cultura

Cinema d'autore al Caporali. Si proietta "Un affare di famiglia"

sabato 3 novembre 2018
Cinema d'autore al Caporali. Si proietta "Un affare di famiglia"

Con l'autunno al Cinema Caporali di Castiglione del Lago torna la programmazione di elevata qualità artistica. Lunedì 12 novembre alle 21.30 e mercoledì 14 novembre alle 18 e alle 21:30 si proietta "Un affare di famiglia" il capolavoro di Kore-eda Hirokazu premiato con la Palma d'Oro pochi mesi fa al Festival di Cannes, interpretato da Lily Franky, Sakura Andô, Mayu Matsuoka, Kirin Kiki, Jyo Kairi e Miyu Sasaki.

In "Un affare di famiglia" Kore-eda Hirokazu analizza le disuguaglianze sociali e crea un classico vivente. In un umile appartamento vive una piccola comunità di persone, che sembra unita da legami di parentela: così non è, nonostante la presenza di una “nonna” e di una coppia, formata dall’operaio edile Osamu e da Nobuyo, dipendente di una lavanderia. Quando Osamu trova per strada una bambina che sembra abbandonata dai genitori, decide di accoglierla in casa.

La famiglia, per definizione, non si sceglie. O forse la vera famiglia è proprio quella che si ha la rara facoltà di scegliere. Libero arbitrio parentale: un tema niente affatto nuovo nel cinema di Kore-eda Hirokazu, dallo scambio di figli di "Father and Son" alla sorellanza estesa di "Little Sister". Ma "Un affare di famiglia" percorre solo in apparenza binari antichi, nascondendo una differente declinazione della materia, che guarda al sociale come l’autore non faceva dai tempi di "Nessuno lo sa", con un’opera brutalmente separata in due atti, che lavora molto sul dialogo con lo spettatore.

Il primo segmento sembra esaudire appieno le aspettative di quest’ultimo, introducendolo a un gruppo di ladruncoli che, per interesse prima e per affetto poi, si ritrova a festeggiare un colpo, simulando di avere dei rapporti effettivi di parentela. Tutto sembra procedere nella direzione più attesa, sino alla svolta narrativa che riapre il vaso di Pandora e rimette tutto in discussione. “Buoni”, “cattivi”, giusto e sbagliato, diventano concetti ribaltati sullo spettatore e sui suoi dubbi, con una padronanza della narrazione, già intravista nel “rashomoniano” "The Third Murder", che guarda al relativismo di Akira Kurosawa, ancor più che al consueto termine di paragone di Ozu.

Kore-eda è ormai talmente padrone della propria poetica, elaborata attraverso una lunga e pregevole filmografia, da poterne disporre a piacimento, rivoltandola come un guanto per offrire nuovi punti di vista, nuove ricerche di verità. Il conflitto tra legge morale e legge sociale trasforma i toni quasi da commedia della rappresentazione della famiglia fittizia in un dramma colorato di nero, che colpisce come una sferzata, dopo aver aperto il cuore al sentimento. Lo scontro tra legge e natura raggiunge il suo apice nell’epilogo di "Un affare di famiglia", dimostrando l’invincibilità della prima, che ostruisce la costruzione di un modello alternativo, ma ribadendo con forza le ragioni della seconda.

Un approfondimento sul piano filosofico rispetto al passato dell’autore, che si rispecchia in una maestria formale sempre più stupefacente. Nel primo segmento Kore-eda costruisce una successione di microsequenze mirate ad abbattere ogni resistenza emozionale: il quadro familiare che si ricompone nella plongée dei fuochi d’artificio e poi nell’orizzontalità del bagnasciuga; le simmetrie di lividi e bruciature (le braccia delle donne, le gambe degli uomini), che accomunano paternità o maternità e sembrano segni del destino, esposti di fronte a una giustizia che chiude occhi e orecchie.

Con la grazia che lo contraddistingue nella trattazione delle dinamiche familiari e nelle sfumature di comportamento dei più piccoli, infatti, Kore-eda seziona, con un invisibile bisturi, l’ipocrisia su cui si regge il formalismo nipponico e svela l’abisso che separa le classi sociali. Le professioni umilianti o usuranti che accomunano i membri della “famiglia” costituiscono il nuovo proletariato urbano, assai più eterogeneo e meno leggibile di quello analizzato da Marx. La classe operaia che, anziché sognare il paradiso o una rivoluzione, convive con il “job sharing”. Con "Un affare di famiglia" si ride, ci si commuove e si rischia di finire con il cuore in frantumi. Mai così pessimista, ma forse mai così lucido, Kore-eda è ormai un classico vivente.

Commenta su Facebook

Accadeva il 24 gennaio

Nel "borgo magico" di Calcata, con Asds Polisportiva Castel Viscardo e Armata Brancaleone

Fermati tre ventenni all'uscita del supermercato con merce appena rubata

On line il primo numero del 2018 del periodico aziendale di informazione sanitaria "Usl Umbria 2 inForma"

All'Unitre riprende il Laboratorio di Pittura guidato da Donato Catamo

Regionali 2018, parte il viaggio di Bigiotti attraverso borghi e bellezze della Tuscia

Lo minaccia con il coltello e gli porta via l'incasso giornaliero

Umbria presente a "Winter School 2018. L'agenda sul futuro della sanità italiana"

Recupero evasione Imu, Orvieto al secondo posto tra i 16 Comuni umbri con oltre 15.000 abitanti

Sporcizia e siringhe vicino alla Casa dell'Acqua di Ciconia

Corsi serali all'Istituto Cardarelli. Un gruppo di alunni a Roma dal ministro Fedeli

"Gli Ebrei sono matti" sul palco del Teatro Boni

"Gli Psicodrammatici" mettono in scena "Il senso di colpa"

Procedura di Via. Sacripanti (Gm): "Questo è Germani, questa è la sinistra che ci governa"

Buono servizio sostitutivo del trasporto scolastico per le scuole dell'infanzia

"Vette in Vista", quando il cinema incontra la montagna

"A 80 anni dalle leggi razziali". La Regione ricorda la tragedia della Shoah

Zeno (Pci): "La città si svuota e il sindaco se ne fa una ragione"

Federalberghi: "Le risorse derivanti dall'imposta di soggiorno siano destinate allo sviluppo del turismo"

Toni e Peppe Servillo tornano al Mancinelli con "La parola canta"

Sostegno a domicilio per anziani e disabili, in pubblicazione i bandi

Assistenza sociale fittizia, le Fiamme Gialle portano alla luce oltre 4 milioni di euro di evaso

Esercitazione tecnico-tattica per i marescialli con specializzazione "Sanità"

Nuova geografia giudiziaria, Montegabbione e Monteleone con Orvieto

Testimonianze al Teatro Concordia per la Giornata della Memoria

"Vino made in biologico". Convegno all'Istituto Agrario "Ciuffelli"

Festa del Tesseramento per l'Associazione Andromeda

Orvieto FC, prima squadra nella tana del Cannara

L'allenatore Matteo Solforati valuta i progressi della Zambelli Orvieto

"Più o meno alle tre" con i Lettori Portatili. Andrej Longo presenta "L'altra madre"

Sabato 28 gennaio casting per il nuovo film di Alice Rohrwacher

Nello scavo della piramide di via Ripa Medici ritrovato il cibo degli Etruschi

Corso di Sociocrazia con Pierre Houben all'Auditorium

Orvieto, Via del Corso

L'Orvietana Rugby vince ancora al De Martino

Olimpieri (IeT): "Con Germani il Comune torna a privatizzare"

Prima seduta del nuovo Consiglio Provinciale, convalida degli eletti e giuramento del presidente

Ad aprile torna la Coppa degli Etruschi

Fabrizio Bentivoglio porta "L'ora di ricevimento" al Teatro Comunale di Todi

Imprese Creative, a disposizione 2,8 milioni di euro. Illustrati i criteri del primo bando regionale

Oltre 400 richieste in due mesi nei punti informativi di Sii, Ati e Assoconsumatori

Promozione turistica, l'Umbria presente per la prima volta all'Holiday World di Dublino

Atletica Libertas Orvieto, tanti gli eventi e le manifestazioni in arrivo nel 2017

Seduta plenaria della Pro Loco per l'approvazione dei bilanci

Prima seduta del consiglio comunale. In quindici punti l'ordine del giorno

Al Teatro Santa Cristina, il recital "...ed ora sono nel vento..."

Sisma, si riunisce comitato istituzionale. Marini: "Massimo supporto a sindaci dall'ufficio speciale ricostruzione"

Studenti in Comune per presentare "Testimoni della Memoria. Il nostro viaggio in Polonia"

Linea ferroviaria Orte-Foligno-Perugia, ripristinate due fermate

Cena a base di solidarietà. Serata speciale organizzata dai ragazzi dell'Oratorio San Filippo Neri e dagli studenti dell'Alberghiero

Donne vittime di violenza, in Regione firmato il protocollo per l'inserimento lavorativo e sociale

Sottoscritto il protocollo d'intesa tra Perugia e Orvieto per l'iscrizione delle Città Etrusche al Patrimonio Unesco

Al Teatro Boni va in scena "L'istruttoria" di Peter Weiss

"Viaggio nell'Operetta". Seconda tappa con Katia Ricciarelli e Andrea Binetti

Iaia Forte al Teatro Boni con "Tony Pagoda. Ritorno in Italia"

Benedizione dei Trattori a Ciconia. Gli agricoltori offrono il frutto del loro lavoro

"Comunicare speranza e fiducia nel nostro tempo". Il vescovo incontra i giornalisti per S.Francesco di Sales

Incontro su "La persecuzione in Europa e i suoi effetti anche a San Venanzo"

Uisp, la squadra Umbria Nuoto master cresce