cultura

"Sono dunque Suono". Visita notturna e bagno armonico a La Scarzuola

sabato 23 giugno 2018
"Sono dunque Suono". Visita notturna e bagno armonico a La Scarzuola

Terza edizione per "Sono dunque Suono", l'iniziativa che promuove la suggestiva visita serale al complesso de "La Scarzuola" (Montegiove, Montegabbione) guidata da Marco Solari, cui seguirà la possibilità di partecipare al Bagno Armonico condotto dal 2bu. La visita in programma per sabato 30 giugno e domenica 1 luglio 2018, alle ore 20.30 (ingresso a partire dalle ore 20) sarà illuminata dalla sola luce della luna (e delle torce), così da consentire ai partecipanti di focalizzare la propria attenzione esclusivamente sugli aspetti segnalati di volta in volta.

"La visita a La Scarzuola (durata, circa un'ora e mezza) e il Bagno Armonico (durata, circa un'ora) - anticipano gli organizzatori - saranno il tappeto vibrazionale di cui usufruire e sarete voi a stabilire e determinare la qualità della vostra esperienza. Siate coscienti della possibilità di entrare in risonanza con il luogo e gli strumenti sonori attraverso cui tutto questo si compirà.

Per farlo sarà 'sufficiente' essere radicati nel qui ed ora: ascoltando il corpo che si muove all'interno di uno spazio tanto particolare, le sensazioni e i pensieri che ne seguono, il loro legame col corpo. Questo esercizio, portato nella vita di tutti i giorni, consentirà di sviluppare quelle capacità di comprensione di sè in grado di smascherare le innumerevoli personalità costruite nel tempo, le stesse in grado di oscurare la nostra essenza profonda.

La modalità di prenotazione è unica, sia per la visita guidata che per il bagno armonico:
scrivere all'indirizzo email bagnosonoro@gmail.com (seguirà conferma), specificando:
- nome e cognome
- numero di cellulare
- per quante persone prenotate
- la data a cui si vuole partecipare
- se partecipare alla sola visita de La Scarzuola, al solo Bagno Armonico o tutte e due le esperienze

Il costo per la sola visita a La Scarzuola è di 12 euro a persona; per il solo Bagno Armonico di 15 euro a persona, per entrambe 27 euro a persona. Siete pregati di venire provvisti di torce e per coloro che parteciperanno al Bagno Armonico, anche di tappetino e coperte di lana (copritevi bene)/sacco a pelo. In caso di condizioni meteorologiche non ottimali la serata verrà annullata".

La Scarzuola. Convento francescano fondato da San Francesco d'Assisi nel 1218, il quale vi piantò un cespuglio di lauro e di rose e fece scaturire una fonte d'acqua. Deve il suo nome ad una pianta palustre, la Scarza, che il Santo utilizzò per costruirsi una capanna. L'abside della Chiesa custodisce un affresco della prima metà del XIII secolo che ritrae S.Francesco in levitazione. Nel 1956 il complesso conventuale venne acquistato e restaurato dall'architetto milanese Tomaso Buzzi (1900-1981), che progettò ed edificò tra il 1958 e il 1978 a fianco del convento la sua Città Ideale, concepita quale "macchina teatrale". La città Buzziana, che comprende un insieme di 7 teatri, ha il suo culmine nell'Acropoli: una montagna di edifici costituiti da una numerosa serie di archetipi che, vuoti all'interno e dotati di tanti scomparti come in un termitaio, rivelano molteplici prospettive. Una relazione di tipo iniziatico viene a stabilirsi tra il convento (città sacra) e le fabbriche del teatro (città profana), sovraccariche di simboli e segreti, di riferimenti e di citazioni. Ispirato all'Hypnerotomachia Poliphili di Francesco Colonna (1499), lo stile che meglio interpreta la sua licenza è il neomanierismo che egli identifica: nell'uso di scale in tutte le direzioni, volute sproporzioni di alcune parti, mostri, affastellamento di edifici, di monumenti, fino a sfociare nel surrealismo, labirintico, evocativo, geometrico, astronomico, magico.

Il Bagno Armonico è una sessione di gruppo in cui viene chiesto ai partecipanti di sdraiarsi a terra, chiudere gli occhi e mettersi in ascolto. Il suono delle campane tibetane, a cui si affiancano vari strumenti rituali, creerà un'onda sonora: la percezione delle vibrazioni sonore lungo il corpo e dunque la possibilità di mettersi in ascolto di sè e del respiro, dello spazio in cui tutto questo si compie, consente di entrare in sintonia con il qui e ora! L'obiettivo è quello di accompagnare il gruppo verso un profondo rilassamento, in grado di stimolare la propria dimensione psico-corporea.
Risulta efficace per:
- rilassare tensioni fisiche ed emotive;
- ridurre progressivamente stati di nervosismo, ansia, angoscia;
- attenuare i più comuni disturbi del sonno;
- migliorare la concentrazione e la capacità decisionale;
- rinforzare il proprio potenziale di autoguarigione.

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità