cultura

La Staffetta corre per la città. L'acquisto del libro sostiene il restauro del Portico di Sant'Andrea

lunedì 6 agosto 2018
di Davide Pompei
La Staffetta corre per la città. L'acquisto del libro sostiene il restauro del Portico di Sant'Andrea

In parte cadute sotto il peso del tempo e in parte rimosse a scopi preventivi ad aprile 2015, le 78 antefisse a palmetta che ornavano il Loggiato della Chiesa di Sant'Andrea – 66 sul lato delle 7 arcate e 12 sul lato corto – potrebbero presto lasciare i Magazzini Comunali dove sono conservate e, opportunamente restaurate, tornare nella loro posizione originaria, lungo la linea di gronda. Realizzate in terracotta nel 1928, imitando la soluzione architettonica impiegata negli edifici etruschi, fino a tre anni fa erano posizionate ad occlusione dei canali terminali delle tegole.

Ad imporne la loro rimozione, dopo il sopralluogo eseguito dal personale della Soprintendenza per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Umbria, il cattivo stato di conservazione in cui versavano ma anche l'inconsistenza del tavolato su cui le antefisse erano ancorate. Tra gli interventi conservativi di restauro di cui si avverte la necessità, quello più impegnativo è sicuramente l'alloggiamento nella sede originaria. Le precarie condizioni delle assi in legno, infatti, reclamano la sostituzione di queste ultime e un differente ancoraggio.

Sono ancora al loro posto, ma necessitano ugualmente di una ripulitura che restituisca loro dignità, invece, i 6 clipei in rilievo realizzati in ceramica bianco-verde che ornano l'estradosso delle arcate in travertino affacciate lungo Corso Cavour che raffigurano le corporazioni artigiane di Orvieto. In particolare Tegolari, Fabbri, Vascellari, Scalpellini, Falegnami e Muratori. Oltre alla grondaia, la stessa copertura, infine, necessiterebbe di un intervento di sistemazione, in termini di sicurezza e in osservanza del fatto che da sempre quello è uno dei tanti luoghi di incontro e aggregazione.

Forte di questo spirito di appartenenza ad una comunità, a partire dai suoi simboli identitari, l'Associazione "Comitato Cittadino dei Quartieri" d'intesa con l'Amministrazione Comunale e con la Parrocchia di Sant'Andrea e di San Bartolomeo, desidera contribuire a finanziare almeno una parte del restauro del Portico della Collegiata e invita tutti ad attivarsi. Già sabato 2 giugno, in occasione della presentazione del libro "La Staffetta del Corpus Domini 1958 – 2018" che in 400 pagine racchiude 60 anni di storie, persone, risultati sportivi ma anche foto, aneddoti, testimonianze e frammenti di vita cittadina, era stata annunciata una volontà.

"Quella – torna a dire Armando Fratini, curatore del volume – di destinare il ricavato della vendita delle 500 copie stampate - offerta minima, 15 euro - al recupero di un bene culturale. Ad oggi, senza un eccesso di promozione ne sono state vendute quasi 120. Le altre sono reperibili nelle librerie della città e nella sede del Comitato Cittadino dei Quartieri. Un'occasione da non perdere, anche per ritrovare volti cari tra quelli delle oltre 400 foto che immortalano atleti di tutte le età o persone del pubblico che applaudono al loro passaggio. Lo spirito è quello di attivarsi in prima persona e partecipare ad un'operazione diffusa a sostegno di un intervento connotato come un progetto di comunità".

Prezioso, in questo senso, il supporto dell'Ufficio Sport e dell'Ufficio Cultura del Comune e della responsabile Carla Lodi. "Nel sessantesimo anniversario della Staffetta dei Quartieri – suggerisce, al riguardo, la vicesindaco Cristina Croceabbiamo inteso valorizzare proprio l'unione tra i principi dello sport con il senso di appartenenza, anche sociale, e il desiderio di impegnarsi per la tutela e la riqualificazione di un bene comune, che appartiene a tutti".

"Alla ricerca di un intervento che riflettesse questi valori – spiega l'assessore alla cultura Alessandra Cannistràla scelta è ricaduta sul Portico di Sant'Andrea. L'utilizzo di uno strumento come l'Art Bonus ci insegna che funziona se tra i beni inseriti nella piattaforma c'è un'urgenza artistica, paesaggistica o architettonica in cui la comunità si identifica".

Per ulteriori informazioni e per acquistare il libro:
Via dei Fiordalisi, 14 – orvietodeiquartieri@gmail.com 

Commenta su Facebook

Accadeva il 13 dicembre

Ludovico Cherubini strepitoso a Spoleto, fa suo l'Open Regionale Assoluto di Spada Maschile

Mostra collettiva d'arte per gli studenti del Gordon College

A grande richiesta al Mancinelli torna per il sesto anno "Canto di Natale"

All'Unitus si parla di "Evoluzione delle tecnologie in ambito digitale" e "Project Management"

Promozione della lettura, sì della Regione allo schema di protocollo d'intesa con l'Associazione italiana biblioteche

"Disagio e pregiudizio minorile", convegno in sala consiliare su bullismo e violenza

Un aquilone, forse

Di fiori

Il colonnello Maurizio Napoletano alla guida del Comando militare dell'Esercito Umbria

Concerto Baratto per la Caritas. Maurizio Mastrini al Teatro degli Avvaloranti

Un'ordinanza del sindaco vieta l'accesso alla frazione di Pornello per motivi di sicurezza

Consumo di alcolici, i dati dell'indagine "Passi" nel territorio

In sala consiliare c'è il convegno su minori stranieri non accompagnati

All'Auditorium Comunale va in scena "Il Presidente, una tragica farsa"

Ussi Umbria si conferma campione d'Italia. Finale dedicata a Dante Ciliani e ai terremotati

"Natale in Musica", tutti i concerti della Scuola Comunale di Musica "Adriano Casasole"

Paolo Maurizio Talanti rappresenta il Comune di Orvieto nel consiglio direttivo di Felcos Umbria

Via le auto da Piazza della Pace, c'è la pulizia straordinaria

"Venite Adoremus". Concerto in Duomo della Corale "Vox et Jubilum"

Giornata di Studio per la Polizia Locale, tanti gli argomenti affrontati

Sei incontri per "Stare bene a scuola e a casa". Via al corso promosso da Iisacp, Orviet'Ama e Sert

Milano, troppo Milano o forse no

Elegia per una morte cattiva

Percorrevo con te una assolata

"Lazio in gioco", l'Istituto "Leonardo da Vinci" per il contrasto alla dipendenza da gioco d'azzardo

"Natale sicuro", la polizia intensifica il controllo del territorio