cultura

"Caffeina Festival 2019" fa 13. Tra giornalismo, politica e letteratura

sabato 15 giugno 2019
di Davide Pompei
"Caffeina Festival 2019" fa 13. Tra giornalismo, politica e letteratura

Decine di giornalisti noti, rappresentanti delle istituzioni, ex ministri, servitori dello Stato, personalità impegnate nella politica e grandi autori. Tutti a Viterbo per "Caffeina Festival 2019", da sabato 22 a domenica 30 giugno, per risvegliare la mente e portare in piazza la cultura, la discussione pubblica e la migliore intelligenza. Perché in un'era contradditoria e relativista come quella attuale, di acceso dibattito e forte tensione – social e sociale – è richiesto un balzo in avanti, uno slancio generoso, e di impegnare il meglio delle proprie risorse.

Come moderni Don Chisciotte, ne "L'Estate delle Meraviglie". Casa e capitale del dibattito del Paese, gli spazi medioevali di Viterbo promossi a contenitore polifonico di temi dal team di Fondazione Caffeina Cultura che ha chiuso un programma di grandi ospiti che si apre con un'anticipazione già sold out, martedì 18 giugno alle 21 al Teatro Caffeina con il ritorno di Roberto Saviano e il suo "In mare non esistono taxi", l’ultimo libro pubblicato da Contrasto, in cui si confronta con tematiche attuali come immigrazione e integrazione.

"Caffeina e i suoi mondi sono tutti nati dalla ricerca di sfide eccezionali" afferma Andrea Baffo, presidente di Fondazione Caffeina Cultura, e quella di Caffeina è ancora oggi una "eroica follia", secondo il direttore artistico del festival Giorgio Nisini. "Per noi la strada è tracciata" aggiunge Baffo. "Caffeina è un grande sogno che si alimenta dei sogni di tutti i sognatori. La città sarà viva ancora una volta", pronta ad incamminarsi, spiega Filippo Rossi, direttore artistico di Fondazione Caffeina Cultura, sulla strada che "può farci accarezzare le stelle e costruire torri di avvistamento" anche in un’epoca di vento forte, che non è un ostacolo, ma energia.

Soddisfatti, Giulia De Amicis e Angelo Deiana, responsabili del programma 2019 sotto la supervisione di Tania Sailis. "È stato un lavoro lungo e intenso - dicono - ma che alla fine ci ha dato il risultato che speravamo. Abbiamo puntato tutto sulla trasversalità, cercando di valorizzare ogni tipo di pubblico. Il nostro obiettivo è sempre quello di dare vita a un grande contenitore culturale che non badi a muri e confini, di nessun tipo. E già questo, visti i tempi, è un grande messaggio. Basta leggere i tipi di incontri e i nomi in programma per rendersene conto".

Fra i giornalisti ospiti, dispenseranno "Lezioni di Democrazia" Antonio Padellaro (sabato 22 giugno), Marco Travaglio (domenica 23 giugno), Alessandro Sallusti, David Parenzo e Diego Bianchi (lunedì 24 giugno), Ezio Mauro (martedì 25 giugno), Corrado Formigli (mercoledì 26 giugno), Aldo Cazzullo (domenica 30 giugno). Insieme a Radio Radicale, media partner che Caffeina sostiene nella sua battaglia per continuare a trasmettere, giungerà anche il tributo a Massimo Bordin, prima dell’evento di chiusura con Enrico Mentana (domenica 30 giugno).

Tra gli esponenti delle istituzioni che animeranno le location del festival, Roberto Maroni (lunedì 24 giugno), Monica Cirinnà e Gianluigi Paragone (martedì 25 giugno), Raffaele Cantone (mercoledì 26 giugno), Antonio Tajani e Massimiliano Smeriglio (giovedì 27 giugno) e ancora Emma Bonino, Alessandro Di Battista (venerdì 28 giugno) e il medico di Lampedusa ed eurodeputato Pietro Bartolo (domenica 30 giugno).

Decine gli autori attesi. Sabato 22 giugno arriverà Giampiero Mughini, domenica 23 giugno in occasione dei 200 anni de "L'Infinito" il poeta Davide Rondoni celebrerà Giacomo Leopardi. Sempre domenica 23 giugno, l’appuntamento con la storia di Fiume raccontata da Giordano Bruno Guerri e con Francesco Filippi in "Mussolini ha fatto anche cose buone. Le idiozie che continuano a circolare sul Fascismo". Luca Di Bartolomei domenica 23 giugno sarà in Piazza del Plebiscito, come anche Nicola Biondo, già informatico presso la Casaleggio Associati, autore di "Supernova".

Ernesto Galli Della Loggia, editorialista del Corriere della Sera, lunedì 24 giugno, come Federica Angeli, la giornalista sotto scorta per aver sfidato le famiglie criminali del litorale romano. Mercoledì 26 giugno largo a Marcello Veneziani, giovedì 27 giugno a Giancarlo De Cataldo, oltre che a Carlo Bonini che si concentrerà sul caso di Stefano Cucchi. Giuseppe Antonelli, grande linguista, terrà una lectio magistralis venerdì 28 giugno, pochi minuti dopo l’appuntamento con Darwin Pastorin. E ancora sabato 29 giugno il fumettista Vauro Senesi, l’attrice e autrice Chiara Francini, e lo psicologo Paolo Crepet. Domenica 30 giugno, Simona Sparaco e Massimo Gramellini.

Non mancherannno neanche in questa 13esima edizione le rassegne, quasi dei festival nel festival. Sabato 22 giugno, tributo a Massimo Troisi con Matilde Hochkofler mentre pochi minuti dopo Dario Salvatori e Mauro Gliori proporranno il loro viaggio nel Festival di Sanremo. In arrivo a Viterbo anche Billy Costacurta e Marco Cattaneo venerdì 28 giugno, poco prima della serata “Il Trono di Spade” con Giancarlo De Cataldo, Loredana Lipperini e Flavia Perina.

Caffeina quest’anno includerà e sosterrà "Ombre", la rassegna sul mondo del noir di casa a Viterbo da anni. Decine di incontri e presentazioni con autori e specialisti del noir, intellettuali e saggisti fra cui Vittorio Sgarbi, Loriano Macchiavelli, Gabriella Genisi, Giancarlo De Cataldo, Marino Bartoletti, oltre ad esponenti delle forze dell’ordine e alla collaborazione con la Polizia di Stato.

Torneranno poi gli appuntamenti per i più piccoli, "Senza Caffeina" che vedranno giochi, spettacoli, burattini e l’evento con la giornalista Ritanna Armeni che, insieme ad Eleonora Mancini, proporrà "Marina", la storia per bambini di una straordinaria navigatrice e pilota. Pronta anche la Piazza degli Osti a San Carluccio, coordinata da Felice Arletti che caiuterà a scoprire la Tuscia tramite le eccellenze del suo food.

Il biglietto di accesso alle arene Caffeina sarà giornaliero, costerà 4 euro e consentirà di partecipare a tutti gli eventi nel corso dello stesso giorno.  Il biglietto darà diritto ad accedere a  tutte le aree eventi, fino a esaurimento posti. I posti a sedere sono limitati ed ogni giorno saranno in vendita esclusivamente i biglietti riferiti al giorno stesso.  I biglietti non potranno essere rimborsati. È possibile acquistarli nei seguenti punti vendita:
- Teatro Libreria Bistrot Caffeina, Via Cavour, 9 (aperto per tutta la durata del festival dalle 9 alle 23);
- Biglietterie Piazza del Plebiscito e Piazza San Lorenzo (aperte per tutta la durata del festival dalle 17.30 alle 23)
- Biglietteria "Senza Caffeina" Piazza San Carluccio (aperta esclusivamente nelle ore di svolgimento degli eventi del Cortile San Carluccio).

Qui, il programma completo.

Commenta su Facebook