cultura

Dopo oltre 400 anni, Caprarola saluta i Padri Carmelitani di Santa Teresa

lunedì 14 gennaio 2019
Dopo oltre 400 anni, Caprarola saluta i Padri Carmelitani di Santa Teresa

Nel pomeriggio di domenica 13 gennaio 2019, presso la chiesa carmelitana di Santa Teresa, il vescovo della Diocesi di Civita Castellana, Romano Rossi, ha celebrato una solenne cerimonia eucaristica alla presenza delle autorità religiose, civili, militari e di gran parte della popolazione di Caprarola. Alla celebrazione erano presenti anche i cavalieri dell’Ordine Costantiniano di San Giorgio in qualità di rappresentanti di S.A.R. il principe Don Pedro di Borbone, erede farnesiano.

Il vescovo Rossi, nel descrivere il rapporto di fratellanza che i padri carmelitani hanno costruito nei secoli con la popolazione locale, ha sottolineato che “ci rimane un'impegnativa eredità. S.A.R. il principe di Borbone ha assicurato al generale dei carmelitani che questo luogo, questa struttura, continuerà, sotto la responsabilità diretta del vescovo di Civita Castellana, a svolgere il suo servizio”.  

Il consiglio comunale, presente al completo, come segno della profonda riconoscenza e dell’intenso affetto che da quattro secoli lega i padri carmelitani e la popolazione di Caprarola, ha inteso riconoscere la cittadinanza onoraria agli ultimi tre padri rimasti nel convento: Padre Paolo Rinelli, Padre Arnaldo Pigna e Padre Bruno Minicucci, anche come simbolo per tutti i padri carmelitani che si sono succeduti a Caprarola nei secoli passati.

Significative le parole, dense di commozione, del sindaco Eugenio Stelliferi: “Si sta scrivendo in questi giorni una pagina straordinaria per Caprarola, la fine di una gestione di oltre 400 anni da parte dell’ordine dei padri carmelitani, una gestione che ha contribuito in maniera determinante nella formazione e nella crescita di tante generazioni che si sono succedute qui a Caprarola”.

Inoltre l’avvocato Roberto Saccarello, delegato per la Tuscia e Sabina dell’Ordine Costantiniano di San Giorgio, a nome di S.A.R. il principe don Pedro di Borbone, ha consegnato ai tre Padri una onorificenza dell’Ordine. Toccante il caloroso abbraccio tra padre Arnaldo e l’anziano ex ciabattino Franco Catulli che nel lontano 1956 gli aveva realizzato i sandali quando era ancora un giovane studente, e che voleva simboleggiare l’abbraccio di tutti i carmelitani verso la popolazione di Caprarola. Al termine di una cerimonia densa di emozioni e di commozione, tutti i presenti si sono stretti con profondo affetto attorno ai padri carmelitani.

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 15 febbraio

Le Velette e Il Botto, nuova escursione ed assemblea dei soci per il CAI di Orvieto

Italia Nostra solleva il caso sul rifacimento delle facciate in piazza Duomo

Nella Cripta del Santo Sepolcro. Dall'articolo su "MedioEvo" alle riflessioni in biblioteca

"Scoperte di Gusto", il calendario della seconda edizione

"Incredibili Ars e Arpat, sulla geotermia tirano dritti come nulla fosse"

Rubinetti a secco a Ciconia, sospensione dell'erogazione idrica dalle 22 alle 7

Corso di distillazione delle piante aromatiche ed officinali. Teoria e pratica a Villa Paolina

Collina e sole

L'opposta Elisa Mezzasoma felice per il primo posto della Zambelli Orvieto

Al Teatro Boni Seven Cults porta in scena "Maria Stuarda. Le donne e il potere"

"La Gazza Ladra" di Rossini apre il ciclo di ascolti "Nonsololirica in Sala Eufonica"

Il reparto manutenzioni del Comune si rafforza, in arrivo più mezzi e personale

Karate, 576 atleti in gara a Orvieto. Qualificazioni provinciali del Comitato FIK Viterbo

Nasce il "Circolo Arci Bene Comune Porano". Festa del tesseramento in Via Petrarca

Presentazione bandi regionali per le aziende. Incontro pubblico per micro, piccole e medie imprese

Il Cannara alza la voce, l'Orvietana fuori dalla Coppa

58° Charter Night del Lions Club di Orvieto, nuovi soci e rinnovati impegni

Corteo, la proposta di Ettore della Casa: "Rifare lo Statuto e abolire il collegio dei Decani"

Doppio gioco

A scuola con il tablet. Beneficiano dei vantaggi gli alunni della Primaria e Secondaria di primo grado

Giallo di San Valentino. Indagini non escludono nessuna pista: disposta autopsia sulla 17enne

Sull'Alfina ritorna il sorriso per il Castel Giorgio Volley

Presente e futuro dell'ospedale di Acquapendente a 15 mesi dalla riapertura