cultura

Lagodarte si aggiudica un finanziamento da 138.000 euro per la cultura

martedì 29 ottobre 2019
Lagodarte si aggiudica un finanziamento da 138.000 euro per la cultura

La Cooperativa Lagodarte di Castiglione del Lago si è aggiudicata un finanziamento erogato attraverso bando regionale, con fondi POR FESR 2014-20120, rivolto alle imprese culturali per il "Supporto allo sviluppo di prodotti e servizi complementari alla valorizzazione di identificati attrattori culturali e naturali del territorio, anche attraverso l’integrazione tra imprese delle filiere culturali, creative e dello spettacolo". Il budget del progetto ammonta a 138.000 euro e prevede un cofinanziamento dell’azienda aggiudicataria pari al 30% dell’importo.

Con questa iniziativa progettuale Lagodarte intende dare organicità e sistematicità ad una serie di azioni di valorizzazione degli attrattori culturali dello splendido Palazzo della Corgna, della maestosa e panoramica Rocca Medievale e dell’interessante complesso museale di San Domenico, qualificando i siti e facendoli diventare un’occasione di crescita dell’offerta culturale e turistica della città ma anche di business aziendale.

«Dal nostro osservatorio di concessionari della gestione del percorso museale Palazzo della Corgna-Rocca Medievale e del teatro all’aperto della Rocca Medievale – spiega il presidente di Lagodarte Piero Sacco – riteniamo che l’offerta di un prodotto innovativo per la fruizione culturale e turistica, denominato “La Castiglione dei Della Corgna: una dinastia tra gesta eroiche e vita di corte”, possa costituire un’ulteriore elemento di valorizzazione sia degli attrattori oggetto della nostra gestione che del complesso Museale di San Domenico, gestito e valorizzato dalla Confraternita di San Domenico.

Con tale prodotto si intende proporre un programma di eventi di animazione teatrale, multimediale, culturale e ricreativa ispirati alla dinastia rinascimentale dei Della Corgna, alle gesta dei suoi capifamiglia e alla vita di corte del tempo. La “Castiglione dei Della Corgna” è articolata in quattro eventi distribuiti in altrettanti periodi dell’anno, ritenuti strategici dal punto di vista turistico. Ciascun evento è caratterizzato da una serie di attività, alcune specifiche per ciascun evento, altre ricorrenti, in relazione ai quattro principali periodi della dinastia e dei rispettivi regnanti della famiglia: Epopea di Ascanio I e Fulvio I Della Corgna (1563-1583), Epopea di Diomede Della Penna Della Corgna (1571-1596), Epopea di Ascanio II Alessandro Della Corgna (1596-1606), Epopea di Fulvio II Alessandro Della Corgna (1606-1647)».

Ciascun evento sarà ospitato dagli attrattori indicati nel progetto e si caratterizzerà con la ricostruzione di una specifica epopea delle gesta e degli avvenimenti principali della vita di corte che l’hanno caratterizzata, riproposti, in primis attraverso la narrazione e la rievocazione teatrale, ma anche con interventi multimediali, come il video mapping che avrà lo scopo di animare e spettacolarizzare gli affreschi che impreziosiscono Palazzo della Corgna, il tutto contestualizzato con momenti di festa caratterizzati dalla riproposizione di banchetti con menù d’epoca, mercati e giochi all’aperto.

Attraverso una rete di partner con specifiche competenze, Lagodarte intende inoltre qualificare il progetto con la pubblicazione di opere editoriali e siti web, con una rinnovata e più adeguata dotazione audio-luci del teatro all’aperto della Rocca, indispensabile per un’offerta professionale di spettacolo, con interventi di proiezioni architetturali e videomapping, con la rievocazione teatrale in chiave storica e con una ricerca enogastronomica d’epoca.

Il progetto, infine, intende avvalersi del partenariato del Comune, proprietario degli attrattori Palazzo della Corgna e Rocca Medievale, mediante il coinvolgimento dell’Ufficio Cultura e della Biblioteca Comunale, dell’Ente “Confraternita di San Domenico” proprietaria del complesso museale di San Domenico e dell’Università di Perugia che garantirà la supervisione scientifica tramite la Scuola di Specializzazione in Beni Demoetnoantropologici, con sede in Castiglione del Lago.

Commenta su Facebook