cultura

"Un mondo di fiabe", letture ad alta voce nelle Scuole Primarie

lunedì 20 novembre 2017
"Un mondo di fiabe", letture ad alta voce nelle Scuole Primarie

Il Teatro Null, Officina culturale della Regione Lazio "I porti della Teverina" per il biennio 2017/19, fa della “lettura ad alta voce” uno fra i suoi punti di forza, portando così fiabe e leggende da tutto il mondo nelle Scuole Primarie. Si partirà da fine novembre con tre appuntamenti di 2 ore ciascuno per Scuola, dei Comuni di Civitella d’Agliano, Castiglione in Teverina, Bagnoregio, Celleno, Graffignano/Sipicciano e Lubriano e dei nuovi Comuni che hanno aderito all’Officina, Bolsena e Gradoli.

"Vogliamo offrire il rito del racconto." - dice il suo curatore Gianni Abbate - "Attraverso la lettura di favole, storie e leggende provenienti da tutto il mondo, vogliamo far vivere emozioni, incuriosire e divertire. La lettura ad alta voce fa emergere il grande valore sonoro della parola, con la sua capacità di evocare suoni, sensazioni (visive, tattili, olfattive, gustative, propriocettive) e stati mentali (affetti, emozioni, ecc.). Un libro è grande almeno quanto un teatro e un attore può muoversi al suo interno come su un palcoscenico: essere insieme il personaggio e la scenografia, la voce e la colonna sonora. Nelle letture animate si farà anche l’uso della pantomima, antica forma drammatica di cui si servivano i comici della commedia dell’arte, e più vicino a noi il grande Dario Fo. Eliminando, quindi, scene e costumi, si lascia alla fantasia dei bambini, e perché no, anche degli adulti, di spaziare liberamente in tutte le direzioni e di interagire con l'attore.

Una novità assoluta, suggerita dal Dirigente Scolastico Prof.ssa Paola Adami dell’Istituto omnicomprensivo F.lli Agosti di Bagnoregio, entusiasta dell’iniziativa, sarà quella di portare i bambini di una determinata Scuola, mettiamo di Bagnoregio, ad ascoltare le letture nella Scuola Primaria di Castiglione in Teverina e dare loro, così facendo, la possibilità di conoscere anche altre realtà. Perché questo è uno dei principali obiettivi de “I porti della Teverina”: proporre un senso sociale della cultura, un’interpretazione del fatto culturale come fatto vivo e presente di azione e relazione.”. Il progetto prevede letture di fiabe e leggende provenienti dalla Russia, Inghilterra, Francia, Romania, India, Cina e…..naturalmente anche fiabe italiane. Alle letture animate troviamo, oltre a Gianni Abbate, Ennio Cuccuini. Uno stimolo alla lettura che porterà poi i bambini a riscoprire da soli, leggendo, le emozioni provate ascoltando.

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 26 maggio

L'Alta Tuscia riscopre i gioielli. Invito a Civita, Palazzo Monaldeschi e la Serpara

Due ori e tre bronzi per la Scuola Keikenkai al 2° Campionato Europeo di Karate Iku

Staffetta dei Quartieri. All'ombra del Duomo si corre la 51esima edizione

La Zambelli Orvieto si ferma sul più bello col Casal De' Pazzi

"Focus on pain" a Palazzo Alemanni. Seconda edizione per il congresso medico

Piazza del Popolo, parcheggi a disco orario non più a pagamento

"L'Eucarestia nell'arte cristiana". Conferenza Rotary in Duomo

Corso da tecnico audio e corso di informatica musicale al "Tuscia in Jazz 2016"

Alla Galleria Falzacappa Benci di passaggio i pellegrini di Giorgio Pulselli

A Guardea ed Alviano le musiche di Piovani e Morricone per il Concerto di Primavera

"Basta un Sì per cambiare l'Italia". Incontro a Sferracavallo con Luca Castelli

La Kansas State University sempre più presente sul territorio orvietano

Legambiente denuncia gravi profili di illegittimità del calendario venatorio

Il Coro degli Alpini dei Monti Lessini in concerto

Filippo Orsini relaziona su "Bartolomeo d'Alviano, Todi e l'Umbria tra XV e XVI secolo"

"Una buona stagione per l'Italia. Idee e proposte per la ricostruzione del Paese e dell'Europa"

Alla scuola Frezzolini di Sferracavallo s'inaugura la biblioteca "Sheradzade"

Nasce l'Albo sostenitori "Orvieto Cittaslow". Ecco da chi è composta la commissione

Divieto di pesca per consumo alimentare sul Paglia, scatta l'ordinanza del sindaco

"Etruschi 3D". Presentata la mostra multimediale curata dall'Associazione Historia

Che cos'è "Etruschi 3D"