cultura

"Air Show". Tre ore di spettacolo con le Frecce Tricolori sul Lago di Bolsena

venerdì 3 agosto 2018
di Davide Pompei
"Air Show". Tre ore di spettacolo con le Frecce Tricolori sul Lago di Bolsena

Da alcuni anni, le esibizioni si chiudono con la formazione al completo che disegna nel cielo un Tricolore lungo cinque chilometri, che è valso loro il Record Mondiale per la Bandiera Nazionale più lunga mai realizzata. Nate nel 1961 dalla decisione dell'Aeronautica Militare Italiana di creare un gruppo permanente per l'addestramento all'acrobazia aerea collettiva dei suoi migliori piloti, ad oggi le Frecce Tricolori costituiscono la pattuglia acrobatica nazionale più numerosa al mondo.

Dopo mesi di incontri tecnici, annunci e relativa presentazione, il 313° Gruppo Addestramento Acrobatico è finalmente pronto a dare spettacolo nel cielo della Tuscia, solcando lo specchio d'acqua lacustre e portando in alto i colori di bandiera grazie ad "Air Show", "un evento – sottolinea il sindaco di Montefiascone Massimo Paoliniche rimarrà indelebile nella storia della città e del territorio. Non sarà, infatti, solo uno spettacolo ma la riscoperta dei valori che ci uniscono: la Patria, la Bandiera e la Costituzione".

"Grazie alla sinergia tra Aeronautica Militare, club di volo civili e appassionati del settore – aggiunge l'assessore Fabio Notazio, che fin dall'inizio ha fortemente creduto nell'iniziativa – siamo riusciti a realizzare un programma di volo unico senza precedenti nel nostro territorio con ben 13 assetti, praticamente l'esibizione completa in grado di regalare grandi emozioni". Verdi, bianche e rosse.

Si inizia sabato 4 agosto alle 10.30 sul lungolago falisco dove sarà inaugurato il Monumento agli Aviatori, in memoria di quattro piloti montefiasconesi prematuramente scomparsi. Si tratta del tenente colonnello Paolo Scoponi, pilota militare designato a diventare comandante delle Frecce Tricolori, collaudatore sperimentatore, in servizio proprio nel gruppo di Addestramento Acrobatico dell’Aeronautica Militare, deceduto nel 1988 durante un volo di addestramento a Rivolto.

Il maggiore Piero Giraldo, navigatore militare dell’Aeronautica, morto cinque anni dopo in un incidente di volo con un Tornado a Garessio. Il capitano Gino Bartoli, pilota appartenente alla regia aeronautica e poi all’Aeronautica Militare, deceduto a Roma nel 1954 per una malattia contratta in guerra e il capitano Paolo Lozzi, in forza all’Aviazione dell'Esercito Italiano, deceduto in un incidente di volo a Tuscania nel 2014.

In prima fila, accanto alle autorità, il cerimoniale dell’Aeronautica Militare attraverso 16 picchetti armati, due porta corona ed un trombettiere. La cerimonia terminerà per le 11.30, orario di inizio delle prove generali degli assetti di volo che si concluderanno alle 16. Piazzale Mauri si farà cornice alle 21.30 per il concerto della Banda Musicale dell’Aeronautica Militare diretta dal Maestro Marco Moroni e composta da cinquanta musicisti che per 80 minuti proporranno sinfonie di Beethoven, Mozart, Rossini ed arrangiamenti moderni.

Domenica 5 agosto, dalle 11.30 alle 16, la giornata ufficiale dell’Air Show per commemorare i trent'anni dalla scomparsa del colonnello Paolo Scoponi ed il 25esimo del maggiore Piero Giraldo. Dieci gli aerei, nove in formazione e uno solista, pronti ad eseguire il loro programma di volo che prevede una ventina di acrobazie. Dal cosiddetto "Incrocio del Cuore", una delle manovre più sorprendenti a quella altrettanto spettacolare detta “Alona”, con inserimento del solista. Serrate, sul fronte logistico, le disposizioni della macchina organizzativa.

Durante le due giornate, infatti, non sarà possibile accedere con alcun mezzo lungo tutto il tratto del Lungolago, da Montefiascone a Marta. Dai parcheggi – il costo è di 5 euro – sarà disponibile un servizio navetta gratuito fino all’area dello spettacolo. Quattro, i varchi presidiati dalle Forze dell'Ordine Tre, le zone parcheggio adibite per assistere: Lago di Bolsena, chilometro 3,800 in località La Valle, Montefiascone; Strada Provinciale Verentana in località Fondaccio, adiacente al Caseificio “Di Biagio Formaggi”; Strada delle Madonne, Marta.

Per ulteriori informazioni:
www.airshowlagobolsena.it 

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità