una quota consortile pari a10 mila euro. Quota che potrebbe anche rientrare in bilancio nei prossimi esercizi, visto che l'impossibile idea di Università è ormai tramontata.

Il Comune di Orvieto continua, in ogni caso, a finanziare l'attività del Centro Studi, sia attraverso la quota di partecipazione, che attualmente ammonta a 160 mola euro l'anno, sia fornendo i servizi logistici necessari al funzionamento dell'organismo. La Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto, da parte sua, ha partecipato finora con una erogazione di 150 mila euro l'anno ma attualmente, come è noto, intende sostenere le attività del Centro studi solo mediante il cofinanziamento dei progetti ritenuti validi. "Tuttavia, con la nuova mission ormai concretizzata ed il rigore amministrativo diventato prassi quotidiana - afferma la Presidente Peltonen - sarebbe logico che la Fondazione CRO condividesse lo sforzo comune e sostenesse con convinzione il Centro Studi, per il bene dell'economia della Città e la crescita culturale del territorio".

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 ottobre

"Gli Scalzi di Orvieto: storia di una Confraternita". Presentazione del libro di Luca Giuliani e visita alla chiesa

Riparte "Train...to be cool". La Polizia Ferroviaria di nuovo nelle scuole

"Etruria e Roma". All'Unitre, le lezioni di storia antica a cura di Giuseppe M. Della Fina

Autovelox sulla Cimina. Moneta rassicura: "Serve per controllare revisione e assicurazione"

"Autumn in Todi, suoni e sapori d'autore" nella Città di Jacopone

Pietro

"Giulia Farnese, la Bella". Visita guidata teatralizzata al Castello Orsini

"Dirty Dancing" al Mancinelli. Atteso ritorno per la Compagnia Mastro Titta

"A spasso con ABC" per le meraviglie del Lazio. Narratori del futuro in cerca di un altro sguardo

Nuova seduta per il Consiglio Provinciale. All'ordine del giorno, scuole e strade

"Progettare in Europa". Trenta associazioni al corso di formazione del Cesvol

Nuovi orari di apertura al pubblico degli Uffici Demografici

Un libro per ricordare l'ex sindaco Palozzi, a quindici anni dalla scomparsa

Aperto un conto corrente per sostenere il restauro della Chiesa di Titignano

Al Csco inaugurato il corso per "Tecnico specializzato in accoglienza". In mostra l'arte di Fasasi

Grossi all'Unitus per "Gli usi civici nella Tuscia: la storia, il regime giuridico e l'utilizzazione economica"

E45-E55 Orte-Mestre, via all'ammodernamento delle barriere di sicurezza per oltre 78 milioni di euro

"Un pomeriggio dal dottor Cechov". Appuntamento in Biblioteca per "Libriamoci"

Verso la tariffa puntuale dei rifiuti. L'esecutivo approva il progetto di implementazione del sistema

La lotta all'ictus per tutta l'Umbria riparte da Orvieto

Il Teatro Comunale "Accademia degli Avvaloranti" alza il sipario sulla nuova stagione

Dalla Tuscia all'Amiata, fino in Val d'Orcia. Dove l'autunno si lascia gustare

Olio protagonista con "Frantoi Aperti". Fiumi di oro verde irrigano l'Umbria

La valutazione dell'annata olearia 2016, la vicinanza della Regione al comparto

Dei fiori e di ricordi

Orvieto Fc, vittoria in rosa contro Agello

"Scantinate nel borgo". Tre giorni da bere, tra cantine aperte e sapori tipici

L'Umbria da Papa Francesco. Anche San Venanzo partecipa al pellegrinaggio giubilare

La "Fiera della Castagna e dei Prodotti Tipici della Montagna" compie trent'anni

Ad Ospedaletto gli "Amici del Monte Peglia" organizzano la Fiera della Castagna

Umbria Jazz Winter, aperte le prevendite. Ecco chi arriva a fine anno

Via libera all'accordo di programma per nuovi servizi sanitari. Investimenti per oltre 33 milioni di euro

Ad Orvieto Scalo apre "Rosso Vivo". Nuova pizzeria nei locali dell'ex Coop

A cena con Paci e Ceccherini, a Porta d'Orvieto arriva "La Iena del Don Matteo"

"Tutti per uno". Pranzi e cene di solidarietà nel Lazio per ricostruire l'Alberghiero di Amatrice

Vetrya Orvieto Basket all'esordio casalingo in campionato

Manutenzione in arrivo sulle strade comunali, ecco i centri abitati e zone esterne interessate

"La salute è servita. Come è cambiata la mensa scolastica". In distribuzione l'opuscolo informativo

Gnagnarini fa chiarezza sulla situazione finanziaria del Comune

Di Girolamo ufficializza le dimissioni in Consiglio provinciale

A Caprarola via al ciclo "Esodi". Per parlare di migrazioni, accoglienza e integrazione

In basilica concerto dalla Banda Musicale della Polizia di Stato

"Lago nostro, futuro nostro". Proiezione al Museo della Navigazione delle Acque Interne

"AironeLab: adotta un laboratorio. C'è bisogno di te!"

Manutenzione stradale, presto i lavori. Approvato l'odg presentato da Luciani

Polemiche sui conguagli in bolletta, la Sii chiarisce i contorni della vicenda

Al Museo del Fiore, per imparare a costruire una mangiatoia per gli uccellini

Vendemmia amorosa

In 500 tra volontari e disabili Unitalsi per la Giornata del Malato

Due solitudini e un abito. La sartoria di Pino Strabioli e Alice Spisa convince il Mancinelli

Alzheimer: una lotta contro la disabilità. Un convegno per comprenderlo

Gli allievi dei corsi estivi ospiti a Milano della stagione concertistica di Casa Verdi

Vergaglia (M5S) interroga l'assessore su sviluppo e marketing territoriale per Bardano

Assegnato a Robert Triozzi il premio internazionale "The heart before all"

Linux Day 2014. Il 25 ottobre la giornata dedicata al software libero ed open source.

Di odio si muore tutti

Orvieto Felice e le idee nuove (nuove?) per la cultura.

Pregiudicato denunciato. In macchina aveva un coltello da 25 centimetri

Microchip gratuito per cani, l'iniziativa del Comune a favore degli amici a quattro zampe

A caccia di fantasmi nel Castello di Alviano

Il Centro di documentazione contribuisce al festival di scambio e formazione

Motori caldi per la 27esima Mostra mercato nazionale del tartufo e dei prodotti agroalimentari di qualità

Truffa dei salumi biologici, i suini macellati a Orvieto fino al 2010

L'Orvietana non regge il passo della capolista, all'Amerina i tre punti

Domenica di amarezze: il Ciconia ritrova la via della sconfitta

Riesce l'iniziativa "Puliamo la Piave", ma è polemica su un mandorlo tagliato

Grande domenica di festa per l'Orvieto Basket

Vittorio Franchetti Pardo presenta il volume "La cattedrale di Orvieto: origine e divenire. Scritti editi e inediti"

Dal Prusst 625 mila euro da destinare alla realizzazione del Parco Urbano del Paglia

Gli studenti puliscono e riscoprono un tratto della "Selciata dei Cappuccini"

In barba al commissario

Tagliare, sanare o lasciare: è il giorno dell'improrogabile Consiglio del riequilibrio. Mercoledì 20 ottobre Orvietonews.it seguirà la seduta con frequenti flash in diretta

Sul concerto anche un'interrogazione della consigliera Belcapo

Orvieto e il suo Bilancio

20 ottobre 2010 - Flash dal Consiglio Comunale. La relazione del Sindaco Concina - Disavanzo 2010 a 9 milioni e mezzo di euro da sanarsi con alienazioni. Iter ex Piave da definirsi entro il 2011. Derivati.

L'intervento del Presidente del Consiglio Comunale. Frizza annuncia il suo voto favorevole al bilancio e al documento di Concina

Gli assenti

Alcuni interventi e la replica del sindaco

Dichiarazioni di voto. Tonelli vota a favore e strappa il documento del centro sinistra. Passano le linee programmatiche 11 a 6

Flash dal Consiglio Comunale. Il Bilancio dell'assessore Romiti. Passa il Bilancio e l'anatra zoppa non c'è più

LINUX DAY 2010 - sabato 23 ottobre al Centro Studi. Linux e Scuola per un "cantiere di libera cultura"

"La serva padrona" di Giovanni Battista Pergolesi al Santa Cristina di Porano sabato 23 ottobre

"Il PDCI e il centro sinistra espellano i consiglieri favorevoli alla Giunta Concina": duro dissenso della segreteria provinciale di PRC

Ambiente. 150 studenti di Narni in visita all'Oasi di Alviano

Le linee di indirizzo per il risanamento del Comune di Orvieto

Il PD Orvieto si prepara all'espulsione di Frizza e Meffi: "Finalmente il Partito Democratico può ripartire da una base di maggiore chiarezza"

Un Assessore in mezzo ai giovani

De Sio: "La maggioranza conseguita è il frutto di un'assunzione piena di responsabilità"