cultura

"Medioera" compie dieci anni. Via al festival di cultura digitale

mercoledì 8 maggio 2019
di Davide Pompei
"Medioera" compie dieci anni. Via al festival di cultura digitale

Compie dieci anni "Medioera", il festival di cultura (e innovazione) digitale di Viterbo patrocinato da Camera dei Deputati, Regione, Comune, Lazio Innova e Settimana della Cultura Europea della Regione Lazio che per quattro giorni trasforma lo Spazio Attivo di Via Faul, in un crocevia di relatori internazionali dove, nomen omen, il Medioevo delle origini cittadine incontra le infrastrutture di rete proprie della Nuova Era.

Ad aprire la manifestazione giovedì 9 maggio incontrando alle 10 i ragazzi delle scuole e alle 16.40 replicando per imprenditori, startupper e operatori del mondo digitale sarà Giulio Gargiullo, consulente di digital marketing in Russia e nel mondo, con un contributo dal titolo "Tuscia Worldwide: promuovere il territorio e il business nel mondo attraverso le news digitali" che precede "La grammatica ai tempi di Instagram".

"Il mio intervento – anticipa – spiega come promuovere il territorio della Provincia di Viterbo e le sue attività commerciali in tutto il mondo, semplicemente comunicando, grazie a semplici strumenti alla portata di tutti, tutto quello che vediamo ogni giorno di fronte ai nostri occhi. La bellezza della Tuscia, i suoi borghi noti e meno noti, le sue attività culturali e folkloristiche possono essere raccontate ai principali quotidiani e giornalisti nel mondo.

Gli italiani non vedono molto bene se stessi e il proprio Paese, ma il mondo ama leggere e apprendere notizie che riguardano il Belpaese che rappresenta un bel popolo, creatore e portatore di bellezza in tutti gli ambiti, e un brand ammirato per il suo lifestyle unico. Il mio intervento si rivolge alle istituzioni, ai Comuni, alle Pro Loco, alle tante attività piccole o grandi della zona come ai singoli cittadini che vogliano contribuire a promuovere questo territorio".

Per quest'ultimo sembrano aprirsi grandi opportunità se è vero che il mercato del turismo digitale vale 14,2 miliardi di euro, almeno secondo le stime. Un giro d'affari enorme che comprende un quarto di tutto il turismo in Italia. "In questo quadro è fondamentale creare un'esperienza personalizzata del customer journey e diretta con il turista digitale, per presentare il territorio e le sue attività prima, durante e dopo la prenotazione.

Molte le tecnologie, strategie e piattaforme a disposizione oggi per un perfetto digital marketing mix come i social network, gli influencer, i big data e lo storytelling unito alle digital PR. La Tuscia può puntare sui molti trend del turismo attuale come location per matrimoni dove l'Italia è il primo Paese al mondo, il food tourism per la varietà e qualità nell'offerta enogastronomica, il turismo religioso, termale, culturale, slow e del trekking".

Di qui, il focus sulle eccellenze territoriali al quale è atteso l'assessore regionale allo sviluppo economico Gian Paolo Manzella, e la "Startup Night", una sorta di evento nell’evento, realizzato con Confartigianato Imprese Viterbo, nel corso del quale sarà offerta una vetrina a tutti gli aspiranti imprenditori che hanno concretizzato un’idea nuova in grado di rivoluzionare il mercato tradizionale del marketing. Prevista anche la consegna del Premio Luigi Fantappiè.

Dedicata alle imprese in rete e all'impatto della comunicazione la giornata di venerdì 10 maggio che, tra gli altri, dalle 17.15 porta a Viterbo Federico Palmaroli, creatore della seguitissima Pagina Facebook "Le più belle frasi di Osho", Ermes Maiolica, re delle hoax e del trolling online, Riccardo Pirrone, social media manager di "Taffo", l’agenzia funebre che ha rivoluzionato il modo di fare comunicazione, Giampaolo Rossi, membro del CdA della Rai, Carlo Freccero, direttore di Rai2, e la giornalista Monica Maggioni.

I nuovi media e le innovazioni della comunicazione saranno al centro dei ragionamenti di sabato 11 maggio. Tra i protagonisti pomeridiani il giornalista sportivo e storyteller Federico Buffa, gli attori della serie tv “Suburra” Francesco Acquaroli ed Eduardo Valdarnini e la sceneggiatrice Barbara Petronio. La tradizionale chiusura di Medioera sarà con l’Instameet di domenica 12 maggio, in collaborazione con gli Instagramers Viterbo e gli Instagramers Lazio pronti a immortalare il Bosco del Sasseto e il Castello di Torre Alfina e i murales artistici di Acquapendente.

Tra le novità, il videocontest “Raccontare le eccellenze del territorio”, realizzato in collaborazione con la Regione in cui otto aziende saranno illustrate attraverso i filmati di giovani video maker in tandem con operatori professionisti.

Per ulteriori informazioni:
www.medioera.it

Commenta su Facebook