economia

Arriva in Umbria "Enovitis in campo 2008", La prestigiosa Falesco fa gli onori di casa

lunedì 23 giugno 2008
Si svolgerà il 27 e il 28 giugno prossimi a Montecchio, presso l’azienda vitivinicola Falesco, “Enovitis in campo”, manifestazione riservata ai produttori viticoli che promuove, ogni due anni, prove itineranti di macchine e tecniche produttive per il vigneto, secondo la filosofia dell’offerta di un panorama merceologico completo: dall’impianto del vigneto ai trattamenti, dalle attrezzature per le lavorazioni del terreno e del vigneto (trattrici, estirpatori, motozappe, fresatrici, potatrici, defoliatrici, cimatrici), fino ai diversi modelli delle vendemmiatrici. Nata nel 1998 come naturale completamento di Enovitis - Salone Internazionale delle Tecniche per la Viticoltura e l’Olivicoltura, svoltosi per la prima volta nel novembre 1997 nei padiglioni di Fiera Milano accanto all’ormai tradizionale Simei - Salone Internazionale Macchine per Enologia e Imbottigliamento, “Enovitis in campo” costituisce oggi un punto di incontro fondamentale per tutto il comparto della meccanica agricola specializzata nella produzione di macchine e attrezzature dedicate al vigneto. Le prove di macchine in vigneto, di volta in volta ospitate da una differente azienda vitivinicola, si sono svolte negli anni scorsi in Lombardia, Emilia Romagna, Veneto, Toscana, Piemonte. Questa edizione, che festeggia i primi dieci anni della manifestazione e registra la crescita continua nel numero di aziende partecipanti e di visitatori, arriva in Umbria e a fare gli onori di casa sarà l’azienda vitivinicola Falesco di Montecchio. I numeri raggiunti, testimoni di quanto il settore senta la necessità di conoscere quanto di meglio offre la meccanica per la corretta ed economica gestione della vigna, sono davvero lusinghieri: 90 aziende partecipanti e oltre 6.000 visitatori attesi, costituiscono credenziali di tutto rispetto per una manifestazione in campo. Quest’anno, per la prima volta, in considerazione dell’accresciuta affluenza di viticoltori nelle passate edizioni, Enovitis in campo si svolgerà in due giornate (venerdì 27 giugno 2008 dalle ore 9,00 alle ore 18,00 e sabato 28 giugno 2008 dalle ore 9,00 alle ore 15,00) con la possibilità, per le aziende espositrici, di dedicare più tempo all’approfondimento delle richieste dei visitatori professionali. Una ulteriore novità di questa edizione è costituita da una qualificata presenza di una decina di aziende espositrici che presentano anche macchine e attrezzature per la coltivazione dell’ulivo, offrendo così la possibilità alle aziende agricole dell’Italia centrale di soddisfare le esigenze di meccanizzazione delle due principali colture che molto spesso convivono, costituendo la principale fonte di reddito aziendale. La manifestazione si svolge in collaborazione con l’Arusia (Agenzia regionale umbra per lo sviluppo e l’innovazione in agricoltura), che esercita attività di intervento nel settore primario, finalizzate allo sviluppo ed alla continua evoluzione tecnologica e produttiva dello stesso, con specifiche iniziative tese alla divulgazione delle conoscenze tecniche in agricoltura per favorire la crescita tecnologica degli operatori anche attraverso dimostrazioni pratiche in campo. L’azienda Falesco, nata nel Lazio, si estende ormai anche in Umbria, nel comune di Montecchio, nell’area a sud-ovest che si trova in prossimità del confine laziale. I vigneti si estendono su tutta l’area che va dal Lago di Bolsena sino alle colline che circondano Orvieto. Fondata nel 1979 a Montefiascone (Viterbo) dai fratelli Riccardo e Renzo Cotarella, entrambi enologi e profondamente radicati in questa terra, a cavallo del confine tra Lazio e Umbria, Falesco è una storia di cultura, innovazione e ricerca, che senza la passione del padre, Domenico Cotarella, non avrebbe potuto esistere. “Falesco – spiega Riccardo Cotarella – è fin dal principio un’azienda dove si fonda la tradizione con la sperimentazione, la cultura del vino con l’innovazione scientifica e tecnologica”. Uno dei primi obiettivi aziendali fu quello di lavorare per recuperare gli antichi vitigni della zona. Il territorio, infatti, aveva goduto nei secoli di una fama che gli derivava dalle produzioni di vini straordinari, esclusivi delle mense papali e dell’antica nobiltà ma, da innumerevoli decenni, versava in una preoccupante situazione di abbandono. Iniziarono così lunghi anni di ricerche e di selezioni con lo scopo di isolare antichi cloni, ormai considerati estinti, e delicate microvarietà di ineguagliabile valore aromatico e organolettico che, nei vigneti specializzati degli anni Sessanta, erano quasi del tutto scomparse. Accanto a questa operazione di recupero, si cercò di identificare le aree viticole dove l’esposizione e la particolarità dei terreni potessero garantire vini di altissima qualità. Qui erano sopravvissute le più antiche e rare varietà locali a bacca bianca, tra cui il Roscetto che, come da studi sul Dna effettuati dal professor Attilio Scienza, deriva dalla famiglia delle uve Greco. Contemporaneamente fu realizzata una nuova cantina dove l’impiego delle moderne tecnologie per la fermentazione permetteva di esaltare il patrimonio aromatico e gustativo delle uve locali. Solo 10 anni dopo, con il 1989, iniziò la produzione dell’Est! Est!! Est!!! di Montefiascone Poggio dei Gelsi che, in pochi anni, è riuscito a ridare lustro a un territorio e a un vino che era stato ingiustamente dimenticato. Nel 1995 fu acquistata l’azienda agricola Marciliano, in Umbria, 300 ettari, di cui oggi 180 vitati, situati sulla stupenda collina a sud di Orvieto nei comuni di Montecchio e Baschi, la sede per questa edizione di Enovitis in campo.Da questi vigneti provengono le uve Merlot, Cabernet sauvignon, Cabernet franc e Sangiovese destinate alla produzione del Marciliano, del Vitiano e del Merlot dell’Umbria. “A ogni terreno viene dedicato un progetto vitivinicolo determinato – spiega ancora Riccardo Cotarella – questo è l’assioma che regola l’attività di Falesco in vigneto e in cantina”. La viticoltura di Falesco cambia a seconda degli obiettivi enologici per cui un vigneto viene impostato. I vigneti sono tutti pensati per una meccanizzazione estrema, con diverse forme di allevamento dal Guyot al cordone speronato e a soluzioni miste con fittezze di impianto che cambiano a seconda della cultivar, del terreno e dell’esposizione. La decisione se portare a termine una meccanizzazione integrale è presa secondo il cambiamento di diversi fattori che rendono ogni vendemmia unica nel suo genere e nel suo periodo.

Commenta su Facebook

Accadeva il 14 novembre

"Speciale Marchesini" su Raitre a cura di Pino Strabioli. Al Mancinelli, "Orvieto per Anna"

"Salci nel ricordo dei suoi abitanti". Il borgo fantasma rivive in un libro

Scherma, Lorenzo Rocchigiani quinto alla prima Prova nazionale Gpg di Ravenna

Premio "Vanghetto d'Oro 2017" a Roberta Morise. In archivio, la 30esima Mostra del Tartufo

Musei di Maremma a portata di click con la nuova App per smartphone e tablet

La Maestà, un Santuario nel cuore dei ficullesi

I classici di Luigi Capuana e Jack London protagonisti da CicloStile

Orvieto Città del Corpus Domini plaude e auspica l'impegno del Comune

Orvieto ricorda l'architetto Torquato Terracina

Maratona dell'Olio, presentata l'ottava edizione. Le aziende dell'Orvietano coinvolte

"Per un pugno di stelle". Occhi sulla Via Lattea all'Osservatorio Astronomico Monte Rufeno

"Ricostruire dopo il sisma". Iniziativa congiunta di Cgil, Cisl e Uil

Via Alberici chiusa al transito delle auto, ma solo per tre ore

Solennità della dedicazione della Cattedrale. Gli appuntamenti

Energia elettrica interrotta per lavori nel centro storico, ecco dove

A1, chiusura notturna all'uscita di Fabro per lavori di pavimentazione

Dedicato a Jan Macko il "Piccolo Concerto di Santa Cecilia 2017"

Il rettore dell'Unitus eletto presidente del Comitato regionale universitario del Lazio

La Farmacia Comunale aderisce: "La prevenzione è un'opportunità"

"DiaDay" per la prevenzione del diabete. Screening gratuito in farmacia

"L'Umbria a New York è stata una straordinaria occasione di promozione"

Tari, il sindaco Caci: "Nel nostro Comune non ci sono errori nel calcolo della tariffa"

Teatro "Lea Padovani", crescono gli abbonati. In arrivo Nicola Piovani

All'Auditorium Taborra rivivono "Gli anni '70: luci e ombre"

Anteprima per "Il mio festival" dedicato alla letteratura per ragazzi

Settimana Unesco alla scoperta delle meraviglie dell'Alfina

"Occhi allo Specchio". Descrizioni dal vero Orvieto-Montecchio - 20

Orvieto tra le "Meraviglie Sotterranee" segnalate dal Touring Club Italiano

"Tutte le ragioni per votare Sì". Incontro con Maurizio Oliviero

Delegazione ad Amatrice per consegnare un bonifico di 10 mila euro

"Gratuita e a caro prezzo: la violenza". Al Moody, lo spettacolo multimediale dei Lettori Portatili

Una Vetrya Orvieto Basket nervosa cede il passo al Bastia

Social Fab Lab organizza anche quest'anno "EreticoFuturo"

"1617-2017 Ippolito Scalza. Verso il Centenario". Conferenza al Museo Emilio Greco

Sisma, riaperte le scuole a Norcia. "Segno di speranza per la città e la Valnerina"

All'Unitus, via agli incontri su sostenibilità e business digitale

Elenco regionale delle buone pratiche in ambito culturale, Tuscia presente con 14 realtà

Piano regionale vaccinazioni, prevenzione e responsabilità verso la comunità

Sisma, runione con Anas su situazione viabilità. Entro pochi giorni riapre la Tre Valli

Campagna di promozione dell'affido familiare. Incontro pubblico in biblioteca

Parco Urbano del Paglia, chiude il sottopasso per ultimare i lavori di difesa idraulica

Azzurra Ceprini Orvieto doma Castelnuovo Scrivia

Mancinelli gremito per Forcellino. TeMa soddisfatta: "Un successo le Lezioni di Storia Speciale"

La 41esima "Fiera dell'Olio Extra-Vergine d'Oliva" trasforma Montecchio in villaggio medievale

"Natività Contemporanee" all'Antiquarium di Tenaglie. Ecco come partecipare

"Orvieto Città Aperta (14 giugno 1944. Un giorno da ricordare)"

L'assessore regionale Bartolini al focus sul referendum promosso dal Circolo Pd

Carlo Fidani: "Racconto un angolo nel quale l'umanità si è piacevolmente chiusa"

"Dopo la sentenza della Corte dei Conti, si apra la fase degli investimenti"

E45-E55 Orte-Mestre diventerà una "smart road", Anas investe 30 milioni di euro

"Bullismo, disagio adolescenziale". Convegno al Palazzo del Popolo con Lions e IIsacp

Guido Barlozzetti fa da testimonial all'orto medievale

Scatta l’indagine per fare chiarezza sull’apertura lampo della ex Coop

Minoranza all'attacco: "Un atto di una gravità assoluta"

Dopo l'alluvione: "Fiumi di parole e pochissimi fatti"

Orvieto Basket under 19 vittoriosa a Spoleto

Orvieto Basket under 15 nulla può contro Perugia

Un po' di Azzurra all'incontro organizzato dal Panathlon Club di Orvieto

"Aceto balsamico e dintorni" al Museo del vino e delle scienze agroalimentari

La Zambelli Orvieto è pronta a rialzare la testa a Rieti

Alviano, Provincia ripristina argine Oasi naturalistica dopo danni alluvione: garantite sicurezza e visite turisti

Progetto "Ambasciatore della Tuscia" al via il workshop con i partner di Berlino

Associazioni sportive e Comune al lavoro per il primo premio Fair Play Città di Orvieto

In archivio l'edizione orvietana di NozzeNews. Organizzatori soddisfatti, appuntamento a Viterbo

Galanello (Pd): "Si blocchi definitivamente il progetto delle pale eoliche"

I sindaci di San Venanzo e Parrano: "Occorre vigilare su questa vicenda"

In arrivo "Phoenix", la rinascita in musica dei "Cherries on a swing set"

I pendolari incontrano la Regione Lazio. Ripristinata la fermata straordinaria a Orte

Appaltati lavori post-alluvione per 735 mila euro

Susanna Tamaro firma a favore dell'Altopiano dell'Alfina

Poesia di Natale 2014

Cerimonia di chiusura per il Giubileo. Il vescovo Tuzia: "Orvieto, custode del Mistero"

Trentini (Cisl): "In assenza di risposte pronti ad occupare la sala consiliare"

VIDEO ORVIETOTV - Don Danilo Innocenzi illustra cerimoniale e significato

Alluvione giorno due. Occhi tristi e volti battaglieri, ma ce la faremo. Come sempre

Risultati summit dell'Unità di Crisi di martedì 13 novembre

Massimo Bruzzi: "per provare a continuare a vivere abbiamo bisogno solo di Voi: i nostri clienti"

Frana il versante Sud di Parrano. Preoccupazione del sindaco Tarparelli

Via Monte Cimino

L'alluvione penalizza gli Orvietani due volte: anche Marina di Montalto in ginocchio

L'Orvieto migliore. Gli "angeli del fango", oggi niente scuola stivaloni di gomma e giù di pala e scopa

Ci ha lasciato Giancarlo Giacomini, un grande uomo del basket orvietano

Confartigianato sull'alluvione nell'Orvietano: "Auspichiamo azioni tempestive e un segnale concreto da parte delle Istituzioni"

Un ricordo di Carla. Un bell'esempio di coraggio e positività.

Dopo l'alluvione, via alla verifica dei danni. La presidente Marini a Orvieto per un quadro delle criticità

I consiglieri provinciali Santelli, Longaroni e Garillo chiedono lo stato di calamità per l'Orvietano

Il dopo alluvione. Far ripartire le imprese, l'Amministrazione comunale incontra imprenditori, artigiani, agricoltori

A Porano il meeting annuale dei centri di aggregazione giovanile dei Comuni della zona sociale n.12 dell'Orvietano

L'alluvione guasta la festa alla 25° Mostra del Tartufo di Fabro

Il dopo alluvione. Italia Nostra lancia un forum di discussione su nuove regole per la gestione del territorio affinché tutto questo non si ripeta

Fabrizio Cortoni: "Ed ecco che succede l'incredibile: tutti a darti una mano, senza che tu debba chiamare"

Il dopo alluvione. La Cna al fianco degli imprenditori: "ripristinare prima possibile le attività produttive orvietane"