economia

Nasce la nuova Fondazione di Partecipazione "Umbria Jazz" . Intanto l'Associazione TeMa diventa agenzia formativa accreditata presso la Regione Umbria

domenica 19 aprile 2009
Nasce la nuova Fondazione di Partecipazione "Umbria Jazz" . Intanto l'Associazione TeMa diventa agenzia formativa accreditata presso la Regione Umbria

Nasce la nuova Fondazione di Partecipazione "Umbria Jazz" e il Comune di Orvieto partecipa alla sua costituzione aderendo al fondo patrimoniale, così come previsto per gli altri soggetti, per un importo di 30 mila euro, in quanto Umbria Jazz Winter rappresenta ormai un appuntamento tra i più attesi della città, sia per la sua valenza culturale e artistica (in un recente rapporto Eurispes è stata menzionata tra le "cento eccellenze d'Italia"), sia per la sua valenza economica, considerando le 20 mila presenze alberghiere di appassionati di jazz che fa registrare nel territorio. La Fondazione, con sede a Perugia, non ha finalità di lucro, è costituita da Regione Umbria, Comune di Perugia, Comune di Orvieto, Provincia di Perugia, Camera di Commercio di Perugia, Associazione "Umbria Jazz Festival" ed è aperta alla partecipazione di altri soggetti pubblici o privati. Scopo della Fondazione è quello di assicurare la continuità della manifestazione "Umbria Jazz" e di realizzare tutte le iniziative ritenute necessarie a sostenere ed incrementare l'ulteriore sviluppo del fortunato evento. Lo Statuto e l'atto di adesione alla Fondazione, promossa con legge regionale n. 21/08 dalla Regione Umbria, sono stati approvati all'unanimità durante il Consiglio Comunale dello scorso venerdì.

Illustrando l'atto, l'assessore Pirkko Peltonen ha spiegato che la Fondazione sostituisce la precedente "Fondazione Umbria Jazz", risalente alla legge regionale 7/1990, oggi in fase di scioglimento. All'epoca, il Comune di Orvieto vi aveva aderito, per decisione unanime del Consiglio, con la delibera consiliare n. 147 del 12 novembre 1993, conferendo al patrimonio la somma di 50 milioni di lire. Dal 1996 la gestione della manifestazione Umbria jazz Winter passa direttamente al Comune di Orvieto, in base alla legge regionale dell' 8 agosto 1996 n. 20 sulla "Disciplina dell'organizzazione turistica regionale", che "affida ai Comuni l'organizzazione di manifestazioni ed eventi anche con il supporto tecnico delle strutture territoriali dell'Agenzia Regionale di Promozione Turistica e con la collaborazione di associazioni ed enti pubblici e privati". Nel corso degli anni, dopo l'affidamento dell'organizzazione all'Ufficio di Promozione Economica, all'Ufficio Cultura e all'APT dell'Orvietano, dalla quinta edizione la manifestazione "Umbria Jazz Winter" è gestita, con apposita convenzione con il Comune, dall'Associazione Te.Ma. La direzione artistica, invece, è sempre stata curata dall' "Associazione Umbria Jazz", a questo scopo delegata dalla Fondazione.

Osservando che è indubbio il vantaggio che il Comune di Orvieto ha potuto trarre dalla manifestazione "Umbria Jazz Winter" anche grazie alla crescente fama internazionale creatasi attorno al brand "Umbria Jazz", merito che va riconosciuto all'Associazione "Umbria Jazz" di Perugia, l'assessore Peltonen ha sottolineato che la nuova Fondazione risponde a nuove e diverse esigenze. La precedente Fondazione, infatti, non poteva più svolgere un ruolo di garanzia nello svolgimento ordinato di una manifestazione ormai tanto cresciuta, così che i rapporti tra la Fondazione e l'Associazione "Umbria Jazz" andavano necessariamente ridefiniti.

Dal confronto tra lo Statuto della vecchia Fondazione e quello della nuova Fondazione di Partecipazione, emerge un maggiore protagonismo della Regione e del Consiglio di Amministrazione e un minor ruolo dell'Associazione "Umbria Jazz" sotto il profilo organizzativo, in quanto all'Associazione compete, d'ora in poi, la nomina di un solo membro nel CdA e la proposta del Direttore Artistico. Nella vecchia Fondazione, il Comune di Orvieto aveva diritto a 2 consiglieri nel Consiglio d'Amministrazione, con poteri rivelatisi di mera trasmissione di risorse finanziarie all'Associazione "Umbria Jazz". Nello Statuto della nuova Fondazione, il versamento di una quota di 30 mila euro assicura al Comune di Orvieto la presenza di 1 rappresentante nell'Assemblea dei Soci. Il CdA della nuova Fondazione è composto di un massimo di 9 membri di cui la maggioranza spetta alla Regione dell'Umbria. "Sarà compito politico della nuova amministrazione - ha affermato la Peltonen - far entrare Orvieto ai vertici". Quanto alla gestione, se lo vorrà il Comune di Orvieto potrà gestire direttamente UJW. Lo Statuto della nuova Fondazione prevede, infatti, che è il CdA a deliberare "le modalità e le strutture da supportare per la realizzazione delle manifestazioni nel caso in cui la Fondazione decida di non provvedere direttamente". Ciò vale sia per l'Umbria Jazz di Perugia che per "Umbria Jazz Winter".

L'Assessore Peltonen ha poi affrontato anche l'annoso quesito su chi detiene il marchio di Umbria Jazz Winter. I marchi di "Umbria Jazz" e di "Umbria Jazz Winter" sono stati registrati dalla Regione Umbria nel 1995 e il rinnovo della registrazione è avvenuto nel 2005, con più di 20 specificazioni circa la composizione del marchio, per evitare eventuali contraffazioni. Il marchio è, dunque, di proprietà della Regione Umbria che l'ha ceduto, in convenzione, alla "Fondazione Umbria Jazz" che, negli anni passati, sempre tramite convenzione, ne ha concesso l'uso esclusivo all'Associazione "Umbria Jazz". Ora la Regione cederà il marchio, compreso quello di UJW, alla nuova Fondazione; toccherà alle successive convenzioni stabilire chi ne potrà fare l'uso.

Prima della discussione dell'atto la Peltonen ha comunicato al Consiglio Comunale che l'audit con gli specialisti della Regione Umbria, svoltosi nella giornata del 17 aprile, è risultato positivo e che l'Associazione Te.Ma è ormai Agenzia Formativa accreditata presso la Regione Umbria.

Commenta su Facebook

Accadeva il 26 maggio

L'Alta Tuscia riscopre i gioielli. Invito a Civita, Palazzo Monaldeschi e la Serpara

Due ori e tre bronzi per la Scuola Keikenkai al 2° Campionato Europeo di Karate Iku

Staffetta dei Quartieri. All'ombra del Duomo si corre la 51esima edizione

La Zambelli Orvieto si ferma sul più bello col Casal De' Pazzi

"Focus on pain" a Palazzo Alemanni. Seconda edizione per il congresso medico

Piazza del Popolo, parcheggi a disco orario non più a pagamento

"L'Eucarestia nell'arte cristiana". Conferenza Rotary in Duomo

Corso da tecnico audio e corso di informatica musicale al "Tuscia in Jazz 2016"

Alla Galleria Falzacappa Benci di passaggio i pellegrini di Giorgio Pulselli

A Guardea ed Alviano le musiche di Piovani e Morricone per il Concerto di Primavera

"Basta un Sì per cambiare l'Italia". Incontro a Sferracavallo con Luca Castelli

La Kansas State University sempre più presente sul territorio orvietano

Legambiente denuncia gravi profili di illegittimità del calendario venatorio

Il Coro degli Alpini dei Monti Lessini in concerto

Filippo Orsini relaziona su "Bartolomeo d'Alviano, Todi e l'Umbria tra XV e XVI secolo"

"Una buona stagione per l'Italia. Idee e proposte per la ricostruzione del Paese e dell'Europa"

Alla scuola Frezzolini di Sferracavallo s'inaugura la biblioteca "Sheradzade"

Nasce l'Albo sostenitori "Orvieto Cittaslow". Ecco da chi è composta la commissione

Divieto di pesca per consumo alimentare sul Paglia, scatta l'ordinanza del sindaco

"Etruschi 3D". Presentata la mostra multimediale curata dall'Associazione Historia

Che cos'è "Etruschi 3D"