cultura

Porte aperte in undici dimore storiche dell'Umbria per l'ottava Giornata ADSI

sabato 26 maggio 2018
di Davide Pompei
Porte aperte in undici dimore storiche dell'Umbria per l'ottava Giornata ADSI

Schiude cancelli e porte di oltre 400 gioielli – tra castelli, palazzi nobiliari, ville, casali, cortili e giardini – per rivelare una bellezza privata sotto chiave che, una volta condivisa, mozza il fiato e allaga gli occhi. È la Giornata Nazionale dell'Associazione Dimore Storiche Italiane, il grande evento di primavera alla sua ottava edizione che si rinnova domenica 27 maggio, nell'Anno Europeo del Patrimonio Culturale.

La European Historic Houses Association, a cui l'ADSI – ente morale riconosciuto senza fini di lucro, nata nel 1977 che riunisce i titolari di dimore storiche presenti in tutta Italia – aderisce, ha raccolto l’invito a celebrare la tradizione e cultura europea, di cui le dimore storiche sono parte rilevante, con una serie di iniziative organizzate da tutte le organizzazioni europee nella Private Heritage Week.

Un'occasione per sensibilizzare sull’importanza della conservazione e della valorizzazione dei beni culturali privati soggetti a vincolo, meta di interessanti percorsi turistici che offrono anche la possibilità concreta di mantenere in vita antichi mestieri necessari per la conservazione di immobili e giardini storici, quali restauratori, pittori, giardinieri, vetrai, marmisti o mosaicisti.

La possibilità di immergersi nell’atmosfera unica e affascinante delle residenze d’epoca, custodi tangibili di saperi, manufatti e tradizioni che costituiscono le radici culturali del Belpaese, in Umbria viene offerta da undici siti. Si va dal Castello di Castagnola della Fondazione Leo Prosperi a Giano dell'Umbria a Borgo Colognola nella frazione perugina di Cenerente.

E ancora: Convento di San Bevignate, Casa Museo di Palazzo Sorbello e Pozzo Etrusco della Fondazione Ranieri di Sorbello, a Perugia, Castello di Monticelli a Castiglione della Valle, Villa Aureli a Castel del Piano e Villa Negri Arnoldi alla Bianca a Campello sul Clitunno. Decisamente più vicina, e imperdibile, Villa Cesari Tiberi a Montevibbiano Vecchio, Marsciano.

Tre, quest'anno, le proposte che arrivano dalla provincia di Terni. Confermato il Castello del Poggio di Guardea (nella foto), ma c'è anche il Castello di Montegiove con tre orari di visita – 11, 13, 17 – e alle 16 un incontro incentrato sulla storia di Orvieto e dell'Alto Orvietano. Prenotazioni: 0763.837473 – 339.8762098.

A Terni, infine, porte aperte al civico 49 di Corso Tacito dove ha sede Palazzo Montani Leoni, proprietà della Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni. Qui sarà visitabile la mostra "Tra Macchiaioli e Belle Époque" con opere di Fattori, Boldini e Signorini. Orario di visita, dalle 11 alle 13 e dalle 17 alle 20.

Per ulteriori informazioni:
umbria@adsi.it

Commenta su Facebook