economia

Il Consorzio Orvieto Promotion risponde alle accuse di scarsa incisività

lunedì 15 ottobre 2007
Dopo giudizi e apprezzamenti apparsi ultimamente nell'informazione locale nei confronti del Consorzio Orvieto Promotion, il Consorzio stesso scende in campo con qualche precisazione. Orvieto Promotion afferma dunque, in una nota stampa, di non aver mai rifiutato un confronto pubblico sulle tematiche riguardanti il turismo, pur avendo sempre evitato, anche dietro sollecitazione dei propri associati, di alimentare polemiche locali che avrebbero indebolito l’immagine dell’Orvietano. Nel ricordare le occasioni concrete di promozione portate avanti, con altri enti e istituzioni, per la realizzazione e la veicolazione dei nostri prodotti turistici (con l’Opera del Duomo per la promozione a New York delle “Stanze delle Meraviglie”, con la Strada del Vino Etrusco Romana, il Palazzo del Gusto e il Consorzio del Vino di Orvieto per la promozione del turismo Enogastronomico, con il Comune di Orvieto e l’Associazione Te.MA su manifestazioni quali Umbria Jazz Winter), Orvieto Promotion afferma con forza di credere che l’Orvietano, e in particolare Orvieto, non sia destinato ad un turismo di massa, ma a un turismo di qualità che sappia apprezzare le sue peculiarità di importante luogo d’arte. E se è vero che ha avvicinato nuovi mercati turistici quali quello dell’Europa dell’Est e in particolare quello russo, siglando un accordo che prevede il passaggio ad Orvieto di gruppi che si fermano per una visita della città, una degustazione presso l’Enoteca regionale/Palazzo del Gusto e pranzo nei nostri ristoranti al costo di € 15,00 a persona (e non come più volte è stato erroneamente scritto e affermato a € 7,00 a persona), ha anche consolidato mercati consueti e importanti per il nostro turismo, come ad esempio quello statunitense, siglando accordi per offerte che riguardano il turismo enogastronomico e delle città d’arte. E ancora il Consorzio rivendica di aver collaborato attivamente con le Istituzioni locali soprattutto all’interno del Sistema Turistico locale della Provincia di Terni, non solo realizzando educational o partecipando ad occasioni fieristiche e Road Show, ma anche progettando la rete di accoglienza turistica della nostra Provincia, che ad Orvieto si è concretizzata nella realizzazione dell’Ufficio di Informazione a piazzaza Cahen. E' stato proprio Orvieto Promotion ad aver proposto alla provincia di Terni, circa quattro anni fa, di realizzare, sul modello di regioni allora con esperienze molto avanzate tipo il Trentino Alto Adige, un Ufficio di Informazione dove potessero convivere ed integrarsi informazioni pubbliche e servizi privati. In questo senso, il Consorzio ha combattuto una vera battaglia culturale, che in Provincia di Terni è stata vinta con l’apertura, appena successiva a quella del nostro centro di Informazione Turistica di piazza Cahen, dell’Info Point alla Cascata delle Marmore, gestito dal pubblico insieme al Consorzio DITT. Chiarezza viene fatta anche rispetto agli “ingenti” contributi pubblici di cui si vocifera che il Consorzio Orvieto Promotion goda: in questi anni il Consorzio ha potuto incamerare contributi annui da parte della Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto pari a € 25.000, 00 e dalla Cassa di Risparmio SpA pari a € 15.000,00. Ha avuto inoltre, da parte dell’STL della Provincia di Terni nell’anno 2006, su un definito programma di promozione, un contributo pari a € 10.000,00. Il Consorzio, invece, non ha mai beneficiato di contributi da parte del Comune di Orvieto, non ha mai avuto deleghe da parte del Comune né per la promozione turistica né per quella del settore congressuale e non ha mai gestito il Palazzo dei Congressi. Vengono poi puntualmente ricordati i meriti degli ultimi tre anni, in cui Orvieto Promotion ha affiancato alla classica attività di promozione una intensa attività di fidelizzazione di Agenzie e clienti che hanno visitato la nostra città. Ha collaborato con ENIT e Regione Umbria all’organizzazione di Educational Tour e ospitato, per conto del Comune di Orvieto e a proprie spese, numerosi giornalisti in visita alla nostra città. Infatti in questi anni si è collaudata una formula vincente, ossia quella che vede ENIT o APT Umbria fare la proposta di visita dei giornalisti sia televisivi che radiofonici, sia italiani sia stranieri, con il Consorzio che offre ospitalità e il Comune la visita alla città. In queste occasioni gli operatori offrono gratuitamente pasti oppure operano forti sconti al Consorzio, al fine di poter gestire un sempre maggior numero di visite da parte di giornalisti ed Opinion Leader. Accanto all’attività di servizio, Orvieto Promotion si è trovato anche a gestire un passaggio importante quale quello della riforma regionale sul turismo, e quindi lo scioglimento degli STL e la costituzione di sistemi turistici volontari. In questo quadro il Consorzio si è trovato a discutere sulla proposta della Provincia di Terni, attuale coordinatore dell’STL , della permanenza di un Sistema Turistico unico nella Provincia di Terni e sull’ipotesi di un unico consorzio provinciale. “Un argomento importante e vitale per tutta l’economia dell’orvietano – afferma Orvieto Promotion - un argomento che deve essere affrontato con spirito costruttivo e unità, ed è per questo che in questi mesi Orvieto Promotion ha voluto evitare polemiche che avrebbero indebolito e dato una immagine distorta del nostro territorio. Crediamo infatti che l’Orvietano possa dare un grande contributo alla nascita di un Sistema Turistico Locale Volontario in Provincia di Terni. Crediamo che il nostro Consorzio possa dare un grande contributo”. “Orvieto Promotion ha inteso da sempre lavorare seriamente per realizzare dei risultati concreti e alla stesso tempo porre le basi, le regole, i metodi affinché questi siano durevoli nel tempo – conclude il Consorzio nel comunicato. - Impresa ardua, soprattutto per l’esiguità delle risorse a disposizione, che sicuramente non crea consensi in tutti gli attori del sistema, ma ha fatto la scelta di poter dare un contributo concreto all’economia turistica di questa città rappresentandola per quello che gli compete con ENIT, APT, Regione Umbria, presentando il prodotto Orvieto completo. Stimolando i diversi attori della città e del territorio e rischiando di essere a volte pedante e invadente, ma è normale per chi lavora nel turismo occuparsi anche di cultura, enogastronomia, arte, e perché no anche di ambiente, arredo urbano, trasporti, infrastrutture, parcheggi.

Commenta su Facebook

Accadeva il 24 aprile

"Gli Ordini mendicanti e predicatori nella Diocesi di Orvieto-Todi: la povertà come ricchezza"

Anche la Compagnia delle Lavandaie della Tuscia alla Sagra dell'Aparago Verde

Alla Festa della Birra Artigianale di Piazza del Popolo, anche "I Fritti della Castellana"

"Una birra per piacere, senza sballo si può". Se ne parla con Cittaslow e A.Ge.

"Occhi sulla Luna. Un omaggio al nostro satellite naturale"

Soffiava il vento

Nei weekend estivi, i giovani del Servizio Civile aprono la Torre e il Palazzo Comunale

"Diversità e integrazione" a Rocca Ripesena, in festa per "Il Paese delle Rose"

Il Palio dei Comandi ai runners della Scuola Sottufficiali dell'Esercito

Guasti alla linea telefonica, è possibile contattare il Comune da Facebook

La Zambelli Orvieto volta pagina, la semifinale comincia a San Giovanni in Marignano

Per "Parrano Feudo 900" iniziativa con le scuole dell'Alto Orvietano a "La Badia" di Ficulle

Festa della Liberazione, pomeriggio di iniziative alla Fortezza Albornoz

La Corte dei Conti accerta il ripiano finanziario e la conclusione del Piano di riequilibrio pluriennale

"Claudia Giontella, una archeologa e la sua dialettica del territorio"

Match point al PalaPorano per la Vetrya Orvieto Basket

Cinema Teatro Turreno, la Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia dona l'immobile a Comune e Regione

Per "San Pellegrino in Fiore", sei visite guidate tra chiese, fontane e palazzi

Chiusura temporanea del casello autostradale di Orvieto per lavori di pavimentazione

Inaugurato il Polo tecnologico per l'Umbria dell'Università Internazionale Uninettuno

Caso discarica, ancora 10 giorni. Italia Nostra contesta la Soprintendenza

Il direttivo Fisar si rinnova: 5 su 7 sono nuovi consiglieri, Amilcare Frellicca nuovo delegato

Disabilità, le famiglie in presidio sotto il palazzo della Regione

Venticinque secco al Lotto

Orvieto FC, prima vittoria per le ragazze del calcio a 11. Big match contro il Ciconia

Punture di vespe, "l'Ospedale è in grado di affrontare con efficacia queste situazioni"

'Sette giorni di... vini nella provincia di Terni'. Dal 24 al 30 aprile degustazioni con prelibatezze a Orvieto, Ficulle, Amelia e Terni

Il programma della manifestazione

'Umbria, verde rinascita dell'italico vino': convegno giovedì 26 aprile

Il Team Eurobici Orvieto si fa onore alla ‘10° gran fondo dei Colli Albani’

Soddisfazione dello SDI per Ségolène Royal candidata alle presidenziali francesi. Lo segnala il consigliere provinciale Marinelli

Supera le 179 mila adesioni la raccolta firme per la Legge di iniziativa popolare per la tutela e la gestione pubblica dell’acqua. Obiettivo: 500 mila firme per dare più forza alla proposta di legge

Convegno del Centro studi Gianni Rodari venerdì 27 aprile: 'La mente scientifica - Come fare Scienze a scuola'

Ripartito il fondo regionale 2007 alle Comunità montane. Oltre 535 mila euro alla Monte Peglia e Selva di Meana

All'insegna del rinnovamento nominata la nuova segreteria dell'Unione Comunale DS Orvieto. I FORUM CIVICI altro elemento di novità

Villa San Giorgio in cantiere. Pronti tra 450 giorni la nuovissima Residenza Protetta e il Centro Riabilitativo

Voci su un'ipotetica cava di basalto in località Biagio: un'interpellanza del consigliere Imbastoni per saperne di più

Contraddittorio educare gli studenti al riciclaggio e al mangiar sano e farli mangiare con stoviglie di plastica. Perché non si installa una lavastoviglie all'Ippolito Scalza?

Bella affermazione per l'orvietano Gian Marco Fusari, vincitore del Premio Nazionale Musica d'Autore