economia

Il Comune ha sollecitato l'Atc a modificare alcuni servizi.

venerdì 24 gennaio 2003
La possibilità di intensificare i collegamenti urbani tra Orvieto Capoluogo e le frazioni è stata messa a punto dall'ATC su richiesta dell'Amministrazione Comunale e parte dall'analisi dei collegamenti esistenti, analisi da cui deriva la sperimentazione - entro il 2003 - di un'organizzazione del trasporto a domanda, cioè su prenotazione telefonica.

Il servizio così concepito dovrebbe rispondere alle esigenze più frequenti espresse dagli utenti residenti nelle diverse frazioni (in prevalenza esigenze di mobilità connesse a motivi di carattere sanitario o amministrativo) specie nell'arco mattutino che va dalle ore 9,00 alle ore 11,30 e dalle ore 15,00 alle ore 18,30. In termini organizzativi, il nuovo servizio a chiamata impegnerebbe un minibus fisso disponibile per l'intero arco di durata del servizio un conducente fisso, più un secondo minibus ed un secondo conducente di rinforzo in caso di sovrapposizione non compatibile delle richieste, per un costo di circa 51.000 Euro.

Questa notizia è correlata a:

Meno funzionari in Comune. La rivoluzione dell'assessore

Commenta su Facebook