economia

I risultati di un progetto sperimentale sulla coltivazione del lino per produrre mangimi e linoleum: non esaltanti, ma potrebbe essere una prospettiva

venerdì 22 settembre 2006
La Comunità Montana Monte Peglia e Selva di Meana ha partecipato, nei mesi scorsi, al progetto sperimentale messo in campo della Regione dell’Umbria e finanziato dal PSR 2000-2006 promosso dalla Confederazione Italiana Agricoltura dell’Umbria e realizzato in collaborazione con l’Università degli Studi di Perugia : “Lino per la produzione industriale di mangimi e linoleum”. Il progetto, partendo dal presupposto che la coltivazione dei semi di lino è scarsamente praticata in Italia, al contrario di ciò che accade in altri Paesi Europei, intendeva verificare se la coltivazione di tale seme può rappresentare un’alternativa interessante per l’agricoltura umbra in modo che si abbia la possibilità di diversificare le produzioni agricole regionali verso colture in grado di dare ai produttori un reddito adeguato stabile. Il progetto ha coinvolto quattro aziende agricole che hanno presentato i risultati della coltivazione autunno - vernina del lino in pieno campo, e dai risultati ottenuti è emerso che nelle nostre zone esistono, per questa coltivazione, le condizioni favorevoli sia climatiche che ambientali. All'iniziativa hanno inoltre partecipato due aziende con sede in Umbria, e precisamente la Mignini e la Tarkett, leader rispettivamente nella produzione dei mangimi e del linoleum, che hanno manifestato un grande interesse per una potenziale produzione regionale di questa coltura. La Comunità Montana ha partecipato alla sperimentazione riservando alla produzione e semina del lino un ettaro di terreno nel comune di San Venanzo, vicino al paese di San Vito in località “Palara”. Purtroppo la stagione particolarmente piovosa ha compromesso in parte la riuscita del progetto e il raccolto si è rivelato inferiore alle aspettative. Si tratterà dunque di proseguire la sperimentazione anche nel prossimo anno, sperando in una migliore stagione meteorologica. Il progetto, comunque, nella sua totalità ha dato risultati positivi ed accettabili mettendo in evidenza il dato che il lino in Umbria è un esempio concreto di integrazione di filiera, per cui si auspica che la Regione, attraverso il 3A-Parco Tecnologico Agroalimentare dell’Umbria e la Cia, possa continuare il lavoro di sperimentazione per almeno altri due anni, in modo da poter dare agli agricoltori umbri una prospettiva reale e tangibile di coltura di filiera in alternativa anche alla coltura del tabacco.

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 19 ottobre

Il Boni pronto a volare. Aperta la campagna abbonamenti, via alla nuova stagione teatrale

Sogni incrociati

Bollette pazze, Olimpieri (IeT) chiede conto con un'interpellanza dell'accaduto

L'Istituto Agrario di Fabro vola in Sicilia per conoscere la cooperativa "Lavoro e non solo"

Le impressioni di capitan Serena Ubertini dopo l'esordio vincente della Zambelli Orvieto

Uffici postali. Gori: "Bene tavoli confronto regionale, impegno comune evitare riduzioni servizio"

Ceramica, Paola Biancalana e Andrea Miscetti sul podio del concorso "Il segno del tempo"

Forza Italia: "Acquapendente invasa dai topi, c'è troppa immondizia in giro"

In marcia con la Polisportiva verso la chiesa della Madonna di Loreto

Le tre slide mancanti di Palazzo Chigi

"Senza Monete" compie tre anni. Festa all'Emporio del Riuso e dello Scambio

Per "Lezioni di Storia" al Teatro Mancinelli arriva Alberto Mario Banti

Mano tesa tra la Scuola di Musica "Casasole" e la Filarmonica "Mancinelli"

Sicurezza all'ex caserma Piave con "Crash Scene. Indicazioni Salva Vita"

Dopo otto anni torna il "Bollettino sulla situazione economica e sociale dell'Area Orvietana"

Case popolari, c'è il bando. Per la presentazione delle domande c'è tempo fino al 29 novembre

FotograMia

Giubileo, in corso le iniziative per le Settimane della Misericordia

Torna l'Operazione Mato Grosso. Giovani al lavoro a sostegno dell'America Latina

"Aspettando Halloween". Festa alla sala parrocchiale della Segheria

"Non c'è sicurezza senza prevenzione". Sul tavolo, le criticità del territorio umbro

Ritrovato l'uomo smarrito nei boschi. Terzo caso in quindici giorni

Orvietana, faccia a faccia con i due fratelli Fillippo e Giuliano Avola

Al frantoio Cecci di Monterubiaglio torna "Pane e Olio". Le degustazioni si fanno solidali

Ilaria Alpi si è suicidata?

"Arte sui muri. Street art e urban art". Giornata di studi all'Università della Tuscia

Meteo

giovedì 19 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento

--

--

--

--

--

--

--

--

--

--

--

--

21:00 11.2ºC 78% buona direzione vento
venerdì 20 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 18.0ºC 54% buona direzione vento
15:00 21.6ºC 38% buona direzione vento
21:00 11.7ºC 75% buona direzione vento
sabato 21 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 17.7ºC 55% buona direzione vento
15:00 21.9ºC 43% buona direzione vento
21:00 13.1ºC 90% buona direzione vento
domenica 22 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 17.7ºC 83% buona direzione vento
15:00 19.4ºC 69% buona direzione vento
21:00 10.6ºC 85% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni