cultura

I reperti di Campo della Fiera tornano in mostra al Museo Archeologico Nazionale

martedì 9 ottobre 2018
I reperti di Campo della Fiera tornano in mostra al Museo Archeologico Nazionale

Grande successo di presenze alla mostra allestita in Lussemburgo sull’antico santuario federale etrusco di Campo della Fiera. Una selezione di reperti esposti adesso al Museo archeologico nazionale di Orvieto. È rientrato ad Orvieto il materiale archeologico prestato dal MiBAC (Polo museale dell’Umbria e Soprintendenza archeologia belle arti e paesaggio) al Musée national d’histoire et d’art di Lussemburgo in occasione della mostra “Le lieu céleste. Les Etrusques et leurs dieux. Le sanctuaire fédéral d’Orvieto (Il luogo celeste. Gli Etruschi e i loro dei. Il santuario federale di Orvieto)2 che, per la prima volta, ha esibito al pubblico circa 1300 pezzi provenienti dal sito di Campo della Fiera.

La mostra è stata curata da Simonetta Stopponi, già professore ordinario di Etruscologia e Antichità italiche dell’Università di Perugia e direttrice degli scavi di Campo della Fiera, ed ha ricevuto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e del Granduca di Lussemburgo, nonché il patrocinio del Comune di Orvieto. L’esposizione è stata realizzata grazie al sostegno finanziario della Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto e al contributo di Generali Assicurazioni e della Cassa di Risparmio di Orvieto ed ha avuto, nel corso dei sei mesi in cui è rimasta aperta (da marzo ad agosto 2018), oltre 20.000 visitatori consentendo una maggiore conoscenza a livello europeo dell’antico “Fanum Voltumnae”, il santuario federale dedicato al dio Veltune (Voltumna o Vertumnus per i Romani), dove, come riferito dallo storico romano Tito Livio, si riunivano i rappresentanti delle dodici maggiori città etrusche per assumere importanti decisioni collegiali.

Grazie all’impegno della direttrice Luana Cenciaioli e agli accordi intercorsi con la Soprintendenza ABAP dell'Umbria, una selezione dei reperti sarà adesso esposta al Museo archeologico nazionale di Orvieto insieme ad altri della Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio dell’Umbria, in vista di una grande mostra che sarà inaugurata ad Orvieto il prossimo anno, curata dalla Prof.ssa Stopponi per il Comune di Orvieto, che caldeggia grandemente l’iniziativa.

 

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 11 dicembre

"ValorePaese". Immobili in concessione, con la promessa di rinascita

Pronta la prima area di sgambatura per cani, già previste altre due

Cena degli Auguri di Natale ed assemblea generale per l'Unitre

Vetrya Orvieto Basket d'autorità in casa della capolista

"Questa nostra Italia". In tanti a Orvieto per l'ultimo libro di Corrado Augias

Pulcinella

Orvieto FC, la prima squadra ritorna in vetta. Momento magico per la società

Orvieto Comune Europeo dello Sport 2017, la tribuna dello Stadio ha il tetto bucato

Quella faccenda lunga della "Settimana Corta"

Comitato Pendolari Roma-Firenze: "Delusi dall'assessore Chianella"

L'Orvietana mette paura alla capolista

In Via Vecchietti torna il Mercatino di Natale della Solidarietà

Pagamento mensa e trasporti, il bollettino arriva a casa

Torna "Valner.In.A.Box", il regalo che non dimentica l'Umbria post sisma

"Campioni in Cattedra" con il Coni, Alessio Foconi alla Scuola Primaria "Barzini"

Gli studenti dell'Istituto Comprensivo a "Mezzogiorno in famiglia"

Televisori sintonizzati su Raitre, Orvieto in onda su "Geo&Geo"

Assemblea regionale di "Potere al Popolo Umbria"

XXV Convegno Internazionale di Studi su Storia e Archeologia dell'Etruria

Prestiti "ad occhi chiusi" in biblioteca per un invito alla lettura a sorpresa

Guasto meccanico all'ascensore del sottopasso ferroviario

In 350 sulla Rupe per la tre giorni di "Orvieto Tango Winter"

Consulta per il sociale e Consulta giovani al Villaggio di Natale con la mostra di pittura

Medaglia d'Oro alla Protezione Civile, sede umbra collegata per la cerimonia

Raffiche di vento e pioggia, si moltiplicano gli interventi dei Vigili del Fuoco

Giornata di studio all'Unitus, Lazio terreno fertile per il futuro