cultura

In 150 per l'apertura straordinaria di Palazzo Donini

venerdì 29 dicembre 2017
In 150 per l'apertura straordinaria di Palazzo Donini

“Apriamo, per la terza volta, le porte di Palazzo Donini per far conoscere ai cittadini il palazzo di grande prestigio e fascino dal punto di vista architettonico e artistico che ospita la Presidenza della Giunta regionale”. Lo ha sottolineato la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, che nel pomeriggio di giovedì 28 dicembre, insieme al professor Francesco Federico Mancini, docente di Storia dell’Arte moderna all’Università degli Studi di Perugia e autore, tra le altre opere, di un volume su “Il Palazzo Donini di Perugia”, ha guidato un folto gruppo di visitatori alla scoperta delle sale al Piano nobile e al piano terra di Palazzo Donini.

Come annunciato, la visita è stata preceduta da una conferenza stampa che si è tenuta al Salone d’Onore nel corso della quale la presidente Marini e il professor Mancini hanno illustrato le principali tappe della storia della famiglia Donini e del Palazzo, le sue caratteristiche architettoniche e artistiche; presenti, tra gli altri, delegazioni del Fondo Ambiente italiano dell’Umbria, guidata dalla presidente Nives Tei Coaccioli, e del FAI di Todi, con l’architetto Giovanna Signorini e il sindaco della città Antonino Ruggiano. Secondo appuntamento, venerdì 29 dicembre.

“Abbiamo scelto questo periodo – ha detto la presidente Marini – perché questi sono i giorni in cui è più facile rendere possibile visite nelle sale che ospitano le attività degli uffici della Presidenza. Apriremo di nuovo in via straordinaria le sale del Palazzo ai visitatori aderendo a un’iniziativa del Fai regionale. Vogliamo infatti far conoscere al maggior numero di cittadini questo palazzo, di cui normalmente sono accessibili solo due sale che ospitano iniziative ed eventi, facendoli partecipi anche dell’attento lavoro di restauro, consolidamento e di tutela svolto dalla Regione Umbria, che ne è proprietaria dagli anni Settanta”.

La presidente Marini ha ripercorso la storia della famiglia Donini e del Palazzo fatto edificare ex novo dai Donini dal 1716 al 1724, ceduto al Comune di Perugia nel 1879 e che nel tempo ha ospitato alcune sezioni del Museo civico di Perugia, la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Perugia, ma anche di Scienze Matematiche e Fisiche e convegni della Facoltà di Medicina, così come uno sportello della Banca nazionale del lavoro. “Un palazzo di prestigio – ha detto inoltre – che ospitava le personalità più rilevanti che giungevano a Perugia, quali il principe austriaco Metternich e l’allora cardinale Pecci, poi papa Leone XIII. La sua storia si è sempre intrecciato con la storia civile di Perugia”.

Il professor Francesco Federico Mancini, sottolineando “l’encomiabile iniziativa” dell’apertura straordinaria di Palazzo Donini, ha ricordato come l’edificio nacque come “status symbol: i Donini, negozianti di velluti di seta e che acquisiscono titolo nobiliare nel 1751, acquisiscono posizione economica e sociale di assoluto privilegio quando le altre famiglie dell’aristocrazia cominciano a flettere. Non a caso – ha aggiunto – scelgono una posizione strategica negli spazi cittadini, di fronte alla fortezza farnesiana, per costruire questo Palazzo, dalla sobrietà architettonica neocinquentesca”.

“All’interno – ha rilevato – i Donini si ‘lasciano andare’ dando vita a decorazioni ridondanti, esagerate se si vuole, sicuramente accresciute dagli arredi straordinari che dovevano addobbare queste sale. Le iconografie delle pitture murali sulle volte – ha spiegato ancora il professor Mancini – alludono a ricchezza e potenza, ma anche alla moderazione nel sapersi presentare come nuovi ricchi, come mostra ad esempio il dipinto che domina nel salone d’Onore, raffigurante Fetonte sul carro che viene folgorato da Giove”. Se “non si conosce con esattezza il progettista di Palazzo Donini, fra le ipotesi c’è quella di Pietro Carattoli, sono noti invece gli autori dei ricchi decori delle sale del piano nobile, tra i migliori esponenti della cultura artistica perugina dell’epoca quali Pietro Carattoli, Francesco Appiani, Giacinto Boccanera e Nicola Giuli”.

La visita, che ha portato i visitatori anche alla scoperta di un'ex cappella, decorata da stucchi e dipinti inquadrati in ardite prospettive architettoniche e da una tela dell’Appiani, raffigurante l’Incoronazione della Vergine, si è conclusa a piano terra di Palazzo Donini, nelle tre sale con volte dipinte da Sebastiano Ceccarini e Antonio Gioli, e nella sala Fiume che ospita un ciclo di dieci grandi tele dell’artista siciliano Salvatore Fiume, realizzate nel 1949 su commissione dell’industriale Bruno Buitoni, che raccontano “Le avventure, le sventure e le glorie dell’antica Perugia” e che sono state donate alla Regione.

Un doppio appuntamento che ha suscitato forte interesse. Complessivamente sono stati, infatti, circa 150 i partecipanti alle visite guidate svolte nell’arco delle due giornate che hanno avuto la possibilità di conoscere la storia e il valore culturale e artistico dello storico palazzo dal 1716, anno in cui iniziò la sua costruzione, fino ad oggi.

Le visite guidate, a cura di Sistema Museo, hanno interessato tutto il piano nobile e parte del piano terra del Palazzo, anche nelle sale riservate non aperte al pubblico.  Di proprietà della famiglia Donini e nel XIX secolo ceduto al Comune di Perugia, Palazzo Donini è stato poi acquistato dalla Regione Umbria per farne la sede. Il settecentesco edificio è stato prima sottoposto a interventi di consolidamento e di restauro, riconfigurazione e riarredo curati, per quanto riguarda restauro e allestimento degli interni, dagli architetti Daria Ripa di Meana e Bruno Salvatici.

Sono stati proprio i due architetti, insieme al critico d’arte Vittorio Sgarbi, ad inaugurare nel dicembre 2014 con una conferenza storico-artistica la prima delle aperture straordinarie di Palazzo Donini volute dalla presidente Marini per far partecipe la comunità umbra di una delle testimonianze architettoniche e artistiche più significative della regione. L’apertura straordinaria di Palazzo Donini verrà sicuramente ripetuta nel 2018.

Fonte: Regione dell'Umbria

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 gennaio

Meteo

lunedì 22 gennaio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
21:00 5.1ºC 96% buona direzione vento
martedì 23 gennaio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 7.5ºC 91% buona direzione vento
15:00 10.1ºC 68% buona direzione vento
21:00 3.9ºC 89% buona direzione vento
mercoledì 24 gennaio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 5.5ºC 69% buona direzione vento
15:00 10.6ºC 58% buona direzione vento
21:00 2.7ºC 88% buona direzione vento
giovedì 25 gennaio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 5.6ºC 92% buona direzione vento
15:00 9.5ºC 80% buona direzione vento
21:00 7.2ºC 96% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni