cultura

Pioggia di applausi per il Concerto di Capodanno al Teatro Unione

martedì 2 gennaio 2018
Pioggia di applausi per il Concerto di Capodanno al Teatro Unione

Un anno iniziato sotto i migliori auspici, quelli della musica, bellissima, portata in scena da artisti per gran parte “di casa”, di altissimo livello. Due su tutti: Fabrizio e Ferdinando Bastianini, il primo direttore dell'orchestra EtruriaEnsemble per l'occasione arricchita dai docenti della scuola musicale comunale, il secondo pianista d'eccezione a cui è spettato l'onere, e sicuramente l'onore, di aprire lo spettacolo.

Il concerto, a cui hanno assistito centinaia di spettatori, presenti il sindaco Michelini, assessori, consiglieri e l'onorevole Fioroni, si è aperto con il repertorio chopeniano scelto da Ferdinando Bastianini, che ha spiegato brano per brano ed eseguito in modo impeccabile, fino alla tradizionale improvvisazione che caratterizza il maestro: da Chopin fino a Strauss, quasi per accogliere l'orchestra che sarebbe arrivata poco dopo, per chiudere con l'inno dei Facchini di Santa Rosa, “Quella sera del 3”, scritta da Lorenzo Celestini.

Il tempo degli applausi, meritatissimi, e il sipario si riapre sulla seconda parte, quella dedicata alla musica sinfonica, tratte per gran parte dalle meravigliose opere composte da Strauss figlio. L'orchestra si accomoda e viene raggiunta dal direttore, il maestro Fabrizio Bastianini: è il momento di stupire.

Come nella migliore tradizione viennese inizia lo spettacolo, che si arricchisce anche della danza, con il sensuale tango di Gardel, elaborato per orchestra dallo stesso Bastianini, ingraziosito dalle appassionate movenze dei maestri Massimo Polo e Oksana Nechytaylo. I brani più amati dal pubblico dipingono man mano un pentagramma a tratti romantico a tratti esaltante, da Sul bel Danubio blu alla maestosità musicale di Sotto tuoni e fulmini, fino al Valzer dei fiori, tratto dallo Schiaccianoci di Tchaikosvsky.

Applausi scroscianti convincono il direttore a donare un'ultima chicca, la più classica e attesa: la Marcia di Radetzky, che al di là dei significati storici e politici per cui fu composta, permette al pubblico di partecipare, applaudire a tempo, seguendo il direttore e sentirsi parte integrande di un'insieme musicale.

Si è conclusa così, meravigliosamente, una festa di musica che sia di buon auspicio per l'intero anno, considerando anche il gesto benefico: il ricavato sarà devoluto di nuovo al Lions Club Viterbo a favore del progetto Campo delle Rose.

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 gennaio

L'Italia dei piccoli centri. Amiata e Maremma nel volume monografico di "Testimonianze"

Notte di sangue sull'Autostrada del Sole, muore un trentenne

Nuova seduta per il consiglio comunale. L'ordine del giorno dei lavori

La Vetrya Orvieto Basket attende il Basket Bastia al PalaPorano

La Zambelli Orvieto non si fida della trasferta a Castelfranco

Poste, recapito a giorni alterni, la protesta in Parlamento. Verini (Pd) al Governo: "Rivalutare la scelta"

A Norcia partono i lavori per la scuola elementare

Operazione interforze sul territorio, in arrivo nuovi controlli

Rifiuti, nuova eco-piazzola intercomunale Guardea-Alviano

Riparata la fontanella alla spina danneggiata dal ghiaccio

Gli studenti tuderti alla scoperta del "geometra del futuro"

Vertenza Unicoop Tirreno, dieci posti di lavoro a rischio in Umbria

Gestione impianti termici, in vigore le nuove disposizioni regionali

Coding, in biblioteca prendono il via i corsi per i ragazzi delle scuole medie

Scomparso a 89 anni il Maestro Nino Caruso, l'artista era molto legato alla città

In Via della Misericordia II, aprono Sartoria MIR e Open space di co-working

Le Fiamme Gialle intercettanto un carico di vestiti e accessori con marchi contraffatti

Wine Research Team: una "potatura intelligente" per un prodotto di qualità e piante sane

Lavori edili alla Caserma "Nino Bixio", sosta vietata in Piazza Guerrieri Gonzaga

Sistemazione idraulica del Carcaione, chiude il parcheggio con ingresso da Via delle Mimose

Pulizia programmata delle piazze del centro storico, modifiche alla sosta

L'olio d'oliva è protagonista al centro commerciale Porta d'Orvieto

Lo vidi

"Giobbe o la tortura dagli amici". Il Medioevo va in scena a Palazzo Filippeschi Simoncelli

"Zona 30" a Sferracavallo, si può fare

No alle dimissioni, ma sulla Cecchini il sindaco è chiaro: "scivolone istituzionale"

Differenziata: polemiche e quesiti bipartisan, cittadini e commercianti protestano

Piedibus, il Comune ci riprova: sarà buona la seconda?

La Zambelli Orvieto ha una nuova tigre, è la schiacciatrice Martina Escher

De Francesco "Sette...bellezze", il bomber che fa sognare Orvieto e l'Orvietana

Calendario venatorio, il Governo fissa al 21 gennaio la chiusura per tre specie

Carnevale di Ronciglione tra i 10 più belli d’Italia

Torna su Rai3 "Per un pugno di libri" con i ragazzi del Liceo Classico

Senso unico alternato sulla SP 52 Fabro-Parrano

Cramst: Balli, suoni e sapori da Carnevale alla Festa delle Donne

Seconda edizione del concorso di poesia e narrativa "Saverio Marinelli"

Il cardinale Ennio Antonelli incontra il clero della diocesi di Orvieto-Todi

Area camper a Città della Pieve, partiti i lavori. Ecco il progetto

Il Comune bene comune. Per la tutela dell'autonomia comunale, del territorio e della democrazia

Al Teatro Mancinelli arriva il "Decamerone" di Stefano Accorsi

"Un Mondo Incredibile" al Centro Viva. Torna il laboratorio di teatro e pensiero

Comune e Fondazione Cro riscoprono Giuseppina Anselmi Faina. Presto una pubblicazione sull'artista

L'Opera del Duomo presenta il restauro dei mosaici della facciata

Zalone e la nonna che torna al cinema. Aneddoti e retroscena di un successo

Gianni Pontillo al Teatro "Il Mascherone" con "Politicamente bugiardi"