economia

Patto 2000. Approvate dal ministero delle Attività Produttive le istruttorie delle domande ammesse a finanziamento per il II e probabile ultimo bando

venerdì 22 aprile 2005

Potranno partire a breve i progetti legati ai finanziamenti del Patto 2000, il patto territoriale Valdichiana, Amiata, Trasimeno, Orvietano che, appunto attraverso la società consortile Patto 2000, ha curato tutta una serie di progetti di sviluppo pubblico-privati.
Il Ministero delle Attività Produttive, con Decreto n.PT3842 del 24/03/2005, ha infatti approvato le istruttorie delle domande presentate sul II Bando di Rimodulazione delle risorse del Patto V.A.T.O. generalista.
Con questo atto arriva dunque a conclusione la parte autorizzativa per il riutilizzo delle risorse e, dopo non pochi mesi di attesa, le aziende beneficiarie possono finalmente contare sulle risorse messe a disposizione dal patto territoriale.
Nei prossimi giorni la Società Patto 2000, Soggetto Responsabile del Patto, provvederà a chiamare tutti i soggetti interessati alla sottoscrizione del Protocollo finale.

I progetti imprenditoriali ammessi ad agevolazione sono in totale 73 per investimenti totali di circa 59.066,75 migliaia di euro. L’agevolazione concessa per tali investimenti sarà di 5.768,31 migliaia di euro e i nuovi posti di lavoro 269 sull’intera area del patto. I progetti infrastrutturali agevolati sono 5 per un contributo totale di circa 2.866,29  migliaia di euro. Con questa firma il Patto diverrà operativo e verranno attivate le procedure per le erogazioni delle risorse assegnate.

Con la gestione di questo bando e salvo ripensamenti dell’ultima ora, questa potrebbe essere l’ultima iniziativa svolta dal Patto territoriale, essendo ormai abbastanza certa la conclusione di questa esperienza che ha consentito la realizzazione di centinaia di progetti imprenditoriali privati e decine di infrastrutturali gestiti dagli Enti locali, con la conseguente attivazione di centinaia di nuovi posti di lavoro in tutta l’area del patto compresa fra le zone limitrofe delle Province di Perugia, Siena e Terni.

Nel comprensorio orvietano, i progetti infrastrutturali più significativi finanziati dal patto 2000 - di cui è presidente il sindaco di Montegabbione Marco Spallaccini - sono stati la strada dell'Osteriaccia nei pressi di Fabro e un progetto della Comunità Montana per la messa in rete di alcuni casali. Molti anche gli imprenditori privati che hanno avuto finanziamenti.
In questa seconda e probabilmente ultima tornata al nostro comprensorio sono stati assegnati, in totale, 1milione di euro. La firma del protocollo conclusivo è prevista per il 13 maggio.

Commenta su Facebook

Accadeva il 26 maggio

L'Alta Tuscia riscopre i gioielli. Invito a Civita, Palazzo Monaldeschi e la Serpara

Due ori e tre bronzi per la Scuola Keikenkai al 2° Campionato Europeo di Karate Iku

Staffetta dei Quartieri. All'ombra del Duomo si corre la 51esima edizione

La Zambelli Orvieto si ferma sul più bello col Casal De' Pazzi

"Focus on pain" a Palazzo Alemanni. Seconda edizione per il congresso medico

Piazza del Popolo, parcheggi a disco orario non più a pagamento

"L'Eucarestia nell'arte cristiana". Conferenza Rotary in Duomo

Corso da tecnico audio e corso di informatica musicale al "Tuscia in Jazz 2016"

Alla Galleria Falzacappa Benci di passaggio i pellegrini di Giorgio Pulselli

A Guardea ed Alviano le musiche di Piovani e Morricone per il Concerto di Primavera

"Basta un Sì per cambiare l'Italia". Incontro a Sferracavallo con Luca Castelli

La Kansas State University sempre più presente sul territorio orvietano

Legambiente denuncia gravi profili di illegittimità del calendario venatorio

Il Coro degli Alpini dei Monti Lessini in concerto

Filippo Orsini relaziona su "Bartolomeo d'Alviano, Todi e l'Umbria tra XV e XVI secolo"

"Una buona stagione per l'Italia. Idee e proposte per la ricostruzione del Paese e dell'Europa"

Alla scuola Frezzolini di Sferracavallo s'inaugura la biblioteca "Sheradzade"

Nasce l'Albo sostenitori "Orvieto Cittaslow". Ecco da chi è composta la commissione

Divieto di pesca per consumo alimentare sul Paglia, scatta l'ordinanza del sindaco

"Etruschi 3D". Presentata la mostra multimediale curata dall'Associazione Historia

Che cos'è "Etruschi 3D"