cultura

Nuova vita per la Loggia di Ponente. Inaugurati i lavori di restauro al Palazzo della Provincia

sabato 8 dicembre 2018
di Davide Pompei
Nuova vita per la Loggia di Ponente. Inaugurati i lavori di restauro al Palazzo della Provincia

"Si è arricchita di simboli storici e legati all’attualità l’inaugurazione della Loggia di Ponente dopo i restauri finanziati per 60.000 euro dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, sempre attenta alla valorizzazione del patrimonio artistico, storico e culturale del territorio nel quale opera con grande impegno anche sul fronte del sociale oggi più che mai bisognoso di attenzione". Lo ha detto Fabrizio Stazi presente giovedì 6 dicembre alla cerimonia su delega del presidente della Fondazione Giampiero Banconi. Nel portarne i saluti ha specificato anche che il residuo sul finanziamento erogato permetterà di proseguire nel recupero dell'elegante elemento architettonico provvedendo a qualche altro piccolo intervento sulle parte residue come i pavimenti.

Nelle parole del neo-presidente della Provincia di Perugia Luciano Bacchetta, il ringraziamento alla Fondazione e alla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio dell’Umbria per la cura verso il recupero dell’ingente patrimonio storico-artistico di cui è ricco non solo il Palazzo della Provincia di Perugia, ma tutte le città della regione. Borghi compresi. "L'auspicio – ha confidato – è che la riapertura della Loggia di Ponente rappresenti anche l’inizio della rinascita delle Province in ruolo e dignità. Enti che negli ultimi anni sono stati ingiustamente bistrattati e depotenziati rispetto alle richieste che arrivano dai 59 Comuni perugini e dai 33 che ricadono sotto la competenza di Terni".

Affidato a Danilo Montagano, dirigente del settore amministrativo, un excursus storico dalla costruzione del Palazzo della Provincia avvenuto nel 1873 su progetto dell’architetto Alessandro Arienti. La soprintendente Marica Mercalli ha spiegato, invece, come l'immobile segni l’inizio dello Stato Unitario e come la Loggia di Ponente abbia subito fin dagli inizi danni ingenti. Ne sa qualcosa la decorazione originaria attribuita a Matteo Tassi, rovinata dagli agenti atmosferici essendo la loggia aperta e sottostante ad un terrazzo. "Già dal 1915 – ha spiegato – fu oggetto di totale rifacimento. Si è deciso, quindi, di mantenere il decoro del 1915 lasciando soltanto alcune testimonianze precedenti tra cui circa 2 metri quadrati del Giardino d'Inverno".

Il dettaglio del lavoro eseguito è stato illustrato dallo storico dell’arte Giovanni Luca De Logu che ha evidenziato l’importanza del palazzo nato dalle rovine della Rocca Paolina simbolo dello Stato Pontificio e ricordato che attendere un restauro è anche il Grifo originario conservato nei depositi della Provincia la cui copia, sottoposta alle intemperie, campeggia sulla sommità del palazzo condiviso con la Prefettura. Prezioso per comprendere a fondo la cura e l’attenzione rivolta a questo restauro della loggia, l’intervento di Nicola Panichi, la cui ditta ha curato il restauro delle decorazioni. In sostanza l’opera realizzata si segnala per la completezza e per l'estremo livello di accuratezza tecnica e professionale ai quali si è ispirato.

"Con la pulitura – ha sottolineato – è stato ripristinato il colore originale dipinto nel 1915 in stile Liberty, che ripropone il lavoro di Polidori e Giancarli come uno dei primissimi esempi di circolazione a Perugia del nuovo stile floreale. Da alcuni tasselli aperti in varie parti delle pareti sono emersi i fotogrammi della decorazione tardo ottocentesca fino ad ora mai visti. A questi esiti fondamentali dei lavori di restauro si sono aggiunti gli importantissimi interventi di reintegrazione pittorica delle lacune di soffitti e pareti, le operazioni di tinteggio a nuovo delle pareti, la riverniciatura della ghiera metallica e dei colonnini portanti che sostengono la grande vetrata, la restituzione della cromia originaria ai sei arconi delle pareti.

E ancora la ripresentazione estetica della balaustra ed il ripristino del pavimento originario realizzato in graniglia colorata con la tecnica del battuto alla veneziana. Infine, è stato riportato alla luce, ritoccato e lasciato bene in vista, un settore, di circa 2 metri quadri, dell'originaria decorazione parietale che simula il Giardino d’Inverno. Da qui si può constatare che le decorazioni ottocentesche attribuibili a Tassi o alla sua bottega, ricoprivano completamente, con grande effetto scenografico, tutte le superfici piane della loggia". Vezzo architettonico di un edificio, dotato di porticato su tutto il perimetro che integra lo stile dei palazzi pubblici dell'Italia settentrionale con la bicromia umbra bianco-rosa data dall’uso delle pietre locali.

Commenta su Facebook

Accadeva il 25 marzo

Semaforo mobile blocca il traffico sul Ponte dell'adunata

Comprensorio e Intercomunale del Pd pronti per le Regionali, ampio consenso su Galanello

Coppia di Ficulle vittima della truffa della casa di legno, i carabinieri denunciano due messinesi

La Conferenza permanente delle Donne Democratiche di Orvieto elegge portavoce Alice Leonardi

Il clero della diocesi di Orvieto-Todi in ritiro spirituale a Spagliagrano

Zambelli Orvieto: sarà una Coppa Italia di grande attrattiva

Un logo per Civita di Bagnoregio. Via al concorso di idee per realizzarlo

Polemica rientrata, la sala piccoli interventi dell'ospedale è operativa

Le iniziative a cura del Centro di Documentazione Popolare di Orvieto

Il Lions Club vicino al Gruppo Fai di Orvieto per le Giornate di Primavera

Rupe di Sugano. Entro fine estate, via agli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico

Nuova data per la tappa di Orvieto del tour "In strada con sicurezza"

Sacripanti (FdI-An): "Affidare quanto prima il Centro Congressi a soggetti esterni competenti"

Royale Confrerie Prestige des Sacres. Serata di beneficenza per sostenere la lotta contro il cancro

Sul palco di "Amateatro" è la volta di "Come d'Autunno"

La Farsiccia di Archeofood pronta a conquistare il San Giovanni di Orvieto

A Camorena le celebrazioni in ricordo del sacrificio dei Sette Martiri orvietani

"SNS Meeting" al Palazzo dei Congressi. Attività svolta e programmi di gestione e di sviluppo

Verso la candidatura del merletto italiano come patrimonio immateriale dell'Unesco

Cerimonia delle Candele e due nuovi ingressi per la Fidapa di Orvieto

Centrale a biomasse. Ancora un contributo per capire meglio

Perché aderire all’associazione Libera. Anche in Umbria occorre impegnarsi contro le mafie

Buoni frutti dall'impegno politico di Emily Umbria: molte le socie elette. Nell'immediato un'iniziativa politica il 7 aprile e la piena attuazione sul lavoro dei diritti per le pari opportunità

Settimana della Cultura: '...che il buon Dio ci faccia ritornare a casa sani e salvi e vincitori'. Lettere e cartoline di soldati della I guerra mondiale. All'Archivio di stato di Orvieto fino al 30 aprile

Settimana della Cultura: 25-31 marzo 2008. Domenica 30 Marzo visite guidate presso i tre Antiquarium Comunali di Baschi, Lugnano in Teverina e Tenaglie

Un voto a sinistra per una scelta di parte. Mercoledì 26 marzo incontro-dibattito con il candidato al Senato Giuseppe Ricci: ore 21 a Palazzo dei Sette

La valorizzazione della Tuscia passa per il Casello autostradale Nord. Soddisfazione di Assocommercio per il comune impegno dei Comitati dell'aeroporto di Viterbo e del Casello Nord

La Nuova Biblioteca Luigi Fumi si arricchisce della donazione Giuseppe Gadda Conti

Il Dottor Terrezza confermato direttore sanitario alla Divina Provvidenza di Ficulle. 600 firme a suo sostegno

Protestano i lavoratori dell'autogrill di Fabro chiuso per inagibilità. Summit in Prefettura per trovare una celere soluzione

Confagricoltura Orvieto chiede coinvolgimento e trasparenza sulla centrale a biomassa

Giovedì 27 marzo a Orvieto incontro alle 21 con Giampiero Bocci e Carlo Emanuele Trappolino. Altri incontri a Viceno, Castelgiorgio, Porano