economia

'Multinazionali: sviluppo e territorio'. Atteso convegno internazionale in programma a Terni

giovedì 24 maggio 2007
Due giornate dal carattere internazionale dedicate alle multinazionali nella cornice di Palazzo Gazzoli, a Terni. Si tratta di un'iniziativa, promossa dalla giunta regionale alla quale parteciperanno importanti esponenti del mondo economico, istituzionale e sociale, tra i quali il Ministro per lo Sviluppo Economico Pierluigi Bersani, i segretari generali della Cgil, Guglielmo Epifani, e della Uil, Luigi Angeletti, ed il segretario aggiunto della Cisl, Pier Paolo Beretta, il Vice presidente della Commissione europea Franco Frattini ed il Sottosegretario di Stato al ministero del commercio internazionale, Mauro Agostini. Il convegno afferma lAssessore regionale allo Sviluppo Economico Mario Giovannetti consentir di fare il punto sulle prospettive e criticit, sul ruolo, il peso e il contesto territoriale delle circa quaranta imprese multinazionali presenti in Umbria. Lo scopo perseguito dalla Regione Umbria dunque quello di definire le azioni pi efficaci a costruire qualificate occasioni di sviluppo tra le imprese e le aree locali per consolidare la presenza delle multinazionali gi operanti ed attrarne di nuove, fermo restando lobiettivo della qualit dello sviluppo, sia del territorio, che delle imprese che vi si insediano. Durante il convegno verr presentato uno rapporto di studio che approfondisce i diversi aspetti riguardanti le varie tipologie di imprese multinazionali: quelle con proprie unit produttive in Umbria, aventi assetti proprietari esteri e nazionali - ma non umbri - e quelle con assetti proprietari umbri. Saranno inoltre presentate anche esperienze di altri paesi europei. Il convegno di Terni che si svolger a Palazzo Gazzoli, peraltro, conclude il ciclo di seminari sulle multinazionali avviato pi di un anno fa dalla Regione Umbria. Attesa la partecipazione del Direttore Generale di Confindustria, Maurizio Beretta, nonch di numerosi Imprenditori e Manager di Aziende associate alla Confindustria Umbria.

Commenta su Facebook