cultura

La nuova "Giornata delle Dimore Storiche del Lazio" dà spettacolo

lunedì 15 aprile 2019
di Davide Pompei
La nuova "Giornata delle Dimore Storiche del Lazio" dà spettacolo

Quattro giornate di apertura straordinaria gratuita. Ottanta strutture coinvolte tra casali, ville e castelli, complessi architettonici e monasteri, chiese e conventi, palazzi e dimore storiche, parchi e giardini di cui 9 nella provincia di Frosinone, 13 in quella di Latina, 6 in quella di Rieti, 29 in quella di Roma e 23 in quella della più vicina Viterbo. Forte dei 10.000 visitatori contati in una sola giornata nella prima, sperimentale edizione autunnale, da giovedì 25 a domenica 28 aprile, torna e si moltiplica la "Giornata delle Dimore Storiche del Lazio".

Su iniziativa della Regione con il supporto di Lazio Innova e la collaborazione di Istituto Regionale Ville Tuscolane, Associazione Dimore Storiche Italiane e Associazione Parchi e Giardini d’Italia, l'appuntamento di primavera promuove quella Rete delle Dimore Storiche costituita nel 2017 in applicazione della Legge Regionale 8 del 2016 che raccoglie 130 siti pubblici e privati, selezionati attraverso avvisi pubblici. Previsti, nell'occasione, anche spettacoli e degustazioni di prodotti tipici in collaborazione con Agro Camera e Associazione Teatrale fra i Comuni del Lazio.

"L'apertura delle dimore storiche – ha dichiarato il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti durante la presentazione tenutasi martedì 9 aprile, alla presenza dell'assessore regionale al turismo Lorenza Bonaccorsiè un’iniziativa importantissima per il Lazio. La Regione, infatti, ha la volontà di ricostruire un modello di sviluppo del territorio che faccia della bellezza e anche del buon cibo e del buon vino uno dei pilastri di benessere, crescita e lavoro. Da alcuni anni stiamo mettendo al centro delle politiche culturali anche il paesaggio, come valore del patrimonio.

Non esiste angolo del pianeta, come il Lazio, con la stessa concentrazione di beni. Non solo Roma, ma anche tutte le bellissime province che fanno parte della regione. La legge sulle dimore storiche non è rimasta nel cassetto, ma sarà rifinanziata in bilancio, e crediamo che sarà utile tanto ai Comuni, quanto ai proprietari. Il Lazio è sempre più la regione dell’eterna scoperta". Prezioso, in questo senso, anche il supporto dell'Azienda Regionale per lo Sviluppo e l'Innovazione.

Porte aperte in provincia di Viterbo al Castello Costaguti, Villa Rossi Danielli e il Giardino di Prato Giardino per quanto riguarda il territorio comunale di Viterbo; la Torre di Chia di Soriano nel Cimino, che comprende i resti di un castello, una cinta muraria e due torri, un luogo che affascinò a tal punto Pasolini da spingerlo ad acquistare il castello e la torre dando il via ad una fase di recupero dell’intero complesso; la torre di guardia del Castello dei Conti di Anguillara di Canepina, costruita intorno alla metà dell’XI secolo; il Castello di Santa Cristina di Grotte di Castro, una dimora storica con annesso un antico borgo contadino che da alcuni anni è stato trasformato in agriturismo; il Parco di Villa Altieri di Oriolo Romano con i suoi canoni stilistici del XVI secolo e la pista per la corsa dei levrieri, dove agli inizi del Novecento si riunivano nobili e personaggi illustri, tra cui Gabriele D’Annunzio.

E ancora Palazzo Baronale a Calcata, il cui impianto originale risale al X secolo; Palazzo Comunale e Palazzo delle Ex Carceri a Vetralla; Bosco del Sasseto e Giardino Cahen d'Anvers a Torre Alfina, Acquapendente, un luogo dove un insieme di felici condizioni ha consentito nei secoli lo sviluppo di uno stupefacente bosco monumentale; a Bolsena il Complesso Monumentale di Viale Colesanti, il Palazzo Cozza Caposavi e il Palazzo Del Drago, imponente e articolato complesso architettonico cinquecentesco, che sorge nel cuore del borgo vecchio; l'ex Chiesa di San Sebastiano del XVI secolo e Palazzo Farnese a Canepina; Palazzo Orsini a Bomarzo; l'ex Convento dei Padri Carmelitani di Canepina; le ex Scuderie del Palazzo Farnese di Caprarola; Palazzo Farnese a Gradoli; l'Antica Città di Castro a Ischia di Castro; la Rocca dei Papi a Montefiascone; il Castello e il Palazzo Guido Ascanio Sforza a Proceno; Palazzo Chigi a Soriano del Cimino; Villa Savorelli a Sutri.

L'apertura sarà accompagnata da 55 eventi tra danza, acrobatica aerea, monologhi teatrali, teatro di strada, circo contemporaneo, concerti ed esibizioni di musica jazz, blues, elettrica, popolare e pop, e spettacoli. Di seguito il calendario degli eventi collaterali previsti nella provincia di Viterbo:

giovedì 25 aprile
Palazzo Farnese, Gradoli, ore 17
Teatro - "Un comico fatto di sangue", spettacolo scritto, diretto e interpretato da Alessandro Benvenuti con la collaborazione drammaturgica di Chiara Grazzini. Commedia in cinque atti rapidi ed incisivi dove nessuna parola è a caso. Una drammaturgia sorprendente nella sua semplicità. L’autore narra il progressivo degenerare dei rapporti di una famiglia composta da un marito, una moglie, due figlie e qualche animale…di troppo. Via via che il tempo passa, più i fatti si fanno seriamente preoccupanti, e più raccontandoli diventano, per chi li ascolta, divertenti. È il comico, che essendo fatto di sangue non rinuncia neppure di fronte a un dramma al piacere di poter piacere a chi lo ascolta? O è il fatto di sangue in sé che nonostante la sua tragicità diventa a suo modo comicamente sorprendente? Allo spettatore il piacere di decidere, ascoltandolo.

Palazzo Baronale Anguillara, Calcata, ore 17
Musica - "Do It! Violino e fisarmonica". Il duo nasce dall’incontro tra un chitarrista di formazione blues e una violinista classica e propongono un repertorio di brani di colonne sonore, rivisitate in chiave acustica.

Ex Convento dei Padri Carmelitani ora Museo Etnografico Antropologico – Salone IV Stato, Canepina, ore 17
Musica e Teatro di Strada - "Red Nose Band". Trio eclettico di clown musicisti. Uno spettacolo leggero e adatto a tutte le età che cerca di coniugare il linguaggio del clown teatrale con quello della musica, sperimentando le possibilità che possono scaturire – tutto sommato non scaturendo – dal loro incontro.

Palazzo Farnese – Sede del Comune, Canepina, ore 17
Teatro di Strada - "Smisurato". A cura di Daniele Spadaro, uno spettacolo di strada eclettico e ricco di colpi di scena, composto da originali virtuosismi circensi e basato principalmente sull’interazione con il pubblico che diviene parte integrante dello spettacolo stesso.

venerdì 26 aprile
Bosco del Sasseto e Giardino Cahen d’Anvers, Torre Alfina - Acquapendente, ore 17
Teatro di Strada - "Godié". Diego Grimaldi in arte Godiè con il suo spettacolo ricco di sorprese e meraviglia, come tutti i clown, fa divertire i più piccoli e qualche volta riflettere i più grandi.

Ex Chiesa di San Sebastiano ora Teatro Comunale, Canepina, ore 17
Musica e Stronelli - Adriano Bono. Adriano Bono si presenta al pubblico in versione one-man-band e con un equipaggiamento minimale ad accompagnare il canto: il repertorio proposto spazia a 360° e parte prendendo in prestito dal set della Banda de Piazza Montanara i dissacranti sonetti di Giuseppe Gioachino Belli, trasformati in canzoni e introdotti da divertenti digressioni sul poeta e la sua opera, per poi virare attraverso i ritmi Calypso e Rocksteady e concludendosi con i brani originali.

Parco Villa Altieri, Oriolo Romano, ore 17
Circo Contemporaneo - "BigUp Circo". "BigUp" è il luogo di incontro per persone con la passione per l’educazione, il gioco, l’arte, la creatività, il movimento e soprattutto per il circo. Uno spettacolo emozionante e coinvolgente per tutte le età.

sabato 27 aprile
Torre di Chia, Soriano del Cimino, ore 10.30 e 14.30
Narrazione - "Passeggiata narrata su Pasolini". Passeggiata narrata con testi scelti su e di Pier Paolo Pasolini all’interno della dimora e nel bosco circostante, con una discesa fino al fiume. La passeggiata sarà arricchita da notizie storiche e archeologiche.

Castello di Proceno, Proceno, ore 11
Teatro di Strada - Filippo Brunetti. In questo spettacolo il protagonista, con le sue infantili “peripazzie” immaginifiche e le sue giocolerie comiche con oggetti reali, evoca un sogno, in cui trascende la forza di gravità fino a raggiungere la sensazione di volo con una tecnica teatrale a portata d’uomo senza effetti speciali e dove il giocoliere è un astronauta con i piedi per terra e il clown è un sognatore sveglio.

Ex Scuderie del Palazzo Farnese, Caprarola, ore 11
Presentazione del volume "I Giardini del Lazio" realizzato da APGI e TCI a cura della vicepresidente dell'Associazione Parchi e Giardini d'Italia Alberta Campitelli. A seguire, visita guidata dei giardini di Palazzo Farnese a cura del sindaco Eugenio Stelliferi.

Palazzo Guido Ascanio Sforza, Proceno, ore 17
Teatro - Eduardo Ricciardelli. La pièce, prodotta da Teatraltro, racconta di una compagnia scalcagnata che, alla ricerca della fama, intraprende un lungo viaggio verso Parigi, con l’ambizione di recitare alla corte del Re Sole, uomo che si dice non ridesse mai.

Castello Costaguti, Roccalvecce - Viterbo, ore 17
Musica - "Donatiello. Chitarra e voce".  "Tuttifusi" duo irpino che riproporrà in chiave acustica brani del repertorio italiano e internazionale degli ultimi cinquant’anni di musica.

domenica 28 aprile
Prato Giardino, Viterbo, ore 16
Teatro di Strada - "BackPack". Un artista di circo, poliedrico e brillante, sale in scena: è pronto a portare in scena il suo spettacolo di acrobatica, equilibrismo e giocoleria. Tutto sembra procedere per il meglio ma il destino è in agguato…e qualcosa lo catapulterà in un mondo di scivoloni, equivoci ed errori.

Antica Città di Castro, Ischia di Castro, ore 16.30
Teatro di Strada - "Warner". Uno scoppiettante spettacolo che coniuga virtuosismo e sorriso, leggerezza e dinamica, in un susseguirsi di colpi di scena capaci di donare allo spettatore allegria e meraviglia. L’aspetto autoironico non abbandona mai il giocoliere durante l’intera performance, che si sviluppa in un alternarsi di situazioni comiche ed in un crescendo di fantasmagorie volanti.

Palazzo Comunale e Palazzo delle Ex Carceri, Vetralla, ore 17
Musica e Stornelli - "Filuccio e Fattacci" ripropone brani tratti prevalentemente dal classico repertorio romano e napoletano. La scelta verte su canzoni che hanno scritto la storia della musica italiana nella prima metà del Novecento, con particolare attenzione alla ricchissima tradizione musicale di città come Roma e Napoli.

Complesso Monumentale Viale Colesanti, Bolsena, ore 17
Musica - "Ambo i Lati", chitarra e percussioni di riciclo. "Ambo i Lati "è un duo composto da David (chitarrista acustico e cantante) e Drumbo (street drummer). La sinergia tra le melodie di David e il groove di Drumbo crea nuove sonorità, con forte intensità di emozioni ed energia.

Palazzo Orsini, Bomarzo in Teverina, ore 18
Musica - "Shanti Lion", hang. Andrea Siecola, noto in giro per il mondo come Shanti Lion annovera tra le scoperte fatte sul suo cammino l'hang, strumento inventato in Svizzera nel 2000 come evoluzione dello Steelpan, il quale unisce ritmo e melodia creando sonorità particolareggiate e trascinanti.

Tra i 5 percorsi di scoperta delle tipicità enogastronomiche del territorio laziale, c'è anche quello in agenda per giovedì 25 aprile a partire dalle 12.30 nell'ex Convento dei Padri Carmelitani, attuale Teatro Comunale di Canepina. In 52 dimore, infine, sarà possibile scoprire alcuni tra le migliori etichette del Lazio appena presentate al 53esimo Vinitaly, la più grande manifestazione dedicata al mondo del vino.

Orari e modalità di visita sono differenti, la prenotazione è obbligatoria fino a un massimo di 4 ingressi a persona per ogni luogo. È possibile farlo entro il giorno precedente alla visita scrivendo un'email a dimorestoriche@tosc.it o attraverso il numero dedicato 06.32810961 (dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18; il sabato dalle 9 alle 13; giovedì 25 e venerdì 26 aprile dalle 9 alle 13; chiuso domenica 14, domenica 21 e lunedì 22 aprile). Per effettuare le visite è necessario rispettare tassativamente orario e condizioni che saranno comunicati al momento della prenotazione.

Per ulteriori informazioni:
www.retedimorestorichelazio.it

Commenta su Facebook